La GAM di Milano omaggia Angelo Morbelli nel centenario della scomparsa


Dal 15 marzo al 16 giugno 2019, la GAM di Milano ospita la mostra ’Morbelli 1853 - 1919’, dedicata ad Angelo Morbelli nel centenario della scomparsa.

Dal 15 marzo al 16 giugno 2019, la GAM - Galleria d’Arte Moderna di Milano ospita la mostra Morbelli 1853 - 1919, nella ricorrenza del centenario della scomparsa di Angelo Morbelli (Alessandria, 1853 - Milano, 1919), uno dei più importanti pittori divisionisti e non solo. La rassegna, curata da Paola Zatti con la collaborazione di Alessandro Oldani, Giovanna Ginex e Aurora Scotti, intende offrire un approfondimento della conoscenza dell’artista a partire da alcuni capolavori conservati nelle collezioni del museo milanese e si pone nel solco di un programma volto ad approfondire artisti e movimenti decisivi nelle evoluzioni dell’arte tra Otto e Novecento: (si ricordano, dal 2014 in avanti, la monografica dedicata ad Alberto Giacometti e le mostre su Medardo Rosso, Adolfo Wildt, la Scultura dell’Ottocento, Giovanni Boldini e Francesco Hayez).

Con trenta opere tra cui prestigiosi prestiti, nazionali e internazionali, provenienti tra gli altri dal Musée d’Orsay di Parigi e dalla Galleria Nazionale d’Arte Moderna, la mostra vuole documentare alcuni degli aspetti salienti della produzione di Morbelli, quali la sperimentazione tecnica e l’elaborazione di alcune tematiche a cui sono dedicate le sei sezioni del percorso, propone nuovamente l’artista sulla scena milanese dopo moltissimi anni di assenza. Sono sette le sezioni dell’esposizione, e seguono l’iter di Angelo Morbelli da un punto di vista cronologico ma con anche approfondimenti tematici: si parte dal Monferrato, terra di cui la famiglia Morbelli era originaria, si segue l’artista nei suoi studi a Brera, si indaga il tema dei “vecchioni” che gli permisero di sperimentare una pluralità di soluzioni formali e compositive, perfezionando la tecnica divisionista, si esamina il suo rapporto con Milano e il suo profondo attaccamento alla città, si prosegue con i suoi soggiorni nella terra d’origine (a cui fu sempre molto legato), per finire con un approfondimento sulle sue figure femminili e sulla maturità della sua pittura divisionista. Il percorso è completato da alcune opere di confronto che documentano le affinità tematiche, tecniche e compositive tra l’artista e alcuni suoi contemporanei, come Ernesto Bazzaro, Giuseppe Pellizza da Volpedo (con cui condivise anni di amicizia e lunghi scambi epistolari), Medardo Rosso, Vittore Grubicy de Dragon.

La mostra è promossa da Comune di Milano | Cultura e ideata e prodotta dalla Galleria d’Arte Moderna e fa parte di Milano Art Week (1-7 aprile), palinsesto del Comune di Milano dedicato all’Arte Moderna e Contemporanea, proponendo un ciclo di incontri e visite guidate dedicate. Aperta al pubblico dal 15 marzo al 16 giugno, è allestita nelle sale del piano terra di Villa Reale, recentemente sottoposte a un intervento di restauro che valorizza le decorazioni e i pavimenti originali anche grazie a un rinnovato impianto illuminotecnico. La mostra è accompagnata da un catalogo edito da Silvana Editoriale, con saggi di Paola Zatti, Giovanna Ginex, Aurora Scotti, Alessandro Oldani, Niccolò D’Agati, Gianluca Poldi e le schede delle opere a cura di Costanza Ballardini. La realizzazione dell’esposizione ha potuto contare sul sostegno de “Amis d’la Curma”, associazione culturale che ha tra i suoi obiettivi la valorizzazione della figura di Angelo Morbelli e del territorio monferrino. Negli ultimi quindici anni, l’associazione ha ridato vita a Villa Maria, residenza di Morbelli, con un’opera di recupero e di ricerca degli oggetti a lui appartenuti in una ricostruzione suggestiva del suo studio.

Orari: dal martedì alla domenica dalle 9 alle 17:30 (chiuso il lunedì), ultimo ingresso un’ora prima della chiusura. La mostra è inclusa nel biglietto di ingresso al museo: intero 5 euro, ridotto 3 euro. Ingresso gratuito il primo e il terzo martedì del mese dalle ore 14:00 e ogni prima domenica del mese. Il biglietto cumulativo offre l’ingresso libero a tutti i Musei Civici per tre giorni (un ingresso in ogni museo). In vendita online (senza costi di prevendita) e nelle biglietterie a 12 euro.

Nell’immagine: Angelo Morbelli, Le guglie del Duomo (1917; olio su tela; Milano, Palazzo Morando)

La GAM di Milano omaggia Angelo Morbelli nel centenario della scomparsa
La GAM di Milano omaggia Angelo Morbelli nel centenario della scomparsa


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER