Artemisia - di Alexandra Lapierre


Un bellissimo romanzo, Artemisia di Alexandra Lapierre, ci farà rivivere tutta la storia di Artemisia Gentileschi, la grande pittrice del Seicento

Con il libro di oggi si potrebbe dire che riprendiamo quasi il discorso dal libro di cui vi abbiamo parlato la volta scorsa, I libri proibiti di Mario Infelise, perché le vicende del romanzo Artemisia di Alexandra Lapierre (nell’edizione Best Sellers di Mondadori) coincidono con alcuni dei brani del testo che parlava della censura libraria in Europa. Conosciamo quindi già alcuni aspetti del contesto storico in cui visse Artemisia Gentileschi, la grande protagonista del romanzo storico che l’autrice franco-statunitense scrive con passione ma senza dimenticare il rigore storiografico.

Artemisia di Alexandra Lapierre
Artemisia di Alexandra Lapierre

La prima cosa che colpisce infatti di Artemisia è la precisa ricostruzione storiografica, e a testimonianza di ciò sarebbe sufficiente sfogliare la corposa bibliografia che chiude il libro e che ci offre diversi spunti di approfondimento. Una ricostruzione storiografica che sarà in grado di farci rivivere in modo suggestivo le atmosfere del tempo portandoci nei bassifondi del quartiere degli artisti di una Roma sul finire della Controriforma, nel lusso della corte di Cosimo II de’ Medici a Firenze, oppure ancora tra gli intrighi della Londra degli anni Trenta del XVII secolo.

Proprio a Londra si apre il romanzo, iniziando... dalla chiusura! Siamo nel febbraio del 1639 e il padre di Artemisia, Orazio Gentileschi, è scomparso da pochi giorni. Un lungo flashback ci riporta quindi al 1599, quando Artemisia ha appena sei anni e insieme al padre assiste a un tragico episodio del tempo, l’esecuzione di Beatrice Cenci che ha principalmente lo scopo di inquadrare in modo secco e brutale il contesto storico in cui ci troviamo oltre a quello di suggerirci quale fosse l’aria che si respirava a Roma negli anni dell’applicazione dei principi controriformistici.

Artemisia, in quarant’anni esatti di vita dell’artista, ci racconterà tutta la storia della più famosa pittrice italiana, senza tralasciare ovviamente la tragica vicenda della violenza subita da Agostino Tassi, un altro dei tanti protagonisti del romanzo, e passando per tutti i suoi trasferimenti che la fecero girare per l’Italia (e non solo). I pittori del tempo ci sono tutti, anche se molti sono destinati al ruolo di comparse: Caravaggio, Giovanni Baglione, il Cavalier d’Arpino, Cristofano Allori e tanti altri. Ma su tutti spiccano padre e figlia: gran parte del romanzo è incentrata proprio sul dualismo tra Orazio e Artemisia.

Si tratta di un libro che consigliamo sicuramente a tutti, per diversi motivi. Anche se non è proprio un libro di storia dell’arte e magari la cosa può far storcere un po’ il naso ai nostri lettori più puristi, offre come già detto una ricostruzione rigorosa sia dal punto di vista storico che da quello storico-artistico, anche se ovviamente, trattandosi di un romanzo, viene dedicato buono spazio (benché non molto ampio) ai dialoghi, sempre nel rispetto delle vicende storiche e senza eccessive invenzioni da parte dell’autrice. Il risultato è un libro per tutti, che non richiede una conoscenza pregressa dell’argomento (sia della storia che dell’arte del XVII secolo) per poter essere compreso nel migliore dei modi, perché Alexandra Lapierre fornisce al lettore tutti gli strumenti di cui ha bisogno per capire la storia.

Dunque, nonostante l’argomento che può sembrare ostico, un romanzo che si legge con estrema facilità e può costituire uno strumento utile anche per avvicinare il lettore alla storia dell’arte: sono sicuro che tutti voi che lo leggerete, alla fine sarete curiosi di vedere dal vivo le opere descritte durante la narrazione. Già, le opere: i capitoli del libro portano i nomi di alcuni tra i più grandi capolavori di Artemisia Gentileschi e nell’edizione che vi proponiamo troverete anche le immagini dei dipinti di cui si parla nel corso del romanzo!

Quindi se avete voglia di leggere un libro assolutamente non impegnativo, decisamente interessante e scritto con grande passione e allo stesso tempo con cura e rispetto per la storia, e che magari vi possa anche insegnare qualcosa, Artemisia di Alexandra Lapierre è il libro che fa per voi: rivivrete la storia di una delle più grandi protagoniste della nostra arte, Artemisia Gentileschi, e alla fine di ogni pagina sarete sempre curiosi di sapere cosa succede nelle righe successive, tanta è la sapienza con cui Alexandra Lapierre ci narra la vicenda: e questo anche se siete profondi conoscitori della biografia e della pittura di Artemisia Gentileschi!

Artemisia
di Alexandra Lapierre
Best sellers Mondadori, 2000 (prima edizione 1999)
511 pagine
10,50 €


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Federico Giannini

L'autore di questo articolo: Federico Giannini

Giornalista d'arte, nato a Massa nel 1986, laureato a Pisa nel 2010. Ho fondato Finestre sull'Arte con Ilaria Baratta. Oltre che su queste pagine, scrivo su Art e Dossier e su Left.

Leggi il profilo completo


Commenta l'articolo che hai appena letto



Commenta come:      
Spunta questa casella se vuoi essere avvisato via mail di nuovi commenti



1. Grazia in data 29/07/2012, 09:57:40

Caro Tino il canarino,

non mi piace particolarmente Artemisia Gentileschi, ma mi piacciono i libri dove la storia dell'arte diventa racconto. Seguirò il tuo consiglio: il libro me lo porto nello zaino, in montagna.

E di' a Federico che, comunque, secondo me come libro d'arte appassionante, divertente, coinvolgente rimane insuperabile le" Vite" Vasari. Certo, però, che portarselo in vacanza...!

 





2. Tino in data 29/07/2012, 22:56:15

già, devo dire ai miei amici che Vasari è da recensire eheheh.. Grazie per la visita!!!





3. Paola in data 16/01/2015, 20:55:56

Artemisia e'uno dei romanzi più avvincenti che io abbia letto in questi ultimi anni!!!!!!!! Essendo una lettrice accanita l ho letto tre volte:la P prima con la frenesia di arrivare alla fine.La seconda più lentamente cercando di memorizzare i vari momenti.E infine la terza gustando ogni frase ogni singola parola,.....,,,,PaolaParadisi13/01/2015



4. Chiara in data 29/08/2015, 13:17:21

Sono indecisa se iniziare a conoscere la figura di Artemisia dal romanzo di Susan Vreeland (La passione di Artemisia) o da quello di Alexandra Lapierre. Cosa mi consigliate? Quali sono le differenze tra i due? Grazie!



5. Nicola in data 05/09/2018, 16:56:12

Ciao! Potete dirmi per piacere se è disponibile online? Mi piacerebbe leggerlo.



Commenti dal post ufficiale su Facebook



Torna indietro



Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Barocco     Quattrocento     Genova     Roma