I musei di Alba raccontano l'arte e l'archeologia attraverso il fumetto


Il Museo Diocesano di Alba e i musei del Sistema Museale Albese raccontano attraverso il progetto “GULP! SPLASH! BANG! Racconti digitali a fumetti” la loro storia e le opere conservate. Illustrazioni digitali e video incontrano l’arte, l’archeologia e la storia più antica. 

Raccontare la storia delle opere conservate nei musei di Alba per creare nuove esperienze adatte a tutte le età: è il progetto GULP! SPLASH! BANG! Racconti digitali a fumetti ideato dal Mudi – Museo Diocesano di Alba che ha coinvolto i musei del Sistema Museale Albese (il Museo Civico Federico Eusebio, la chiesa di San Domenico e la chiesa di San Giuseppe). Il progetto è stato pensato per aiutare il pubblico dei musei di Alba a comprendere i contenuti, l’arte e la storia in modo divertente e innovativo e per far conoscere queste realtà a un numero di visitatori sempre più ampio.

Si è pensato quindi di far entrare in gioco il fumetto. In Gulp! Splash! Bang! Racconti digitali a fumetti, illustrazioni digitali e video incontrano l’arte, l’archeologia e la storia più antica per creare contenuti nuovi che raccontino le opere conservate nei musei di Alba e la storia del territorio. Le illustrazioni sono state realizzate da Boban Pesov, artista, fumettista e content creator. Boban unisce all’abilità manuale e creativa la conoscenza degli studi di architettura.

Sono stati realizzati ventisei racconti digitali a fumetti, video-pillole della durata di pochi minuti che, grazie alla voce e alla matita di Boban Pesov, accompagnano il pubblico nei musei di Alba con uno stile leggero, scorrevole, comprensibile ai più piccoli e coinvolgente per i giovani e gli adulti. È possibile vederli a questo link.

Il personaggio di Boban Pesov si avventura tra i leoni stilofori, tra templi e teatri romani, cattedrali medievali e affreschi gotici, per interpretare singoli reperti conservati solo parzialmente o avulsi dal contesto in una visione storica globale. Il tutto accompagnato da aneddoti e vicende storiche documentate dal lavoro di ricerca condotta dagli storici dell’arte Silvia Gallarato (direttrice del Museo Diocesano), da Martina Marucco e dall’archeologa Marianna Ceppa, esposti con il registro informale di Boban.

Questi racconti possono essere letti, ascoltati e guardati in qualsiasi momento e luogo. Sono infatti disponibili online e gratuitamente sul canale YouTube Mudi Alba. Sono raggruppati in diversi percorsi digitali che permetteranno di scoprire la città di Alba in modo virtuale, viaggiando nel tempo e incontrando animali, personaggi e architetture di epoche diverse.

Nei musei di Alba sarà possibile scansionare i QRcode collocati vicino alle opere e vivere così un’esperienza interattiva. Grazie alla cooperazione di un team eterogeneo nelle competenze e all’utilizzo di tecnologie digitali di qualità, è nato un progetto sorprendente (Gulp!), dirompente (Splash!) ed esplosivo (Bang!).

Regista digitale è Virginia Messina, content creator e CEO di Blue Monkey Studio che, con il supporto dei professionisti già citati, ha seguito il riadattamento dei contenuti, le riprese e l’editing dei video, la realizzazione del sito e del canale YouTube su cui è possibile fruire dei video anche da remoto.

Archeologi e storici dell’arte hanno curato i contenuti storico-artistici e insieme a Boban Pesov hanno tenuto otto workshop organizzati nelle quattro realtà museali. L’illustratore ha coinvolto anche le scuole di Alba e del territorio, con dieci lezioni e li ha portati nei musei. Durante questi incontri, realizzati gratuitamente grazie al contributo della Fondazione CRC, si è voluto sperimentare l’utilizzo dei racconti digitali a fumetti con l’obiettivo di spiegare concetti complessi di archeologia e arte, e constatare come il video e il linguaggio del fumetto siano capaci di catturare l’attenzione dei giovani partecipanti, creando interesse e curiosità verso le opere conservate nei musei. Infine, il laboratorio di disegno condotto da Boban Pesov, l’illustrazione di un personaggio o di un oggetto visto durante la visita, è diventato il filo conduttore tra i ragazzi e il museo.

Il progetto è stato sostenuto dalla Fondazione CRC, e per una parte anche dall’8xmille e dal Ministero della Cultura.

Per maggiori info è possibile visitare il sito https://www.visitmudi.it/gulp-splash-bang-racconti-digitali-a-fumetti/

I musei di Alba raccontano l'arte e l'archeologia attraverso il fumetto
I musei di Alba raccontano l'arte e l'archeologia attraverso il fumetto


La consultazione di questo articolo è e rimarrà sempre gratuita. Se ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante, iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER