Al MUDEC gli scatti di Cartier-Bresson raccontano dieci anni di storia della Cina


Dal 18 febbraio al 3 luglio 2022 il MUDEC presenta la mostra fotografica "Henri Cartier-Bresson. Cina 1948-49 /1958" per raccontare attraverso i suoi scatti dieci anni di storia della Cina. 

Il MUDEC - Museo delle Culture di Milano accoglie dal 18 febbraio al 3 luglio 2022 la mostra Henri Cartier-Bresson. Cina 1948-49 /1958, realizzata grazie alla collaborazione della Fondazione Henri Cartier-Bresson. La rassegna riunisce oltre cento stampe originali oltre a pubblicazioni di riviste d’epoca, documenti e lettere provenienti dalla collezione della Fondazione HCB: uno straordinario corpus di fotografie e documenti di archivio del celebre fotoreporter francese. Le opere e i documenti esposti intendono raccontare due fondamentali momenti della storia della Cina: la caduta del Kuomintang e l’istituzione del regime comunista (1948-1949) e il “Grande balzo in avanti” di Mao Zedong (1958).

Il celebre fotografo evidenzia per primo attraverso il suo obiettivo i temi più significativi del cambiamento nella storia contemporanea cinese, mostrando al mondo occidentale anche aspetti tenuti nascosti dalla propaganda del regime, quali lo sfruttamento delle risorse umane e l’onnipresenza delle milizie.

È il 25 novembre 1948 quando la rivista Life commissiona a Henri Cartier-Bresson un reportage sugli ultimi giorni di Pechino prima dell’arrivo delle truppe di Mao. Il soggiorno, previsto di due settimane, durerà dieci mesi, per la maggior parte nella zona di Shanghai. Cartier-Bresson documenterà la caduta di Nanchino, retta dal Kuomintang, e si troverà successivamente costretto a rimanere per quattro mesi a Shanghai, controllata dal Partito Comunista, per lasciare infine la Cina pochi giorni prima della proclamazione della Repubblica Popolare Cinese (1° ottobre 1949).

L’uso del bianco e nero nelle sue fotografie consente a Cartier-Bresson di evidenziare la forma e la sostanza della realtà e la veridicità dell’istante decisivo. Ogni suo scatto è capace di cogliere la contemporaneità delle cose e dei fatti.

Per maggiori info: www.mudec.it

Orari: Lunedì dalle 14.30 alle 19.30; martedì, mercoledì, venerdì, domenica dalle 9.30 alle 19.30; giovedì e sabato dalle 9.30 alle 22.30.

Immagine: Henri Cartier-Bresson, China Welfare, opera di carità di Madame Sun Yat-sen: bambini aspettano la distribuzione di riso (Shanghai, marzo 1949) © Fondation Henri Cartier-Bresson / Magnum Photos

Informazioni sulla mostra

Titolo mostra Henri Cartier-Bresson. Cina 1948-49 /1958
CittàMilano
SedeMUDEC
DateDal 18/02/2022 al 03/07/2022
ArtistiHenri Cartier-Bresson
TemiMilano, Fotografia, Henri Cartier-Bresson

Al MUDEC gli scatti di Cartier-Bresson raccontano dieci anni di storia della Cina
Al MUDEC gli scatti di Cartier-Bresson raccontano dieci anni di storia della Cina


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Jan Fabre porta a Roma una mostra sul tema del cervello
Jan Fabre porta a Roma una mostra sul tema del cervello
Il Cadore celebra Masi Simonetti e le Dolomiti con una grande mostra diffusa
Il Cadore celebra Masi Simonetti e le Dolomiti con una grande mostra diffusa
Raffaello e Firenze: nel capoluogo toscano la mostra che ripercorre il periodo fiorentino
Raffaello e Firenze: nel capoluogo toscano la mostra che ripercorre il periodo fiorentino
Goldin torna tra il 2020 e il 2022 con un progetto che porterà a Padova van Gogh, i vedutisti e gli impressionisti
Goldin torna tra il 2020 e il 2022 con un progetto che porterà a Padova van Gogh, i vedutisti e gli impressionisti
San Gimignano dedica una grande retrospettiva a Helmut Newton
San Gimignano dedica una grande retrospettiva a Helmut Newton
Il film su Antonio Ligabue vola in Francia con la seconda monografica francese dedicata al pittore
Il film su Antonio Ligabue vola in Francia con la seconda monografica francese dedicata al pittore