Julius Evola protagonista della più grande mostra a lui dedicata, al Mart di Rovereto


Dal 15 maggio al 18 settembre 2022, il Mart di Rovereto dedica una mostra con oltre 50 opere a Julius Evola. La rassegna è la più grande mai realizzata sull’artista e filosofo.

Il Mart di Rovereto dedica, dal 15 maggio al 18 settembre 2022, una mostra all’artista e filosofo Julius Evola (Roma, 1898 - 1974), che partecipò attivamente all’Avanguardia italiana. Pittore, visse una breve stagione artistica tra il 1915 e il 1921 che abbandonò per dedicarsi allo studio della filosofia, dell’esoterismo e delle dottrine orientali, ermetiche e alchemiche. Dopo un primo periodo futurista in cui realizzò composizioni dinamiche e vivaci, l’artista prese le distanze dal movimento per avvicinarsi a Tristan Tzara e alle poetiche del Dadaismo. L’artista cercava una dimensione interiore in linea con le tendenze astratte europee e il pensiero espresso da Vasilij Kandinskij nel suo celebre saggio, Lo spirituale nell’arte (1912).

Nato nel 1898 a Roma, Evola esordì come artista frequentando lo studio di Giacomo Balla e interpretando il linguaggio futurista in composizioni dinamiche e vivaci. Intellettuale insofferente nei confronti del “mondo moderno, democratico e materialista” e mosso da un “impulso alla trascendenza”, Evola prese in seguito le distanze dal Futurismo per avvicinarsi a Tristan Tzara, aderendo così alle poetiche del Dadaismo. L’artista cercava una dimensione interiore in linea con le tendenze astratte europee e il pensiero espresso da Vasilij Kandinskij nel suo celebre saggio, Lo spirituale nell’arte (1912). Anche l’adesione al movimento dadaista però fu di breve durata e il pittore annunciò il suo “suicidio artistico” nel 1922. Si dedicò a discipline umanistiche ed esoteriche, proclamando controverse e reazionarie posizioni politiche; frequentò ambienti vicini al fascismo - pur contestandone le gerarchie e non tesserandosi mai - e, negli anni successivi alla guerra, del conservatorismo e dell’estrema destra italiana ed europea. Nel secondo novecento la sua arte venne riscoperta: nel 1963 Enrico Crispolti gli dedicò una retrospettiva alla galleria La Medusa di Roma e, parallelamente, Vanni Scheiwiller pubblicò l’autobiografia intitolata Il cammino del cinabro e ne acquisì l’archivio di scritti dadaisti. Il rinnovato interesse nei confronti della sua arte spinse Evola a ricominciare a dipingere pochi anni prima della morte, avvenuta nel 1974.

A cento anni dal suo congedo dall’attività pittorica, il Mart di Rovereto rende conto delle vicende artistiche di Julius Evola dopo un lungo periodo di oblio. L’esposizione, a cura di Beatrice Avanzi Giorgio Calcara, illustra l’intero percorso artistico attraverso una selezione di opere realizzate tra il 1915 e il 1921 e tra il 1965 e il 1970. Tra forti e vivaci contrasti cromatici, il percorso espositivo del Mart è il maggiore mai organizzato su Evola. In mostra oltre 50 opere: in una prima parte, i dipinti appartenenti al periodo futurista caratterizzati da elementi astratti carichi di energia e inaspettatamente “psichedelici”; seguono i “paesaggi interiori”, espressione pura dello spirito con riferimenti ermetici ed esoterici; infine, gli anni Sessanta con le repliche delle sue opere storiche e alcuni dipinti figurativi che si discostano dalla sua produzione giovanile. Pur dedicandosi alla pittura per un arco di tempo brevissimo, Evola ha attraversato la stagione delle Avanguardie interpretandone con originalità i temi e le istanze. Denominatore comune della sua pratica: la ricerca spirituale.

Per tutte le informazioni, potete visitare il sito ufficiale del Mart.

Nell’immagine: Julius Evola, Five o’clock tea (1917-1918), olio su tela, 96x91 cm. Fondazione Brescia Musei

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraJulius Evola. Lo spirituale nell'arte
CittàRovereto
SedeMart di Rovereto
DateDal 15/05/2022 al 18/09/2022
ArtistiJulius Evola
CuratoriBeatrice Avanzi, Giorgio Calcara
TemiNovecento

Julius Evola protagonista della più grande mostra a lui dedicata, al Mart di Rovereto
Julius Evola protagonista della più grande mostra a lui dedicata, al Mart di Rovereto


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


Come un cane ballerino: a Roma, a Villa Medici, la personale di Natacha Lesueur
Come un cane ballerino: a Roma, a Villa Medici, la personale di Natacha Lesueur
Galleria BPER Banca dedica una mostra a Ligabue. Da opere della sua collezione a importanti prestiti
Galleria BPER Banca dedica una mostra a Ligabue. Da opere della sua collezione a importanti prestiti
Rewild: a Milano via a un progetto artistico dedicato al cambiamento climatico
Rewild: a Milano via a un progetto artistico dedicato al cambiamento climatico
Oltre trecento opere del poeta e artista visionario William Blake in mostra alla Tate Britain
Oltre trecento opere del poeta e artista visionario William Blake in mostra alla Tate Britain
Il teatro napoletano nell'800: la Biblioteca Nazionale di Napoli mostra le sue raccolte teatrali
Il teatro napoletano nell'800: la Biblioteca Nazionale di Napoli mostra le sue raccolte teatrali
La National Gallery di Londra annuncia grande mostra su Dürer per il 2021
La National Gallery di Londra annuncia grande mostra su Dürer per il 2021



MAGAZINE
primo numero
NUMERO 1

SFOGLIA ONLINE

MAR-APR-MAG 2019
secondo numero
NUMERO 2

SFOGLIA ONLINE

GIU-LUG-AGO 2019
terzo numero
NUMERO 3

SFOGLIA ONLINE

SET-OTT-NOV 2019
quarto numero
NUMERO 4

SFOGLIA ONLINE

DIC-GEN-FEB 2019/2020