Una mostra virtuale degli Uffizi racconta le storie di san Giovanni Battista in dipinti dal Trecento al Novecento


In occasione della festa del santo patrono di Firenze, gli Uffizi raccontano in una mostra virtuale le storie di san Giovanni Battista.

In occasione del 24 giugno, festa del santo patrono di Firenze, san Giovanni Battista, le Gallerie degli Uffizi presentano sul sito una mostra virtuale dedicata alla figura di Giovanni Battista nell’arte. Titolo dell’ipervisione è Il Santo che battezzò Cristo. Scene dalla vita di San Giovanni Battista, a cura di Anna Bisceglia: esposte online quindici opere delle collezioni realizzate tra Trecento e Novecento, tra cui capolavori di grandi artisti quali Leonardo, Raffaello, Bronzino, Veronese e un’icona russa. 

Il Battista è stato infatti molto rappresentato nell’arte figurativa, dal Medioevo al Novecento, in quanto figura chiave, anello di congiunzione tra Vecchio e Nuovo Testamento, tra la tradizione ebraica e il messaggio di Gesù.

Il percorso virtuale ha inizio con la pala d’altare del pittore giottesco Giovanni del Biondo; seguono il San Giovannino nel deserto, opera che Raffaello eseguì a Roma intorno al 1518, e quello di Andrea del Sarto. E ancora, le raffigurazioni della prima infanzia del Battista dipinte da Pontormo e dal Bronzino, e il Battesimo di Cristo raffigurato nei dipinti del Verrocchio e Leonardo e del Veronese. Il martirio e la decollazione sono descritti invece nelle opere di Cranach il Vecchio e di Alonso Berruguete

“Nel Settecento gli Uffizi erano affollati un solo giorno all’anno: quello della festa di San Giovanni” afferma il direttore degli Uffizi, Eike Schmidt, “quando i fiorentini erano invitati a visitare le collezioni, aperte al pubblico nel 1769 dal granduca Pietro Leopoldo di Lorena. Per Firenze è una festa religiosa ma anche civica e politica. Per gli Uffizi è un anniversario importante, e quest’anno ancora di più perché il museo ha appena riaperto le porte, dopo l’emergenza, ai visitatori e soprattutto ai fiorentini che stanno riappropriandosi della città e dei suoi tesori artistici. La mostra virtuale sulla figura di San Giovanni non è intesa solo come un omaggio al patrono cittadino, ma come un modo per festeggiare con tutti, a Firenze e nel mondo, una giornata di così grande significato per la città e per il nostro museo”. 

A questo link si accede alla mostra virtuale.

Immagine: Raffaello, San Giovanni Battista nel deserto (1517-18; olio su tela; Firenze, Uffizi) 

Informazioni sulla mostra

CittàFirenze
Sedegalleria degli Uffizi
DateDal 30/11/-0001 al 30/11/-0001
TemiFirenze, Uffizi, san Giovanni Battista

Una mostra virtuale degli Uffizi racconta le storie di san Giovanni Battista in dipinti dal Trecento al Novecento
Una mostra virtuale degli Uffizi racconta le storie di san Giovanni Battista in dipinti dal Trecento al Novecento


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


A Trento è in mostra la Madonna in Blu, una scultura veronese del Trecento
A Trento è in mostra la Madonna in Blu, una scultura veronese del Trecento
Alla Galleria Nazionale di Roma una grande collettiva di sole donne riflette sul femminismo
Alla Galleria Nazionale di Roma una grande collettiva di sole donne riflette sul femminismo
A Palermo una retrospettiva su Nicola Pucci a Villa Zito, con le opere degli ultimi vent'anni
A Palermo una retrospettiva su Nicola Pucci a Villa Zito, con le opere degli ultimi vent'anni
I guerrieri di Sandro Chia inaugurano il nuovo spazio milanese di Area\B
I guerrieri di Sandro Chia inaugurano il nuovo spazio milanese di Area\B
Uffizi, torna On Being Present: sulle tracce della cultura nera nelle opere del museo
Uffizi, torna On Being Present: sulle tracce della cultura nera nelle opere del museo
Como, l'infanzia violata è protagonista di una mostra del fotografo Giovanni Gastel
Como, l'infanzia violata è protagonista di una mostra del fotografo Giovanni Gastel