Lusso nel Medioevo: i cassoni nuziali in gesso dorato sono in mostra a Perugia


Dal 21 settembre 2019 al 6 gennaio 2020, la Galleria Nazionale dell’Umbria di Perugia ospita la mostra L’autunno del Medioevo in Umbria

Dal 21 settembre 2019 al 6 gennaio 2020, la Galleria Nazionale dell’Umbria di Perugia ospita la mostra L’autunno del Medioevo in Umbria. Cofani nuziali in gesso dorato e una bottega perugina dimenticata, a cura di Andrea De Marchi e Matteo Mazzalupi. La rassegna è centrata su di una serie di cassoni nuziali del Quattrocento: si trattava di arredi in uso nelle dimore rinascimentali italiane, di cui si conservano pochi esemplari, alcuni ascrivibili a Giovanni di Tommasino Crivelli e alla sua bottega perugina. Sono opere pregiate che raccontano la la vita privata delle nobili famiglie che li avevano commissionati, documentando uno spaccato della cultura figurativa perugina (e non solo) del XV secolo.

I cassoni nuziali erano gli antenati della moderna cassapanca, venivano costruiti sempre in coppia e servivano per contenere il corredo delle spose di famiglie nobili e borghesi. Quando la donna si insediava in casa del marito (domumductio), i cassoni venivano trasportati nella camera matrimoniale e lì rimanevano. Il coperchio, i fianchi e il retro venivano decorati molto raramente, mentre le parti dipinte molto più di frequente riguardavano la faccia anteriore. Le decorazioni però potevano anche non essere dipinte: potevano essere intagliate, o realizzate in gesso dorato (talvolta chiamato “pastiglia”) o utilizzando più tecniche insieme. Inoltre i cassoni erano composti secondo moduli che tendono a differenziarsi tra regione e regione e che rivelano spesso la provenienza da una precisa area geografica. Vari anche i temi raffigurati: si andava dai semplici motivi animali o vegetali, ripetuti talvolta in modo seriale, alle vere e proprie narrazioni (come cortei e feste nuziali, ma anche episodi tratti dalla mitologia e dalla storia greca e romana, dalla Bibbia, dai romanzi medievali, scelti perlopiù tra quanti meglio richiamavano le virtù tipiche della vita matrimoniale e ne condannavano i vizi). Della decorazione facevano spesso parte gli stemmi delle famiglie degli sposi, generalmente secondo le regole dell’araldica che ponevano l’arma dell’uomo alla sinistra dell’osservatore, quella della donna alla destra: è proprio lo studio di questi dettagli a permettere oggi di ricondurre opere erratiche al loro originario contesto di provenienza, nei casi più fortunati addirittura a un preciso matrimonio e quindi a una cronologia sicura.

L’élite perugina si rispecchiò in questi manufatti, in cui esplodeva la dimensione festosa dei cortei musicanti e dei carri nuziali, o si mettevano in scena episodi memorabili di virtù femminili, come la storia truce, poi vendicata, di Lucrezia (opera conservata alla Galleria Nazionale dell’Umbria), o di virtù materne, come la vicenda del Giudizio di Salomone.

A Perugia il pubblico troverà in mostra, oltre ad esemplari di cassoni nuziali completi e di fronti decorati in gesso dorato, provenienti dalle principali collezioni d’arte italiane ed europee quali la Galleria Nazionale delle Marche, lo Städel Museum di Francoforte, il Muzeum Narodowe di Varsavia e il Victoria & Albert Museum di Londra, sarà presente anche un nucleo di dipinti ascrivibili alla stessa bottega, il cui responsabile può essere forse identificato con la personalità, a oggi poco nota, di Giovanni di Tommasino Crivelli. Questi è documentato, nel 1442, a fianco del perugino Benedetto Bonfigli, uno dei maggiori pittori umbri del Rinascimento: con le opere giovanili di quest’ultimo, Giovanni di Tommasino Crivelli condivise il caldo cromatismo, il modo di dipingere filamentoso e vibrante, ma diversamente dal maestro non si schiuse mai ad una dimensione rinascimentale, rimanendo sempre nostalgico dei valori intimamente gotici di un’arte analitica e preziosa, congeniali del resto alla manifattura speciale dei cofani istoriati, modellati a pennello col tenue rilievo del gesso, sfavillanti per il gioco minuto delle incisioni sull’estensiva lamina dorata, interrotta da sprazzi cromatici.

Crivelli si fece interprete della stessa identità cittadina di Perugia, ambientando nella sala delle Udienze del Collegio della Mercanzia, dentro al Palazzo dei Priori, due scene dell’Annunciazione, nella tavoletta del Musée Jacquemart André di Parigi (probabilmente del 1440), che in calce presentava i ritratti dei dieci Priori e del notaio ser Cipriano di Gualtiero, inginocchiati in preghiera, e in quella successiva del Musée du Petit Palais di Avignone, al centro di un trittico nelle cui ante, da poco identificate e acquisite dal museo francese, sono raffigurati San Francesco ai piedi della Croce e San Giovanni Battista. Nella descrizione degli intagli fioriti dei capitelli e degli archi, del rivestimento ligneo a lacunari, delle stoffe damascate e di altri oggetti sparsi, nelle graniture dei ramages a foglie carnose del fondo si accende l’ultimo bagliore del gotico internazionale e di un gusto polimaterico, coerente con la versatilità di questo singolare e dimenticato artista.

Per poter meglio contestualizzare la figura poliedrica di questo artista verranno esposte inoltre alcune opere che ben testimoniano la cultura tardogotica che si respirava ancora a Perugia nei primi decenni del Quattrocento, a partire dalla Madonna con il Bambino e angeli di Gentile da Fabriano, e le opere di pittori a lui coevi come Bonfigli. L’esposizione vuole dunque offrire uno spaccato della cultura figurativa perugina in un momento delicato di transizione, dove artefici tenacemente nostalgici della civiltà degli ori tardogotici convissero con altri diversamente aperti alla nuova lingua dell’Angelico e di Filippo Lippi, come il già citato Benedetto Bonfigli e un altro importante pittore umbro del periodo, Bartolomeo Caporali.

La mostra apre tutti i giorni: il lunedì (ma solo fino al 3 novembre) dalle 12 alle 19:30, gli altri giorni (per tutta la durata della mostra) dalle 8:30 alle 19:30. Ultimo ingresso alle 18:30. Nel periodo 4 novembre-6 gennaio 2020, la Galleria Nazionale dell’Umbria chiude il lunedì. Biglietti: intero 8 euro, ridotto 4 euro, ridotto speciale ragazzi 18-25 anni 2 euro. La prima domenica del mese ingresso gratis. Il catalogo, Silvana Editoriale, è curato da Andrea De Marchi e Matteo Mazzalupi e presenterà, oltre i saggi dei curatori, i testi di Chiara Guerzi, Veruska Picchiarelli, Alessandra Tiroli, Gaia Ravalli ed Emanuele Zappasodi. Per avvicinare il pubblico dei più piccoli a questo affascinante argomento, la Galleria Nazionale dell’Umbria pubblicherà un racconto per bambini, scritto da Cristiana Minelli e illustrato da Bimba Landmann, per i tipi di Aguaplano. Per tutte le info è possibile visitare il sito della Galleria Nazionale dell’Umbria.

Nell’immagine: Mariano d’Antonio, Andata al Calvario, dettaglio (Perugia, Galleria Nazionale dell’Umbria)

Lusso nel Medioevo: i cassoni nuziali in gesso dorato sono in mostra a Perugia
Lusso nel Medioevo: i cassoni nuziali in gesso dorato sono in mostra a Perugia


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER