Palau dedica una retrospettiva al fotografo Fausto Giaccone


Sardegna e altri continenti (1967-1977), la retrospettiva che Palau dedica al fotografo Fausto Giaccone.

Nell’ambito della XXXIII edizione del Festival internazionale Isole che Parlano, dal 5 al 30 settembre 2019 si terrà nel Centro di Documentazione del Territorio di Palau, la retrospettiva Sardegna e altri continenti (1967-1977) dedicata al fotografo Fausto Giaccone (San Vincenzo, 1943), testimone di mezzo secolo di storia.  

Saranno esposte circa settanta immagini in bianco e nero, realizzate in Italia e all’estero, con stampe, da negativo e digitali, di varie dimensioni. Oltre a presentare alcuni scatti inediti, la mostra si articolerà in un percorso che presenterà i lavori più importanti dei primi dieci anni di carriera del fotografo, gli anni della passione più fervida, di un fotogiornalismo “militante” e strettamente legato alla cronaca dell’inquietudine di quel periodo.

La rassegna affronterà due differenti temi e sarà arricchita da un altro corpus di nove opere tratte da Macondo, il mondo di Gabriel García Márquez realizzate nel 2010.

Nei lavori realizzati in Sardegna in quattro distinti viaggi, tra il 1968 e il 1976, Giaccone documenta aspetti specifici dell’isola, movimenti storici locali che si legano inequivocabilmente a quanto in quel decennio (1968/1977) stava accadendo in tutto il mondo occidentale. Nella selezione presentata a Palau emerge distintamente l’immagine di un’isola in transizione, in cui usi e costumi tradizionali, ancora molto presenti, si intrecciano con gli elementi di forte cambiamento propri di quell’epoca.

Le immagini raccontano di tensioni e disagio sociale, di forte impegno politico rivoluzionario, di proteste legate alla specificità sarda (il ’68 in Barbagia, a Orgosolo, Orune, Bono e Nuoro), dell’autunno rosso dei pastori, ma anche di una colonizzazione industriale iniziata male con la SIR di Porto Torres fotografata nel 1969, meno di dieci anni prima della chiusura dell’impianto che avrebbe lasciato dietro di sé una catastrofe ambientale e sociale.

Nello stesso tempo, però, in due distinti reportage realizzati nel 1975 Giaccone ci racconta due momenti comunitari molto importanti: la Fiera regionale del cavallo a San Leonardo de Siete Fuentes, e una tosatura a Testone, vicino a Nuoro, in cui traspare  il legame molto forte che l’isola mantiene con la propria cultura agropastorale. 

 Proprio dalla terra riparte il fil rouge che collega la Sardegna agli altri continenti. In Sicilia con la commemorazione ventennale della strage di Portella della Ginestra (1967) e nelle immagini del terremoto del Belice (1968), in Giordania con le immagini dei fedayin del Fronte Popolare di Liberazione Palestinese (1968), in Portogallo con le occupazioni contadine dei latifondi del Ribatejo l’anno successivo alla rivoluzione dei Garofani (1975), per finire con alcune immagini della Bolivia (1976) e in particolare una cerimonia a Tiahuanaco in onore della Pacha Mama (Madre Terra). Nell’estate del 1970, in Gran Bretagna, Giaccone cerca di raccontare la trasformazione epocale che attraversa il paese in quel breve arco di tempo, mostrando aspetti della Londra più tradizionale e le immagini realizzate tra i 600.000  giovani che invasero l’Isola di Wight per l’ultima edizione del festival musicale. Infine ancora la terra, con i minatori boliviani di Potosì: un passaggio verso la sezione di Macondo.

In Macondo lo sguardo di Giaccone sulla Colombia si discosta da un taglio di fotoreportage classico e segue un proprio percorso personale che si addentra nel mondo del grande scrittore, nei luoghi della sua vita e in quelli dei suoi romanzi, diventando un racconto per immagini "di quel microcosmo umile e minuto che mi circondava e nel quale tuttavia riconoscevo senza ombra di dubbio la grandiosa allegoria della storia universale che tanto mi aveva affascinato in Cent’anni di solitudine".

La retrospettiva è curata da Fausto Giaccone e Nanni Angeli. 

Ingresso gratuito.

Immagine: Fausto Giaccone, Sardegna, operaia della SIR di Porto Torres (1969)

 

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraSardegna e altri continenti (1967-1977)
CittàPalau
SedeCentro di Documentazione del Territorio
DateDal 05/09/2019 al 30/09/2019
ArtistiFausto Giaccone
TemiFotografia

Palau dedica una retrospettiva al fotografo Fausto Giaccone
Palau dedica una retrospettiva al fotografo Fausto Giaccone


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


A Illegio la mostra dei capolavori distrutti, rubati o perduti. Di nuovo visibili grazie alle nuove tecnologie
A Illegio la mostra dei capolavori distrutti, rubati o perduti. Di nuovo visibili grazie alle nuove tecnologie
Capolavori Sibillini in mostra al Museo Diocesano di Milano
Capolavori Sibillini in mostra al Museo Diocesano di Milano
Van Gogh Alive The Experience arriva per la prima volta a Genova
Van Gogh Alive The Experience arriva per la prima volta a Genova
La street photography di Robert Doisneau in mostra a Bologna, a Palazzo Pallavicini
La street photography di Robert Doisneau in mostra a Bologna, a Palazzo Pallavicini
Emergency presenta una mostra del fotografo Guido Piscitelli sulla guerra
Emergency presenta una mostra del fotografo Guido Piscitelli sulla guerra
Trieste, al Magazzino delle idee una nuova mostra dedicata a Robert Doisneau
Trieste, al Magazzino delle idee una nuova mostra dedicata a Robert Doisneau