Al Forte di Bard riapre la mostra sui capolavori degli impressionisti. C'è tempo fino al 24 giugno


Il Forte di Bard ha riaperto la mostra Capolavori della Johannesburg Art Gallery. Dagli Impressionisti a Picasso, sospesa dall’emergenza sanitaria. La chiusura della mostra era originariamente prevista per il 2 giugno, ma ora è stata prorogata fino al 24 giugno.

L’esposizione presenta una selezione di 64 capolavori della collezione della Johannesburg Art Gallery composta da oltre 100 opere tra olii, acquerelli e grafiche, che portano la firma di artisti come Degas, Dante Gabriel Rossetti, Corot, Boudin, Courbet, Monet, Van Gogh, Mancini, Signac. E ancora opere di Picasso, Bacon, Liechtenstein, Warhol, fino ai più recenti protagonisti del panorama artistico sudafricano, primo fra tutti William Kentridge. Si tratta di una mostra che ha già girato diverse città d’Italia: Monza, Genova, Conegliano e non solo.

Una serie di opere che permettono di percorrere un vero e proprio viaggio nella storia dell’arte dell’Ottocento e del Novecento, spaziando dall’Europa agli Stati Uniti sino al Sudafrica. Particolarmente ricca ed inedita la sezione della mostra dedicata all’arte africana contemporanea:  un’occasione per incontrare una realtà pittorica ben poco nota al pubblico europeo. La mostra è curata dalla storica dell’arte Simona Bartolena.

Per tutte le informazioni potete visitare il sito ufficiale del Forte di Bard.

Foto: Louis Eugéne Boudin, Il porto di Trouville (1870)

Al Forte di Bard riapre la mostra sui capolavori degli impressionisti. C'è tempo fino al 24 giugno
Al Forte di Bard riapre la mostra sui capolavori degli impressionisti. C'è tempo fino al 24 giugno


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Toscana    

NEWSLETTER