Da Foppa a Fattori, a Crema la collezione Stramezzi si mette in mostra


Dal 23 aprile al 15 maggio 2022, il Museo Civico di Crema espone i migliori pezzi della collezione Stramezzi, acquisiti a fine 2021 dall’istituto lombardo. Opere di Vincenzo Foppa, Giovanni Fattori e molti altri importanti artisti. 

Il Museo Civico di Crema e del Cremasco ospita, dal 23 aprile al 15 maggio 2022, la mostra Foppa, i Macchiaioli e l’arte del Novecento. Opere dalla Collezione Stramezzi: curata da Alessandro Barbieri e Francesca Moruzzi, è prodotta dal Museo di Crema e costituisce il momento di presentazione degli straordinari dipinti acquisiti dall’istituzione culturale cittadina a fine 2021 grazie alla generosità degli Eredi di Marina Stramezzi e al sostegno di Fondazione Comunitaria della Provincia di Cremona e Associazione Popolare Crema per il territorio Banco BPM. La mostra si focalizza su una sessantina di opere provenienti dalla collezione di Paolo Stramezzi conservata presso villa La Perletta in Crema.

Paolo Stramezzi (Moscazzano, 1884 - Cannes, 1968) istituì presso la sua dimora uno dei salotti culturali più autorevoli e in vista del Nord Italia, arredandone le pareti con un numero così elevato di opere d’arte da poter fare concorrenza ai più prestigiosi musei nazionali. Fu un fine amante e conoscitore dell’arte, mecenate e grande collezionista. Alla base della sua consistente raccolta stanno anni di fitti rapporti intessuti con gli artisti, con gli antiquari ed esperti d’arte dai quali Stramezzi seppe sempre farsi ben consigliare. La sua era una collezione viva, dinamica e sempre in divenire, ordinata e arricchita per oltre mezzo secolo con acquisti, vendite, permute e scambi. Una raccolta privata selezionata seguendo il proprio gusto personale che seppe anticipare anche certe evoluzioni stilistiche e collezionistiche dell’arte italiana, come il forte interesse per i macchiaioli dei quali Stramezzi fu uno dei maggiori collezionisti.

L’esposizione è pensata in tre sezioni: un omaggio al collezionista, le opere comprese fra il Quattrocento e Ottocento e la parte dedicata alla pittura novecentesca. Accoglieranno il visitatore due grandi ritratti posti in garbato dialogo: il Ritratto di Giuseppe Maria Perletti del pittore cremasco Angelo Bacchetta (Crema, 1841 - 1920) e il Ritratto di Paolo Stramezzi del pittore bergamasco Luigi Brignoli (Palosco, 1881 - Bergamo, 1952). Al primo spetta il merito dell’ideazione della grande villa immersa in uno splendido parco: La Perletta. Al secondo l’aver restaurato e allestito questa dimora con una collezione tanto straordinaria da assumere tratti quasi leggendari.

Nella seconda sezione il percorso espositivo, seguendo un ordine cronologico, prende il proprio avvio con la raffinata Annunciazione con san Girolamo penitente attribuita al padre del Rinascimento lombardo Vincenzo Foppa (Brescia, 1427/30 - 1515/16). Si tratta di una tavola grande suggestione, così come è di grande impatto la copia della notissima tavola di Leonardo da Vinci rappresentante Sant’Anna, la Vergine e il Bambino con l’agnellino (Sant’Anna Metterza) oggi conservata presso il Museo del Louvre. Segue un gruppo di cinque opere fiamminghe la cui esecuzione è collocata fra il XVI e il XVII secolo: fra queste spiccano due ritratti realizzati da David Teniers il Giovane (Anversa, 1610 - Bruxelles, 1690) e una Scena bucolica di Nicolaes Berchem (Haarlem, 1620 - Amsterdam, 1683). Il nucleo fondante della seconda sezione appartiene all’Ottocento, il periodo prediletto dal collezionista. Fra le opere esposte vanno segnalati senz’altro una Veduta di Firenze, ritenuta opera non finita dell’inglese Joseph Mallord William Turner (Londra, 1775 - Chelsea, 1851) e ben nove dipinti appartenenti agli amati Macchiaioli. Di questi ritroviamo due opere di Giovanni Fattori (Livorno, 1825 - Firenze 1908), il maggior esponente di questo movimento, una di Giuseppe Abbati (Napoli, 1836 - Firenze, 1868) e sei di Raffaello Sernesi (Firenze, 1838 - Bolzano, 1866), il più giovane del gruppo. Chiude il XIX secolo un Autoritratto con la figlia Marion del bavarese Franz von Lenbach (Schrobenhausen, 1836 - Monaco di Baviera, 1904), apprezzato ritrattista di celebri personalità della sua epoca. Affiancano quest’ultima opera due curiosi bozzetti: si tratta di disegni preparatori del cremasco Eugenio Giuseppe Conti (Crema, 1842 - Milano, 1909), eseguiti come studio per la decorazione delle volte di alcune cappelle laterali della chiesa di San Giacomo Maggiore a Crema.

Nella terza sezione della mostra dedicata al Novecento sono proposti numerosi dipinti di pittori che Paolo Stramezzi ebbe modo di conoscere, apprezzare e acquistare come assiduo frequentatore delle più celebri esposizioni e rassegne d’arte nazionali: la Biennale di Venezia, la Biennale di Brera, la Permanente di Milano e la Quadriennale di Roma. Come esempi tra le opere di artisti italiani saranno esposti Campagna veneta di Francesco Sartorelli (Cornuda, 1856 - Udine, 1939); Autoritratto di Arturo Rietti (Trieste, 1863 - Fontaniva, 1943); Ritratto di bambina di Maria Vinca (Milano, 1878 - Venezia, 1939); Ritratto del signor Obert e Ritratto di donna di Guido Tallone (Bergamo, 1894 - Alpignano, 1967); Ritratto di giovane donna di Giovanni Brancaccio (Pozzuoli, 1903 - Napoli 1975); Uliveto e Parigi di Giovanni Malesci (Vicchio, 1884 - Milano, 1969); un disegno di Giacomo Manzù (Bergamo, 1908 - Aprilia, 1991) raffigurante una Crocifissione con papa Giovanni XXIII. Mentre tra gli stranieri: Laguna con Santa Maria della Salute di Georg Sauter (Markt Rettenbach, 1866 - Brannenburg, 1937); Osteria bretone di Hermenegildo Anglada Camarasa (Barcellona, 1872 - Pollença, 1959); Paesaggio di Orazì (Parigi, 1906 - 1979). L’esposizione termina con Il Serio del cremasco Gianetto Biondini (Crema, 1920 - 1981) e con tre disegni dello stesso autore che, ritraendo tre diverse prospettive di villa La Perletta, chiudono il cerchio tematico della mostra.

La mostra è accompagnata da un catalogo, a cura di Alessandro Barbieri e Francesca Moruzzi, realizzato dalle Edizioni Museo Civico Crema. In esso alcuni testi dedicati alla storia della collezione e del collezionista Paolo Stramezzi introducono una presentazione delle opere esposte: un catalogo che, in questa prima fase di studio fornisce le coordinate essenziali per lasciare al futuro ogni approfondimento scientifico. Laddove possibile, incrociando le notizie ricavate dalla lettura di iscrizioni e cartellini riscontrati sulle opere stesse con le informazioni desunte dagli elenchi della collezione stilati dallo stesso Paolo Stramezzi (Fondo Paolo Stramezzi), si è cercato di approfondire le vicende collezionistiche dei dipinti, incrementando le indicazioni con dati relativi alla provenienza e a passate esposizioni delle opere.

La mostra apre il martedì dalle 14:30 alle 17:30, dal mercoledì al venerdì dalle 10 alle 12 e dalle 14:30 alle 17:30, il sabato, la domenica e i festivi dalle 10 alle 12 e dalle 15:30 alle 18:30. Per informazioni visitare il sito www.culturacrema.it.

Immagine: William Turner (attribuito), Veduta di Firenze (1828 circa; olio su tela, 60,5 x 91 cm)

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraFoppa, i Macchiaioli e l'arte del Novecento. Opere dalla Collezione Stramezzi
CittàCrema
SedeMuseo Civico di Crema e del Cremasco
DateDal 23/04/2022 al 15/05/2022
CuratoriAlessandro Barbieri, Francesca Moruzzi
TemiArte antica

Da Foppa a Fattori, a Crema la collezione Stramezzi si mette in mostra
Da Foppa a Fattori, a Crema la collezione Stramezzi si mette in mostra


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


I Carlone e l'arte barocca a Genova nel Seicento: la prima mostra dedicata alla famiglia di pittori
I Carlone e l'arte barocca a Genova nel Seicento: la prima mostra dedicata alla famiglia di pittori
Il MAXXI espone per la prima volta la grande tela che trasforma Roma in un set di Bollywood
Il MAXXI espone per la prima volta la grande tela che trasforma Roma in un set di Bollywood
László Moholy-Nagy e il movimento Bauhaus in mostra alla Galleria d'Arte Moderna di Roma
László Moholy-Nagy e il movimento Bauhaus in mostra alla Galleria d'Arte Moderna di Roma
A Merano la mostra dedicata al Pictor Optimus, Giorgio De Chirico
A Merano la mostra dedicata al Pictor Optimus, Giorgio De Chirico
Palermo, David Bowie raccontato da Sukita: in mostra oltre cento ritratti
Palermo, David Bowie raccontato da Sukita: in mostra oltre cento ritratti
Roma, l'imperatore Claudio protagonista di una mostra al Museo dell'Ara Pacis
Roma, l'imperatore Claudio protagonista di una mostra al Museo dell'Ara Pacis