Musei, è giunto il momento di mettere in discussione il monopolio eurocentrico sull'estetica


Cosa si può fare per rendere i musei più inclusivi? Secondo Andreas Beitin, direttore del Kunstmuseum di Wolfsburg (Germania), è arrivato il momento di mettere in discussione (o, meglio ancora, di rompere) il monopolio eurocentrico sull'estetica.

Non è solo negli ultimi anni che l’arte è diventata più globale, lo è sempre stata. Ma molti direttori di musei occidentali hanno consapevolmente o inconsciamente ignorato questo fatto. Almeno dalla leggendaria mostra Magiciens de la Terre nel 1989 al Centre Pompidou di Parigi e da documenta 11 nel 2002, curata da Okwui Enwezor, questo fatto non poteva più essere trascurato. Naturalmente, c’è tanta arte buona o cattiva al di fuori dell’emisfero occidentale come al suo interno. Ma negli ultimi anni abbiamo visto in numerosi eventi e mostre che l’arte non si ferma ai confini dell’Europa o del Nord America, e che al di là di questi ci sono molte posizioni affascinanti e personalità artistiche considerevoli da scoprire, che fino ad allora erano state spesso emarginate o semplicemente ignorate.

Supponendo che ciò non sia accaduto apposta, sembrano esserci due ragioni principali per questa ignoranza: da un lato, una mancanza di conoscenza dell’arte non occidentale (chi potrebbe affermare di conoscere l’arte di tutti i paesi del mondo?) e, dall’altra parte, pochissimi staff compositi, dal momento che il personale della maggior parte dei musei è solitamente composto da persone bianche, occidentali, spesso formate solo nella storia dell’arte europea. Questo non è inteso come un’accusa, né come una denigrazione, perché io stesso appartengo a questa specie. Ma per rendere i musei più inclusivi in futuro, sia in termini di politica espositiva che di acquisizione, e quindi di espansione delle collezioni, qualcosa dovrebbe cambiare. Ad esempio, curatori e studiosi non occidentali possono essere trovati e assunti (progetto per progetto) tramite programmi di scambio istituzionale o inviti a presentare proposte internazionali. Attraverso i canali digitali, ci si può (a dire il vero in modo non ottimale) informarsi sull’arte delle posizioni emarginate anche in tempi di pandemia senza dover girare mezzo mondo. Al Kunstmuseum Wolfsburg stiamo attualmente lavorando a una mostra globale su arte e femminismo per il 2022 e attingiamo a una rete internazionale di artisti, curatori e studiosi per essere in grado di riflettere quanta più diversità possibile nella mostra e nella pubblicazione di accompagnamento. Tutto ciò funziona molto bene e sono fiducioso che, alla fine, l’una o l’altra opera d’arte possa essere acquistata per la nostra collezione.

La mostra Magiciens de la terre al Centre Pompidou nel 1989. Foto di Béatrice Hatala
La mostra Magiciens de la terre al Centre Pompidou nel 1989. Foto di Béatrice Hatala


Prajakta Potnis, Capsule I (2012; stampa digitale su tessuto, light box in alluminio e sorgente luminosa, 183 x 304 x 12 cm; Wolfsburg, Kunstmuseum)
Prajakta Potnis, Capsule I (2012; stampa digitale su tessuto, light box in alluminio e sorgente luminosa, 183 x 304 x 12 cm; Wolfsburg, Kunstmuseum)

Per una pratica di acquisizione inclusiva, sembra avere senso includere più posizioni non occidentali, emarginate o estranee nei programmi espositivi al fine di spostare l’attenzione dall’esposizione e dalla raccolta di opere di “vecchi uomini bianchi” europei o statunitensi. Il fatto che le artiste donne siano state sempre più esposte nei principali musei negli ultimi anni è un inizio, ma è ancora molto lontano dalla parità di diritti o dall’uguaglianza, sia nella pratica espositiva che sul mercato dell’arte. Per non parlare delle posizioni non occidentali, finora in gran parte escluse. Un esame estetico oltre che accademico è quindi un primo prerequisito di base per una mutata pratica espositiva, al fine di sviluppare successivamente criterî di valutazione per le acquisizioni.

È giunto il momento di mettere in discussione almeno il monopolio eurocentrico sull’estetica o, meglio ancora, di romperlo. Sul medio termine, è mio obiettivo che questa intenzione a favore di una maggiore diversità si rifletta anche in una collezione come quella del nostro museo. Abbiamo già iniziato a sviluppare la collezione in modo più inclusivo, cioè più diversificato, e siamo stati in grado di includere opere di artisti provenienti da India, Ghana e Sud Africa lo scorso anno e quest’anno. Il punto di partenza temporale della collezione del Kunstmuseum Wolfsburg è ancorato nell’anno di rilevanza internazionale del 1968, un periodo di sconvolgimenti, ma anche di nuovi inizi; in questo senso, rappresenta anche un compito e un obbligo in futuro continuare a sviluppare la collezione “planetariamente” e inclusivamente nella direzione del futuro e considerare sempre più le artiste e le posizioni non occidentali nelle mostre e nelle acquisizioni. Solo in questo modo si può giustificare la rivendicazione di un museo attivo a livello mondiale del XXI secolo.

Questo contributo è stato pubblicato originariamente sul n. 10 della nostra rivista cartacea Finestre sull’Arte on paper. Clicca qui per abbonarti.


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE

Andreas Beitin

L'autore di questo articolo: Andreas Beitin

Direttore del Kunstmuseum di Wolfsburg


Commenta l'articolo che hai appena letto



Commenta come:      
Spunta questa casella se vuoi essere avvisato via mail di nuovi commenti



1. Paolo in data 12/07/2021, 13:00:06

.. da eurocentrica a globacentrica... l'arte poverina oramai le ha provate tutte: sempre più povera e sempre più vuota. Direttori di musei che fanno i sociologi globalisti, sono funzionari che hanno sbagliato lavoro. Fare capire la nostra storia dell'arte è già un'impresa ardua, figuriamoci quella di altri emisferi. Buon lavoro comunque...







Torna indietro



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma