L'Ornamento tra arte e natura in mostra a Reggio Emilia con opere di grandi artisti


Palazzo Magnani e i Chiostri di San Pietro ospiteranno da novembre 2019 una mostra che ripercorrerà la lunga storia dell’Ornamento tra arte e natura.

La lunga storia dell’Ornamento tra arte e natura sarà protagonista del percorso espositivo dal titolo What a wonderful world. La lunga storia dell’Ornamento tra arte e natura, visitabile al pubblico dal 16 novembre 2019 all’8 marzo 2020 presso Palazzo Magnani e i Chiostri di San Pietro a Reggio Emilia.

Attraverso oltre duecento opere, provenienti da collezioni private e musei nazionali e internazionali, come il Victoria&Albert Museum di Londra, il Museo Ermitage di San Pietroburgo, il Musée du quai Branly di Parigi, le Gallerie degli Uffizi di Firenze, il Museo di Arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto, la Collezione Peggy Guggenheim di Venezia, la Galleria Nazionale di Arte Moderna di Roma, si ripercorreranno le numerose declinazioni dell’arte ornamentale, per comprendere come la decorazione e l’ornamento abbiano un ruolo importante nel mondo.

Le opere esposte, comprese tra l’età romana e il presente, sono state realizzate da grandi artisti come Albrecht Dürer, Leonardo da Vinci, Giovan Battista Piranesi, Alphonse Mucha, Maurits Corneils Escher, Pablo Picasso, Henri Matisse, Giacomo Balla, Gino Severini, Josef e Anni Albers, Andy Warhol, Keith Haring e molti altri.

Suddivisa in varie sezioni, la mostra intende indagare le origini e gli sviluppi del legame tra vita quotidiana, arte e Decorazione e affrontare in modo dettagliato le esperienze di molta arte del Novecento e del nuovo millennio in cui i temi dell’Ornamento sono stati rimessi in gioco.

La prima sezione si concentra sul mondo naturale per analizzare come piante e animali si ornino modificando il loro aspetto esteriore.
La seconda analizzerà la pratica umana di adornare il proprio corpo, attraverso gli indumenti e gli accessori, come orecchini, collane, monili.
Particolare sarà la sezione dedicata all’Ars Canusina, inventata e condotta dalla psichiatra reggiana Maria Bertolani Del Rio (1892-1978), all’interno del manicomio San Lazzaro di Reggio Emilia e sviluppatasi nella prima metà del Novecento.

Seguirà l’evoluzione del motivo ornamentale vegetale attraverso i secoli e nelle varie culture: dai vasi attici ai capitelli romanici, alle traduzioni ottocentesche di William Morris, a cui si aggiunge il motivo dell’intreccio; allontanandosi da una visione naturalistica e prendendo spunto dalle stesse pratiche artigianali legate all’oreficeria e alla produzione di tessuti, il Medioevo predilesse la descrizione minuziosa di grovigli, trame intricate, nodi. Il visitatore sarà avvolto dagli ipnotici motivi a nodo dei plutei dell’abbazia di Bobbio (IX sec.) e delle incisioni ricavate da disegni di Albrecht Dürer e Leonardo da Vinci.

L’esposizione proseguirà con una serie di sale che contestualizzeranno e illustreranno l’attuale visione dell’ornamento, perfezionatasi tra Ottocento e Novecento. Dalla seconda metà del Novecento, fino ad oggi, si assiste a una rivincita delle forme ornamentali. L’Ornamento si è infatti insinuato anche in una cultura figurativa apparentemente avversa come quella di molte avanguardie artistiche tra il primo Novecento e il secondo dopoguerra. 

Un approfondimento nel campo della musica concluderà il percorso espositivo. 

La rassegna è promossa dalla Fondazione Palazzo Magnani, in collaborazione con Comune di Reggio Emilia, Provincia di Reggio Emilia, Regione Emilia Romagna e Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo ed è curata da Claudio Franzoni e Pierluca Nardoni.

Per info: www.palazzomagnani.it

Orari: Da martedì a venerdì dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19; sabato e festivi dalle 10 alle 19.

Biglietti: Intero 12 euro, ridotto 10 euro, 6 euro per ragazzi dai 6 ai 18 anni. Gratuito per minori di 6 anni.

Immagine: Keith Haring, Untitled (Egypt) (1982; acrilico su carta, 100 x 130 cm; Milano, Collezione Consolandi) © Roberto Marossi

 

 

 

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraWhat a wonderful world. La lunga storia dell’Ornamento tra arte e natura
CittàReggio Emilia
Sedesedi varie
DateDal 16/11/2019 al 08/03/2020
ArtistiGiacomo Balla, Andy Warhol, Albrecht Dürer, Pablo Picasso, Gino Severini, Henri Matisse, Giovan Battista Piranesi, Keith Haring, Alphonse Mucha, Leonardo da Vinci, Maurits Corneils Escher, Josef e Anni Albers
TemiOrnamento

L'Ornamento tra arte e natura in mostra a Reggio Emilia con opere di grandi artisti
L'Ornamento tra arte e natura in mostra a Reggio Emilia con opere di grandi artisti


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Le meravigliose visioni di Man Ray in mostra a San Gimignano
Le meravigliose visioni di Man Ray in mostra a San Gimignano
Attorno a Ingres e Hayez: il VII Dialogo della Pinacoteca di Brera festeggia il riallestimento del museo
Attorno a Ingres e Hayez: il VII Dialogo della Pinacoteca di Brera festeggia il riallestimento del museo
La fotografia per abbattere le disuguaglianze. Razza Umana, il progetto di Oliviero Toscani
La fotografia per abbattere le disuguaglianze. Razza Umana, il progetto di Oliviero Toscani
A Trieste una grande antologica dedicata ai mondi impossibili di Escher
A Trieste una grande antologica dedicata ai mondi impossibili di Escher
David Bowie negli scatti di Sukita. Una retrospettiva a Palazzo Medici Riccardi
David Bowie negli scatti di Sukita. Una retrospettiva a Palazzo Medici Riccardi
Nel 2020 una grande mostra su Artemisia Gentileschi a Londra. Ma c'è già un anticipo
Nel 2020 una grande mostra su Artemisia Gentileschi a Londra. Ma c'è già un anticipo