In arrivo a Palazzo Altemps di Roma una mostra dedicata a Filippo de Pisis


Palazzo Altemps a Roma dedica dal 17 giugno al 20 settembre 2020 una mostra a Filippo de Pisis. 

Dal 17 giugno al 20 settembre 2020 il Museo Nazionale Romano di Palazzo Altemps ospita la mostra dedicata a Filippo de Pisis (Ferrara, 1896 – Brugherio, 1956), che intende restituire all’artista il ruolo di protagonista nell’esperienza della pittura italiana tra le due guerre

Nei mesi scorsi è stata realizzata a Milano, presso il Museo del Novecento, la più ampia retrospettiva milanese dedicata a de Pisis degli ultimi cinquant’anni e questa rassegna romana intende completare quel percorso espositivo: saranno in mostra ventisei suoi dipinti e una ricca selezione di carte e acquerelli

Anche la mostra di Roma è curata da Pier Giovanni Castagnoli, con Alessandra Capodiferro, responsabile del Museo di Palazzo Altemps. È promossa dal Museo Nazionale Romano in collaborazione con il Polo Museale di Milano arte moderna e contemporanea ed è prodotta da Electa con il sostegno dell’Associazione per Filippo de Pisis. 

Palazzo Altemps intende presentare in rassegna alcuni degli aspetti più significativi dell’artista: poeta e pittore versatile, possedeva una vasta cultura e aveva un particolare interesse per l’archeologia e per le cose minute che collezionava fin da giovane.

Saranno presenti ventotto opere, tra disegni su carta e acquerelli, raffiguranti nudi maschili e teste di giovani, accostabili alle statue di dei, eroi, ritratti di imperatori appartenenti alla sede museale, così come gli oli dove la statuaria ideale e il frammento scultoreo rimandano alla sua passione archeologica. 

De Pisis era anche un instancabile viaggiatore: ha vissuto e lavorato a Roma, è stato a Milano, Venezia, nel Cadore, a Parigi e a Londra, ma non ha mai ceduto a correnti artistiche. Nei suoi dipinti ha rappresentato con uno stile individuale vivaci vedute cittadine, paesaggi delle montagne a lui care, ritratti capaci di cogliere la personalità del soggetto e inusuali combinazioni di nature morte.  

La rassegna dedicata a Filippo de Pisis costituisce la seconda tappa del programma espositivo centrato su artisti del Novecento italiano: la prima è stata dedicata a Medardo Rosso, in autunno il programma proseguirà con una mostra su Savinio

Immagine: Filippo de Pisis, L’archeologo (1928; Genova, Galleria d’Arte Moderna) Credits: Comune di Genova - Musei di Nervi - Galleria d’Arte Moderna. © Filippo de Pisis by SIAE 2019

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraFilippo de Pisis
CittàRoma
SedePalazzo Altemps
DateDal 17/06/2020 al 20/09/2020
ArtistiFilippo De Pisis
TemiNovecento

In arrivo a Palazzo Altemps di Roma una mostra dedicata a Filippo de Pisis
In arrivo a Palazzo Altemps di Roma una mostra dedicata a Filippo de Pisis


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Ceramics Now: i grandi della ceramica contemporanea mondiale in mostra a Faenza. Le foto
Ceramics Now: i grandi della ceramica contemporanea mondiale in mostra a Faenza. Le foto
A Piacenza una mostra dedicata ad Antonio Ligabue pittore e scultore
A Piacenza una mostra dedicata ad Antonio Ligabue pittore e scultore
L'oro nelle arti figurative del Trecento e del contemporaneo. Una mostra alla Galleria Salamon indaga questo dialogo
L'oro nelle arti figurative del Trecento e del contemporaneo. Una mostra alla Galleria Salamon indaga questo dialogo
Lecco dedica una mostra a Berenice Abbott, la fotografa di New York
Lecco dedica una mostra a Berenice Abbott, la fotografa di New York
A Bagnacavallo in mostra i lavori sull'incomunicabilità di Fabrizio Dusi
A Bagnacavallo in mostra i lavori sull'incomunicabilità di Fabrizio Dusi
Georg Baselitz protagonista nel 2018 di una grande mostra a Basilea
Georg Baselitz protagonista nel 2018 di una grande mostra a Basilea