Pasticceria milanese crea panettoni con in regalo libro su Raffaello e ingressi al museo


Una pasticceria milanese, Giovanni Cova & C., fa squadra con l’Ambrosiana e con la Pinacoteca di Brera e crea panettoni con in regalo un libro su Raffaello e biglietti per i due musei.

Un’interessante iniziativa per promuovere l’arte e la cultura: è quella che la storica pasticceria milanese Giovanni Cova & C. ha ideato assieme alla Pinacoteca Ambrosiana di Milano e alla Pinacoteca di Brera per celebrare il quinto centenario della scomparsa di Raffaello Sanzio (Urbino, 1483 - Roma, 1520). Il primo elemento è... visivo: sugli incarti dei panettoni prodotti da Giovanni Cova & C. saranno riprodotti due dei più importanti capolavori del pittore, ovvero La scuola di Atene, di cui la Pinacoteca Ambrosiana conserva il cartone, e lo Sposalizio della Vergine conservato alla Pinacoteca di Brera. Più nel dettaglio, l’affresco della Stanza della Segnatura decorerà la confezione del Panettone “Gran nocciolato” con granella di nocciole, mentre quello il panettone “classico”, il dolce natalizio milanese per eccellenza (quello di Giovanni Cova & C. è stato premiato dall’International Taste and Quality Institute di Bruxelles con il Tre Stelle Superior Taste Award) sarà invece decorato a tema braidense.

Ma non solo: in ogni confezione si troverà infatti in regalo un libro sulle due opere curato dai due musei, e sei coupon di sconto del valore di 30 euro complssivi, che potranno essere utilizzati per l’ingresso alle mostre della Pinacoteca Ambrosiana e della Pinacoteca di Brera, da dicembre 2020 a giugno 2021.

“Da alcuni anni”, dichiara Andrea Muzzi, ad di Giovanni Cova & C., “abbiamo intrapreso un percorso di valorizzazione del patrimonio artistico italiano, soprattutto legato alle eccellenze milanesi perché ogni nostro prodotto emoziona e vogliamo continuare a generare questi sentimenti sia nel gusto che nell’acquisto di uno dei nostri prodotti. La pandemia ha stravolto le nostre vite, i nostri programmi – e continua – possiamo ancora riappropriarci dei piaceri della vita e pensare a come valorizzare le eccellenze e i talenti italiani attraverso l’arte pasticcera, anche in questo momento storico difficile”.

“Dal 1609, la Veneranda Biblioteca Ambrosiana, edificata da Federico Borromeo nel centro geometrico della città di Milano”, sottolinea Marco Ballarini, prefetto dell’Ambrosiana, “è un punto di riferimento per tutti coloro che sono alla ricerca del Vero e del Bello. Le sue prestigiose collezioni di preziosi manoscritti e rarissimi stampati e la sua pinacoteca – il più antico museo di Milano! Non solo luogo di studio e museo, l’Ambrosiana è, da sempre, luogo di incontro, confronto e collaborazione con le realtà̀ culturali, istituzionali e imprenditoriali, che costituiscono le eccellenze della nostra città”.

“Per il secondo anno consecutivo”, continua Ballarini, “l’Ambrosiana è lieta di collaborare con la Giovanni Cova & C., il cui marchio è per tutti immediato richiamo a un prodotto dolciario di alta pasticceria e di rigorosa tradizione milanese, come il Panettone. L’Ambrosiana è, inoltre, lieta di partecipare a questa iniziativa con un’altra prestigiosa istituzione milanese, la Pinacoteca di Brera, custode di una preziosa tavola del Maestro di Urbino. Con modalità̀ innovative, ancora una volta arte, cultura e tradizione, nelle loro molteplici e variegate forme,trovano modo di raccontarsi a vicenda, narrando insieme le meraviglie che Milano sa offrire”.

Pasticceria milanese crea panettoni con in regalo libro su Raffaello e ingressi al museo
Pasticceria milanese crea panettoni con in regalo libro su Raffaello e ingressi al museo


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER