Unicef, i Musei Reali di Torino sono Amici delle bambine, dei bambini e degli adolescenti


Dopo il MUSE di Trento, i Musei Reali di Torino sono stati riconosciuti da UNICEF Italia “Amici delle bambine, dei bambini e degli adolescenti”. 

I Musei Reali di Torino sono stati riconosciuti da UNICEF Italia "Amici delle bambine, dei bambini e degli adolescenti". Un percorso di due anni volto a rispondere agli standard del Programma UNICEF dedicato a promuovere il rispetto dei diritti delle persone di minore età nei luoghi della cultura, con particolare attenzione alle più vulnerabili, giunge così al termine. Ai Musei Reali di Torino è stato riconosciuto l’impegno nel perseguire con costante attenzione e consapevolezza gli obiettivi del Programma, coniugandoli con la propria mission culturale, educativa e sociale. Con il Programma Musei Amici delle bambine, dei bambini e degli adolescenti, l’UNICEF Italia intende offrire alle strutture interessate la possibilità di essere parte attiva di un impegno condiviso per la piena realizzazione dei principi sanciti dalla Convenzione sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza, mettendo a disposizione di bambine, bambini, adolescenti e famiglie specifici spazi, tempi, opportunità, strumenti e competenze. La cerimonia di riconoscimento si terrà giovedì 17 novembre alle ore 17 a Palazzo Reale, alla presenza della Direttrice dei Musei Reali Enrica Pagella, di Maria Costanza Trapanelli, Presidente del Comitato regionale UNICEF Piemonte, e di Antonio Sgroi, Presidente del Comitato provinciale per l’UNICEF di Torino.

Il percorso dei Musei Reali è iniziato nel 2020, in piena emergenza sanitaria, a partire dalla riflessione sul valore della cultura e dei luoghi della cultura per contribuire al benessere individuale e contrastare le forme dell’esclusione sociale e la povertà educativa. Supportata e accompagnata dall’UNICEF Italia, l’iniziativa ha visto la partecipazione di tutto il personale del museo ed è stato articolato in step condivisi, con l’obiettivo di garantire il conseguimento degli standard richiesti in termini di attenzione, offerte e servizi a misura di bambine, bambini e adolescenti.

“Quello che si celebra oggi, a Torino, è un risultato importante”, ha dichiarato la Presidente dell’UNICEF Italia Carmela Pace. "Il riconoscimento UNICEF di Museo Amico delle bambine, dei bambini e degli adolescenti è la concretizzazione di un lungo percorso, frutto dell’importante collaborazione fra l’UNICEF Italia e i Musei Reali di Torino, il primo museo a ricevere questo riconoscimento dopo la pandemia e il secondo in assoluto, in Italia, dopo il MUSE di Trento. Auspichiamo che questa sinergia sia di stimolo per molte altre strutture che svolgono una funzione centrale per la costruzione di comunità educanti, capaci di sostenere il percorso di crescita di bambine, bambini e adolescenti".

“L’esperienza dei visitatori e delle visitatrici si pone da sempre al centro delle attenzioni e delle iniziative dei Musei Reali”, ha sottolineato la direttrice Enrica Pagella, “ma siamo consapevoli che un impegno specifico vada rivolto all’infanzia e all’adolescenza, nel momento in cui il museo si assume la responsabilità di svolgere un ruolo attivo per l’educazione, la crescita personale e lo sviluppo di una coscienza civica dei giovani. L’adesione al programma promosso dall’UNICEF ricade nel Piano strategico 2021-2024 dei Musei Reali e nella nuova definizione di museo dell’ICOM, con particolare riguardo alle azioni tese ad aprire il museo alla comunità per mettersi a servizio della cittadinanza, e a quelle rivolte ad affrontare le sfide di sostenibilità e ad accrescere il dialogo con le future generazioni”.

Unicef, i Musei Reali di Torino sono Amici delle bambine, dei bambini e degli adolescenti
Unicef, i Musei Reali di Torino sono Amici delle bambine, dei bambini e degli adolescenti


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER