L'arte spiegata su Zoom da Stefano Zuffi e altro: la proposta online del Museo Diocesano di Milano


Un ciclo di lezioni con Stefano Zuffi e una serie di interessanti incontri online: ecco la proposta digitale del Museo Diocesano di Milano per questo autunno.

Il Museo Diocesano “Carlo Maria Martini” di Milano è tra i musei più attivi sul fronte “online” e per questo autunno di chiusure imposte dai dpcm presenta un ricco programma di incontri e lezioni online, con proposte interessanti, diverse delle quali gratuite. Una proposta che si conferma, come ci spiegava la direttrice Nadia Righi in un’intervista dello scorso aprile, propedeutica per la visita al museo quando potrà riaprire finalmente le porte. Per tutti gli eventi online occorre prenotarsi in anticipo. Tutti gli incontri si terranno sulla piattaforma Zoom.

Il primo appuntamento è per martedì 17 novembre alle 18 con l’incontro intitolato 2019 Un capolavoro per Milano. Artemisia Gentileschi. L’Adorazione dei Magi dalla cattedrale di Pozzuoli (durata 45 minuti, gratis e riservato ai primi 80 iscritti: prenotazioni entro le 14 di lunedì 16 novembre inviando una mail all’indirizzo diocesanoonline@gmail.com): Nadia Righi parlerà del dipinto della pittrice seicentesca, conservato alla Cattedrale di Pozzuoli, che nel 2019 fu “ospite” del Museo Diocesano per la tradizionale mostra natalizia. Il 18 novembre alle 17:30 ci sarà invece la penultima “puntata” del corso di storia dell’arte La lunga scia della bellezza, cominciato a ottobre, con lo storico dell’arte e divulgatore Stefano Zuffi, che parlerà di Francisco Goya (costo 10 euro, iscrizioni dal 12 al 16 novembre). La serie di Stefano Zuffi termina il 25 novembre con l’incontro dedicato ad Antonio Canova (costo 10 euro, acquistabile dal 19 al 23 novembre): per entrambi gli ultimi due incontri prenotazioni all’indirizzo mail diocesanoonline@gmail.com.

Gli appuntamenti proseguono con la serie Venite, adoriamo! a cura di Ambarabart: un ciclo per avvicinare il pubblico al tema iconografico e religioso dell’adorazione del Bambino attraverso quattro incontri in cui i più grandi artisti di sempre entreranno nelle case del pubblico (tutti alle ore 18). Si parte 23 novembre con Giotto e Duccio (relatore Chiara Brighi), si prosegue il 2 dicembre con Giorgione e Tiziano (relatore Maria Elisa Le Donne), e poi ancora il 9 dicembre con Caravaggio e Correggio (relatore Arianna Piazza), e si conclude il 16 dicembre con Rembrandt e Rubens (relatore Arianna Piazza). Tutti gli incontri della serie Venite, adoriamo! sono gratuiti e riservati a un massimo di 80 iscritti (necessaria prenotazione all’indirizzo parrocchieoratori@museodiocesano.it). Questa iniziativa è realizzata nell’ambito del progetto IncontrArti – Museo Diocesano Carlo Maria Martini, incontro tra arte e comunità per l’inclusione sociale, realizzato in partenariato con Fondazione Luigi Clerici e finanziato da Fondazione di Comunità Milano.

Come anticipato, tutti gli incontri prevedono l’utilizzo della piattaforma Zoom, scaricabile gratuitamente dall’apposito sito web. Zoom funziona sia su PC, Apple e smartphone Android e Iphone, quindi gli incontri si possono seguire con qualsiasi tipo di dispositivo. Al termine dell’iscrizione i partecipanti riceveranno via mail il link per accedere all’incontro. Per qualsiasi altra informazione è possibile collegarsi al sito del Museo Diocesano di Milano.

Immagine: Artemisia Gentileschi, Adorazione dei Magi, dettaglio (1636-1637; olio su tela, 311 x 206 cm; Pozzuoli, Cattedrale)

L'arte spiegata su Zoom da Stefano Zuffi e altro: la proposta online del Museo Diocesano di Milano
L'arte spiegata su Zoom da Stefano Zuffi e altro: la proposta online del Museo Diocesano di Milano


Acquista il nostro libro Cronache dal mondo dell'arte 2020
Tutto il 2020 in un libro di 430 pagine con 60 fotografie a colori, in una selezione di 60 articoli scelti dalla redazione di Finestre sull'Arte.
CLICCA QUI
PER INFORMAZIONI



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma    

NEWSLETTER