Creti, Canova, Hayez: la nascita del gusto moderno in mostra a Bologna


A Bologna è in programma, a Palazzo d’Accursio, la mostra Creti, Canova, Hayez. La nascita del gusto moderno tra ’700 e ’800 nelle Collezioni Comunali d’Arte.

Si è aperta il 17 marzo 2018 e dura fino al 15 luglio la mostra Creti, Canova, Hayez. La nascita del gusto moderno tra ’700 e ’800 nelle Collezioni Comunali d’Arte, in programma a Bologna presso le Collezioni Comunali d’Arte di piazza Maggiore. Centocinquanta opere del museo bolognese, alcune delle quali solitamente conservate nei depositi (come pastelli e dipinti di Angelo Crescimbeni, Sebastiano Gamma e Coriolano Vigo), vengono affiancate a prestiti provenienti dal MAMbo, dal Museo Archeologico e dal Museo Civico Medievale per allestire un percorso che indaga la storia del gusto tra XVIII e XIX secolo con riferimento alla città di Bologna.

La mostra si apre in concomitanza con la nascita del nuovo percorso di visita del museo che si trova al secondo piano di Palazzo d’Accursio, necessario a causa degli interventi di ripristino su di una parte della copertura dell’edificio (sono partiti lo scorso novembre e termineranno entro luglio 2019). Il pubblico potrà ammirare opere dei tre artisti che dànno il titolo alla mostra (Antonio Canova, Francesco Hayez, Donato Creti) e di altri grandi nomi della storia dell’arte bolognese: Giovanni Antonio Burrini, Giuseppe Maria Crespi, Donato Creti, Pelagio Palagi, Ferdinando Cavalieri, Cincinnato Baruzzi, Raffaele Faccioli, Antonio Mancini, Coriolano Vighi, Giorgio Kienerk, Giuseppe Varlese e Alfredo Savini. Spazio anche alla ricostruzione del salottino barocco della famiglia Rusconi.

“Sono orgoglioso di presentare questa nuova narrazione della nostra collezione”, ha dichiarato l’assessore alla Cultura e promozione della città, Matteo Lepore. “L’Istituzione Musei ha realizzato con grande intelligenza questa esposizione che accoglie i visitatori in un museo che è di fatto vera porta d’accesso alle collezioni della città, trasformando il periodo di lavori e cantieri in un’occasione inedita che permette anche la scoperta di capolavori solitamente non visibili al pubblico, così come accade anche per la mostra ”Ritratti di famiglia“, inaugurata pochi giorni fa all’Archeologico, altro museo attualmente in fase di ristrutturazione”.

Gli orari di visita: dal martedì alla domenica dalle 10 alle 18:30. Chiuso il lunedì non festivo e il primo maggio. Tariffe dei biglietti: 5 euro intero, 3 euro ridotto. Per info, visitare il sito dei musei di Bologna.

Immagine: Donato Creti, L’educazione di Achille (1714; olio su tela; Bologna, Collezioni Comunali d’Arte)

Creti, Canova, Hayez: la nascita del gusto moderno in mostra a Bologna
Creti, Canova, Hayez: la nascita del gusto moderno in mostra a Bologna


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER