Livorno, una mostra su Ermenegildo Bois, l'artista che nel 1900 si trasferì in India


Il Museo Civico Fattori di Livorno dedica una mostra a Ermenegildo Bois, artista attivo tra Otto e Novecento, che nell’anno 1900 la Toscana per trasferirsi in India, dove rimase ben 19 anni.

Una mostra dedicata a un artista poco noto attivo tra XIX e XX secolo, ovvero Ermenegildo Bois (Livorno, 1863 – 1933). Dal 10 al 31 ottobre al Museo Civico “Giovanni Fattori” di Livorno, il salottino verde presenta al pubblico il focus Ermenegildo Bois. Un non comune ingegno tra Livorno e Calcutta, organizzato in vista dei 160 anni dalla nascita del pittore e scultore che vedeva la luce a Livorno il 21 ottobre del 1863. In quest’occasione, il Museo Civico Giovanni Fattori ha deciso di esporre temporaneamente le opere di questo significativo artista, del quale tuttavia ad oggi si conservano poche e confuse informazioni.

“Detto giovane è dotato di non comune ingegno: e, incoraggiato e aiutato nelle spese necessarie per l’arte che ha intrapreso sotto così felici auspici, potrà essere un giorno orgoglio per il suo paese” così scriveva l’importante scultore Augusto Rivalta dell’artista labronico. Bois si formò inizialmente sotto la guida del livornese Natale Betti, per poi distinguersi per talento presso l’Accademia di Belle Arti di Firenze. Nonostante i successi in giovane età, negli anni più maturi tentò di far carriera nel mondo accademico, senza però riuscirsi. Decise così di trasferirsi per un lungo periodo in India, a Calcutta (1900-1919), assistito dal marahja Bahadur sir Joteendra Mohun Tagore, ottenendo tante importanti commissioni. Nel 1919 rientrò a Livorno, dove partecipò al Gruppo Labronico e alla vita cittadina, senza però bissare il successo ottenuto in India.

La piccola esposizione mette in mostra una selezione di opere provenienti dai depositi del Museo Civico Giovanni Fattori: un nucleo di sculture L’Urlo, Divinità indiana, e i ritratti di Adolfo Chayes e Luigi Sgrilli, alcuni dipinti e documenti. Il percorso espositivo sarà aperto anche durante i giorni di Harborea – Festa delle Piante e dei Giardini d’Oltremare, che si terrà nel parco di Villa Mimbelli nei giorni dal 13 al 15 ottobre. Il percorso rimarrà aperto per tutto il mese di ottobre e sarà visitabile con il normale prezzo del biglietto del Museo Fattori.

L’iniziativa è organizzata dal Comune di Livorno con la collaborazione delle cooperative Agave Cooperativa, Itinera Livorno Cultura e Turismo e CoopCulture.

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraErmenegildo Bois. Un non comune ingegno tra Livorno e Calcutta
CittàLivorno
SedeMuseo Civico Giovanni Fattori
DateDal 10/10/2023 al 31/10/2023
ArtistiErmenegildo Bois
TemiNovecento, Ottocento

Livorno, una mostra su Ermenegildo Bois, l'artista che nel 1900 si trasferì in India
Livorno, una mostra su Ermenegildo Bois, l'artista che nel 1900 si trasferì in India


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



MAGAZINE
primo numero
NUMERO 1

SFOGLIA ONLINE

MAR-APR-MAG 2019
secondo numero
NUMERO 2

SFOGLIA ONLINE

GIU-LUG-AGO 2019
terzo numero
NUMERO 3

SFOGLIA ONLINE

SET-OTT-NOV 2019
quarto numero
NUMERO 4

SFOGLIA ONLINE

DIC-GEN-FEB 2019/2020