La GAM di Milano omaggia Angelo Morbelli nel centenario della scomparsa


Dal 15 marzo al 16 giugno 2019, la GAM di Milano ospita la mostra ’Morbelli 1853 - 1919’, dedicata ad Angelo Morbelli nel centenario della scomparsa.

Dal 15 marzo al 16 giugno 2019, la GAM - Galleria d’Arte Moderna di Milano ospita la mostra Morbelli 1853 - 1919, nella ricorrenza del centenario della scomparsa di Angelo Morbelli (Alessandria, 1853 - Milano, 1919), uno dei più importanti pittori divisionisti e non solo. La rassegna, curata da Paola Zatti con la collaborazione di Alessandro Oldani, Giovanna Ginex e Aurora Scotti, intende offrire un approfondimento della conoscenza dell’artista a partire da alcuni capolavori conservati nelle collezioni del museo milanese e si pone nel solco di un programma volto ad approfondire artisti e movimenti decisivi nelle evoluzioni dell’arte tra Otto e Novecento: (si ricordano, dal 2014 in avanti, la monografica dedicata ad Alberto Giacometti e le mostre su Medardo Rosso, Adolfo Wildt, la Scultura dell’Ottocento, Giovanni Boldini e Francesco Hayez).

Con trenta opere tra cui prestigiosi prestiti, nazionali e internazionali, provenienti tra gli altri dal Musée d’Orsay di Parigi e dalla Galleria Nazionale d’Arte Moderna, la mostra vuole documentare alcuni degli aspetti salienti della produzione di Morbelli, quali la sperimentazione tecnica e l’elaborazione di alcune tematiche a cui sono dedicate le sei sezioni del percorso, propone nuovamente l’artista sulla scena milanese dopo moltissimi anni di assenza. Sono sette le sezioni dell’esposizione, e seguono l’iter di Angelo Morbelli da un punto di vista cronologico ma con anche approfondimenti tematici: si parte dal Monferrato, terra di cui la famiglia Morbelli era originaria, si segue l’artista nei suoi studi a Brera, si indaga il tema dei “vecchioni” che gli permisero di sperimentare una pluralità di soluzioni formali e compositive, perfezionando la tecnica divisionista, si esamina il suo rapporto con Milano e il suo profondo attaccamento alla città, si prosegue con i suoi soggiorni nella terra d’origine (a cui fu sempre molto legato), per finire con un approfondimento sulle sue figure femminili e sulla maturità della sua pittura divisionista. Il percorso è completato da alcune opere di confronto che documentano le affinità tematiche, tecniche e compositive tra l’artista e alcuni suoi contemporanei, come Ernesto Bazzaro, Giuseppe Pellizza da Volpedo (con cui condivise anni di amicizia e lunghi scambi epistolari), Medardo Rosso, Vittore Grubicy de Dragon.

La mostra è promossa da Comune di Milano | Cultura e ideata e prodotta dalla Galleria d’Arte Moderna e fa parte di Milano Art Week (1-7 aprile), palinsesto del Comune di Milano dedicato all’Arte Moderna e Contemporanea, proponendo un ciclo di incontri e visite guidate dedicate. Aperta al pubblico dal 15 marzo al 16 giugno, è allestita nelle sale del piano terra di Villa Reale, recentemente sottoposte a un intervento di restauro che valorizza le decorazioni e i pavimenti originali anche grazie a un rinnovato impianto illuminotecnico. La mostra è accompagnata da un catalogo edito da Silvana Editoriale, con saggi di Paola Zatti, Giovanna Ginex, Aurora Scotti, Alessandro Oldani, Niccolò D’Agati, Gianluca Poldi e le schede delle opere a cura di Costanza Ballardini. La realizzazione dell’esposizione ha potuto contare sul sostegno de “Amis d’la Curma”, associazione culturale che ha tra i suoi obiettivi la valorizzazione della figura di Angelo Morbelli e del territorio monferrino. Negli ultimi quindici anni, l’associazione ha ridato vita a Villa Maria, residenza di Morbelli, con un’opera di recupero e di ricerca degli oggetti a lui appartenuti in una ricostruzione suggestiva del suo studio.

Orari: dal martedì alla domenica dalle 9 alle 17:30 (chiuso il lunedì), ultimo ingresso un’ora prima della chiusura. La mostra è inclusa nel biglietto di ingresso al museo: intero 5 euro, ridotto 3 euro. Ingresso gratuito il primo e il terzo martedì del mese dalle ore 14:00 e ogni prima domenica del mese. Il biglietto cumulativo offre l’ingresso libero a tutti i Musei Civici per tre giorni (un ingresso in ogni museo). In vendita online (senza costi di prevendita) e nelle biglietterie a 12 euro.

Nell’immagine: Angelo Morbelli, Le guglie del Duomo (1917; olio su tela; Milano, Palazzo Morando)

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraMorbelli 1853 - 1919
CittàMilano
SedeGAM-Galleria d’Arte Moderna di Milano
DateDal 15/03/2019 al 16/06/2019
ArtistiAngelo Morbelli
TemiDivisionismo, Angelo Morbelli

La GAM di Milano omaggia Angelo Morbelli nel centenario della scomparsa
La GAM di Milano omaggia Angelo Morbelli nel centenario della scomparsa


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Al Mart di Rovereto l'attesissima mostra dedicata a Isadora Duncan
Al Mart di Rovereto l'attesissima mostra dedicata a Isadora Duncan
La Whitelight Art Gallery ospita la mostra itinerante “di Parole faccio Arte”
La Whitelight Art Gallery ospita la mostra itinerante “di Parole faccio Arte”
Il Messico e il muralismo saranno a breve in mostra al Palazzo Ducale di Genova
Il Messico e il muralismo saranno a breve in mostra al Palazzo Ducale di Genova
Marco Petrus e le sue architetture nell'antologica al MARCA di Catanzaro
Marco Petrus e le sue architetture nell'antologica al MARCA di Catanzaro
Milano, l'arte non si ferma. La proposta di Fabbrica EOS per la personale di Davide Bramante
Milano, l'arte non si ferma. La proposta di Fabbrica EOS per la personale di Davide Bramante
Trieste, al Magazzino delle idee una nuova mostra dedicata a Robert Doisneau
Trieste, al Magazzino delle idee una nuova mostra dedicata a Robert Doisneau