La Roma del Cinquecento nelle incisioni dello Speculum, in mostra alla Casa Buonarroti di Firenze


Fino al 26 agosto 2018 a Casa Buonarroti (Firenze) si può visitare la mostra ’Speculum Romanae Magnificentiae. Roma nell’incisione del Cinquecento’

Prosegue fino al 26 agosto 2018 (ha aperto il 6 giugno) la mostra Speculum Romanae Magnificentiae. Roma nell’incisione del Cinquecento, nei locali di Casa Buonarroti a Firenze. La rassegna presenta al pubblico una cinquantina d’incisioni dello Speculum Romanae Magnificentiae: con questa espressione venivano indicate, all’epoca, le raccolte di incisioni che raffiguravano i monumenti e le statue della Roma antica e moderna e che venivano pubblicate dalla stamperia di via del Parione dall’editore francese Antoine Lafréry, che nel 1573 pubblicava l’indice delle stampe che potevano essere acquistate nella sua bottega. Nacque così l’uso, da parte di viaggiatori, antiquari e collezionisti, di commissionare alla stamperia di Lafréry raccolte di incisioni che venivano poi radunate in volumi che, fin dai primi anni Settanta del Cinquecento, assunsero, appunto, il titolo di Speculum Romanae Magnificentiae.

Una pratica editoriale le cui origini possono risalire a quando, a partire dal 1528, l’editore milanese Antonio Salamanca iniziò a produrre incisioni a soggetto archeologico, associandosi poi, dal 1553, allo stesso Lafréry: dopo la scomparsa di Salamanca, Lafréry (che era presente a Roma dal 1544) continuò da solo e raggiunse uno straordinario successo, tanto che dopo di lui la tradizione venne portata avanti (anche se con esiti di importanza inferiore) da suo nipote Claude Duchet e dal cognato di quest’ultimo, Giacomo Gherardi. Data la varietà dei fogli e il numero dei soggetti, ogni esemplare dello Speculum può essere considerato un’opera a sé, anche perché, nelle raccolte, Lafréry spesso includeva elementi prodotti da altri stampatori, romani o veneziani.

La Casa Buonarroti possiede un esemplare dello Speculum composto da ottantaquattro incisioni: in mostra ne vengono esposte cinquantadue, con soggetti che vanno dagli edifici antichi e moderni alle statue e rilievi romani. La rassegna è visitabile negli orari d’apertura di Casa Buonarroti: dalle 10 alle 17, tutti i giorni tranne il martedì e il 15 agosto, giorno di chiusura. Biglietti: intero 6,50 euro, ridotto 4,50 euro.

Nell’immagine: Theatrum sive Coliseum romanum, incisione raffigurante il Colosseo, pubblicata da Antoine Lafréry.

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraSpeculum Romanae Magnificentiae. Roma nell'incisione del Cinquecento
CittàFirenze
SedeCasa Buonarroti
DateDal 06/06/2018 al 26/08/2018
TemiCinquecento

La Roma del Cinquecento nelle incisioni dello Speculum, in mostra alla Casa Buonarroti di Firenze
La Roma del Cinquecento nelle incisioni dello Speculum, in mostra alla Casa Buonarroti di Firenze


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


In mostra a Roma le più celebri opere di Giuseppe Arcimboldi
In mostra a Roma le più celebri opere di Giuseppe Arcimboldi
Da Michelangelo a Caravaggio, a Forlì la mostra “l'Eterno e il Tempo”
Da Michelangelo a Caravaggio, a Forlì la mostra “l'Eterno e il Tempo”
Le sculture che suonano di Matteo Nasini per la prima volta esposte in una mostra personale in un museo italiano
Le sculture che suonano di Matteo Nasini per la prima volta esposte in una mostra personale in un museo italiano
Bologna, in Santa Maria della Vita le foto di Beatrice Serpieri sulle grandi sculture, da Niccolò dell'Arca a Canova
Bologna, in Santa Maria della Vita le foto di Beatrice Serpieri sulle grandi sculture, da Niccolò dell'Arca a Canova
Un tour 3D nell'antica Roma con la mostra virtuale “Radici del Presente”
Un tour 3D nell'antica Roma con la mostra virtuale “Radici del Presente”
La prima mostra dedicata a Sári Ember alla Galleria Campari
La prima mostra dedicata a Sári Ember alla Galleria Campari