Roma, Santa Maria dell'Orto: la sontuosa e particolarissima chiesa dei lavoratori a Trastevere


A Roma, nel quartiere di Trastevere, si trova la poco nota chiesa di Santa Maria dell'Orto, la chiesa del popolo, dei bottegai e dei commercianti della città.

Se dovessimo prendere cento persone, e chiedere a ognuna di queste una lista di dieci luoghi da visitare a Roma, potremmo scommettere, con ottime probabilità di vittoria, che nessuna (o forse una o due) indicherebbe la chiesa di Santa Maria dell’Orto. Ecco perché, tra l’altro, siamo contrari agli articoli in stile “dieci cose da fare a”: sono necessariamente escludenti. E molto difficilmente Santa Maria dell’Orto verrebbe inclusa in una lista: il punto, infatti, è che questo edificio religioso, che si trova nel cuore di Trastevere, è tagliato fuori da tutti gli itinerari di massa. La sua ubicazione, lontana dalle vie dello struscio e del turismo, probabilmente non gioca a suo vantaggio: se questo è un bene o un male, sta alla sensibilità del lettore giudicare. Non hanno giovato neppure i lunghi restauri che la costruzione ha dovuto più volte subire negli ultimi anni: minacciata dagli ampliamenti sconsiderati degli edifici circostanti, la chiesa ha dovuto essere sottoposta a interventi di consolidamento, durati in una prima fase dal 1984 al 1995, e poi ancora dal 2011 al 2013. Oggi, finalmente, la chiesa può presentarsi ai romani (e non solo a loro) in tutta la sua magnificenza, risultato di secoli di contributi offerti... dal popolo!

Sì, perché Santa Maria dell’Orto non è una chiesa nata per volontà di un papa o di un principe, né titolari delle sue cappelle sono membri di famiglie della nobiltà romana. Niente di tutto ciò: Santa Maria dell’Orto è la chiesa dei trasteverini, del popolo, dei lavoratori. E popolari sono le sue origini: si narra che queste ultime si debbano a un fatto ritenuto miracoloso. Nel Quattrocento, la zona sulla quale oggi sorge l’edificio, era colma di campi, terreni e orti (da cui il nome della chiesa): la tradizione vuole che, attorno al 1488, un contadino gravemente ammalato si fosse fermato dinnanzi a un’immagine della Madonna che si trovava sul muro di un orto. Il contadino avrebbe fatto un voto alla Madonna, e sarebbe miracolosamente guarito: gli abitanti della zona decisero dunque di edificare, sul finire del Quattrocento, una piccola cappella per celebrare l’accaduto. Per meglio organizzare il culto della Madonna dell’Orto, si decise di riunire una Confraternita, che avrebbe promosso la devozione verso la Vergine e avrebbe seguito l’edificazione della chiesa, all’interno della quale, sull’altare maggiore, si può ancora vedere l’immagine che avrebbe dato il via alla storia dell’edificio. La confraternita fu riconosciuta ufficialmente nel 1492 da papa Alessandro VI, e la sua attività continua ancora oggi: la Venerabile Arciconfraternita di Santa Maria dell’Orto (l’elevazione ad “arciconfraternita” risale al 1588) è il sodalizio che seguita a curare la chiesa di Santa Maria dell’Orto.

L'iscrizione che ricorda la collocazione nella chiesa dell'immagine miracolosa
L’iscrizione che ricorda la collocazione nella chiesa dell’immagine miracolosa


L'altare maggiore della chiesa di Santa Maria dell'Orto a Roma
L’altare maggiore della chiesa di Santa Maria dell’Orto a Roma


La navata centrale
La navata centrale

La confraternita, nel corso dei secoli, poté inoltre giovarsi di un aiuto molto speciale: quello delle Università delle Arti e dei Mestieri, ovvero delle corporazioni dei lavoratori (quelle che, per intenderci, oggi chiameremmo “associazioni di categoria”). Non dobbiamo dimenticare che, in questa zona di Roma, si trovava anticamente il porto di Ripa Grande, il porto fluviale della città: possiamo dunque immaginare come il quartiere fosse molto movimentato, dato che era un importante snodo per i commerci, e che fosse densamente popolato, da persone per lo più di bassa estrazione sociale. Al porto di Ripa Grande sbarcavano tutte le merci destinate alla città: si trattava soprattutto di generi alimentari che rifornivano le botteghe di tutta Roma. La zona era pertanto meta abituale di ortolani, mugnai, venditori di carne e di pollame e commercianti vari, che cominciarono dunque a pensare di trovare una chiesa di riferimento. La scelta non poté che cadere su Santa Maria dell’Orto: così, le corporazioni affiancarono la confraternita nel proprio lavoro. La tradizione identifica dodici università che diedero lustro all’edificio facendosi carico delle spese per gli stucchi, i dipinti, le decorazioni: gli ortolani, i pizzicaroli (cioè i salumieri), i fruttaroli, i mercanti, i sensali (ovvero i mediatori nei commerci di prodotti agricoli), i molinari (i mugnai), i vermicellari (ovvero i produttori di pasta: i vermicelli, com’è noto, sono un tipo di pasta), i pollaroli (i venditori di pollame), gli scarpinelli (i calzolai), i mosciarellari (i venditori di castagne: la “mosciarella” è una castagna secca tipica di Roma e dintorni), i vignaroli e i barilari. Alle università che riunivano i “padroni”, ovvero i proprietari delle attività, si aggiungevano talvolta le università dei “garzoni”: accadeva per i molinari, i pizzicaroli, gli ortolani e i vermicellari. Ogni dipinto, ogni stucco, ogni decorazione, insomma ogni angolo della chiesa può essere facilmente ricondotto all’università che lo ha... “sponsorizzato”: sono infatti presenti ovunque iscrizioni che rimandano alla corporazione che finanziò un intervento. Quelle più vistose sono, probabilmente, le iscrizioni che decorano il pavimento. Con il nome dell’università spesso affiancato da un simbolo, così che anche chi non fosse in grado di leggere riuscisse a capire chi si era assunto gli oneri delle imprese. Il premio per la decorazione pavimentale più vistosa va però ai fruttaroli, con la loro tarsia marmorea del 1747 colma d’ogni tipo di frutta, che fa mostra di sé proprio di fronte all’altare maggiore.

L'iscrizione pavimentale dell'Università dei Pizzicaroli
L’iscrizione pavimentale dell’Università dei Pizzicaroli


Università de' Pollaroli
Università de’ Pollaroli


Università dell'Ortolani
Università dell’Ortolani


Università delli Scarpinelli
Università delli Scarpinelli


Per li padroni pizzicaroli
“Per li padroni pizzicaroli”


La tarsia marmorea dell'Università dei Fruttaroli
La tarsia marmorea dell’Università dei Fruttaroli


Portale finanziato dall'Università dei Pizzicaroli
Portale finanziato dall’Università dei Pizzicaroli


La chiesa oggi ci risulta così sontuosa, spesso fino all’eccesso, perché le dodici università, di fatto, gareggiarono per dotare la chiesa degli apparati decorativi più belli e lussuosi, con i fondi di cui potevano disporre grazie ai contributi degli associati: tutto quello che vediamo nella chiesa è, in sostanza, frutto del lavoro di salumieri, ortolani, fruttivendoli, calzolai, e via dicendo. Ecco perché Santa Maria dell’Orto è considerata la chiesa del popolo: qui, la nobiltà non è mai intervenuta. Ma sbaglierebbe chi pensasse che le classi più umili della popolazione non fossero dotate di gusto: basta pensare che il progetto della facciata fu affidato a uno degli architetti più aggiornati ed eleganti del suo tempo, Jacopo Barozzi, detto il Vignola (Vignola, 1507 - Roma, 1573), che realizzò il prospetto a partire dal 1566. La facciata è quindi una summa di elementi tipici dello stile vignolesco: presenta un primo livello in cui raffinate paraste coronate da capitelli ionici dividono, alternativamente, le nicchie esterne dalle porte d’ingresso all’edificio. Le due porte laterali sono sormontate da timpani triangolari, mentre il portale principale è fiancheggiato da due colonne, anch’esse in stile ionico, che sorreggono un timpano curvo fortemente aggettante. La trabeazione con l’iscrizione che ci racconta in poche parole la storia dell’edificio divide l’ordine inferiore da quello superiore, costituito da un frontone (con finestrone sormontato da orologio, e suddiviso da lesene corinzie) raccordato al piano inferiore da due volute, tipiche del repertorio di Jacopo Barozzi. Completano l’insieme i piccoli obelischi in travertino, anch’essi tipici del lessico del Vignola: ne abbiamo sei (tre per lato) che fiancheggiano il frontone in corrispondenza delle paraste, e cinque che lo sormontano.

La facciata di Santa Maria dell'Orto a Roma, Trastevere
La facciata di Santa Maria dell’Orto a Roma, Trastevere

L’interno, come anticipato, è meticolosamente corredato di iscrizioni che attestano a quale università si debba un gruppo di dipinti, una decorazione, un portale. Entrando, sulla destra, la prima cappella che troviamo è condivisa da due università, quella dei sensali e quella dei mercanti, ed è dedicata all’Annunciazione. Sull’altare, al centro tra un san Gabriele di Virginio Monti del 1875 e un san Giuseppe di Giovanni Capresi del 1878, possiamo osservare un dipinto di Federico Zuccari (Sant’Angelo in Vado, 1539 - Ancona, 1609), risalente all’estate del 1561 (ma restaurato nel 1998), che rappresenta il momento in cui l’arcangelo Gabriele reca l’annuncio alla Madonna. È un’opera giovanile: l’artista, all’epoca, aveva appena ventidue anni, e realizzò un dipinto semplice, essenziale ma elegante, in linea con lo stile classicista che risentiva ancora della lezione di Raffaello, scomparso quarantuno anni prima. Sempre a Federico Zuccari, in collaborazione col fratello Taddeo (Sant’Angelo in Vado, 1529 - Roma, 1566), si devono gli affreschi che decorano il catino absidale, con Storie della Vergine: furono finanziati dall’Università dei Fruttaroli (ce lo ricordano la tarsia marmorea sul pavimento davanti all’altare maggiore e il simbolo dell’Ave Maria, costituito da festoni di frutta, che campeggia al centro del finestrone dell’abside) e risalgono allo stesso periodo. Sulla sinistra, vediamo in alto lo Sposalizio della Vergine e in basso la Natività, mentre a destra troviamo la Visitazione e la Fuga in Egitto. Sarebbero riconducibili alla mano di Federico le scene dello Sposalizio e della Visitazione. Come ebbe a scrivere lo storico dell’arte Claudio Strinati, queste pitture di Federico Zuccari sono “sobrie, condotte con l’evidente intenzione di rispettare i canoni della simmetria, dell’ordine della composizione, dell’equilibrio”, e la mano del giovane artista è “felice ma ferma, il disegno tornito, sicuro”, anche se “gracile nell’esito finale”. Ne consegue comunque un altissimo "senso della dignitas“ di ”quanto viene rappresentato": in altre parole, l’elevatezza dei soggetti rappresentati è pienamente sottolineata dallo stile fluido, ma al contempo classico e rigoroso, del pittore marchigiano.

La navata destra di Santa Maria dell'Orto
La navata destra di Santa Maria dell’Orto


Federico Zuccari, Annunciazione (1561)
Federico Zuccari, Annunciazione (1561)


Le pitture dell'abside
Le pitture dell’abside


Dedica delle pitture dell'abside (Università dei Fruttaroli)
Dedica delle pitture dell’abside (Università dei Fruttaroli)


L'Ave Maria dell'Università dei Fruttaroli
L’Ave Maria dell’Università dei Fruttaroli

Tornando alla prima cappella e procedendo innanzi, incontriamo la cappella dell’Università dei Vermicellari, dedicata a santa Caterina d’Alessandria e decorata da Filippo Zucchetti (Rieti, 1648 - 1712), che dipinse per l’altare un Matrimonio mistico di santa Caterina, affiancato da un san Paolo e da un san Pietro di un anonimo settecentesco.

Filippo Zucchetti, Matrimonio mistico di santa Caterina (1711)
Filippo Zucchetti, Matrimonio mistico di santa Caterina (1711)

È invece interamente opera di Giovanni Baglione (Roma, 1573 circa – 1643) l’apparato decorativo della cappella dell’Università dei Vignaroli, dedicata ai santi Giacomo, Bartolomeo e Vittoria. L’artista romano, grande rivale di Caravaggio, aveva già lavorato nella chiesa, tra il 1598 e il 1599, occupandosi della realizzazione di alcune scene della Vita di Maria sulle pareti dell’abside (precedono gli affreschi degli Zuccari di cui s’è fatto cenno sopra) e sarebbe tornato a lavorare qui anche negli anni successivi. Chi volesse dunque conoscere gli sviluppi dell’arte di Giovanni Baglione, qui potrebbe farsi un’idea piuttosto completa: abbiamo infatti opere giovanili (quelle dell’abside, probabilmente le prime che conosciamo dell’artista), opere della piena maturità e opere dell’ultimissima fase della sua carriera (nelle cappelle). Quelle ritenute più interessanti sono le tele che troviamo nella cappella dell’Università degli Ortolani, dedicata a san Sebastiano: qui, Giovanni Baglione realizzò, nel 1624, un San Sebastiano curato dagli angeli per l’altare, e due ulteriori santi (Antonio da Padova e Bonaventura) per le navate laterali. L’eclettismo che contraddistinse, per buona parte del suo percorso artistico, lo stile di Giovanni Baglione, si può desumere dagli elementi ravvisabili nei dipinti: un naturalismo pacato, dal sapore quasi classico, di derivazione carraccesca si somma a un luminismo di osservanza caravaggesca e a un colorismo che rimanda alla pittura veneta. Più stanche appaiono invece le realizzazioni della cappella dei vignaroli, ovvero una Madonna col Bambino e santi, il Martirio di un santo diacono e il Martirio di sant’Andrea (siamo nel 1630) e quelle della cappella dell’Università degli Scarpinelli, dedicata ai santi Carlo Borromeo, Ambrogio e Bernardino da Siena, nella quale troviamo una Madonna col Bambino e santi sull’altare e due storie dei santi Carlo Borromeo e Ambrogio sulle pareti laterali (rispettivamente, San Carlo Borromeo cura gli appestati e Sant’Ambrogio caccia gli ariani da Milano). Sono le ultime opere del pittore romano, realizzate nel 1641: il repertorio si è fatto ormai trito, privo di idee originali e anche qualitativamente piuttosto basso.

Giovanni Baglione, Madonna con Bambino e santi (1630)
Giovanni Baglione, Madonna con Bambino e santi (1630)


Giovanni Baglione, Martirio di un santo diacono (1630)
Giovanni Baglione, Martirio di un santo diacono (1630)


Giovanni Baglione, Martirio di sant'Andrea (1630)
Giovanni Baglione, Martirio di sant’Andrea (1630)


Dipinti di Giovanni Baglione: a sinistra, Madonna col Bambino e santi. A destra, sant'Ambrogio caccia gli ariani da Milano (1641)
Dipinti di Giovanni Baglione: a sinistra, Madonna col Bambino e santi. A destra, sant’Ambrogio caccia gli ariani da Milano (1641)


Giovanni Baglione, San Carlo Borromeo cura gli appestati (1641)
Giovanni Baglione, San Carlo Borromeo cura gli appestati (1641)


Dipinti di Giovanni Baglione: a sinistra, San Bonaventura. A destra, san Sebastiano curato dagli angeli (1624)
Dipinti di Giovanni Baglione: a sinistra, San Bonaventura. A destra, san Sebastiano curato dagli angeli (1624)


Giovanni Baglione, Sant'Antonio da Padova (1624)
Giovanni Baglione, Sant’Antonio da Padova (1624)

Nella navata sinistra, tra le due cappelle decorate da Giovanni Baglione, troviamo quella della Compagnia dei Giovani Pizzicaroli, i garzoni dei salumieri: l’altare è decorato con una tela di Corrado Giaquinto (Molfetta, 1703 - Napoli, 1766), del 1750, che ha per tema il Battesimo di Cristo, mentre le pareti laterali sono decorate con due tele del 1749 di Giuseppe Ranucci, che rappresentano la Predica e la Decollazione del Battista (la cappella è infatti dedicata a san Giovanni Battista). Prima di raggiungere il transetto possiamo tornare nella navata centrale e alzare lo sguardo verso il soffitto: la splendida volta reca un’opera del siciliano Giacinto Calandrucci (Palermo, 1646 - 1707), un’Assunzione di Maria del 1706 incorniciata da abbondanti stucchi dorati. Una leggenda narra che per la doratura sia stato impiegato oro giunto a Roma di ritorno dalla spedizione in America di Cristoforo Colombo: non esiste tuttavia alcuna evidenza storica al riguardo.

La volta con l'Assunzione di Maria di Giacinto Calandrucci (1706)
La volta con l’Assunzione di Maria di Giacinto Calandrucci (1706)


La navata sinistra di Santa Maria dell'Orto.
La navata sinistra di Santa Maria dell’Orto


A sinistra: Giuseppe Ranucci, Decollazione del Battista (1749). A destra: Corrado Giaquinto, Battesimo di Cristo (1750)
A sinistra: Giuseppe Ranucci, Decollazione del Battista (1749). A destra: Corrado Giaquinto, Battesimo di Cristo (1750)


Giuseppe Ranucci, Predica del Battista (1749)
Giuseppe Ranucci, Predica del Battista (1749)

Raggiunto il transetto, ci imbattiamo in due cappelle (a sinistra, quella dei molinari, dedicata a san Francesco, e a destra quella dei pollaroli, dedicata al santissimo Crocifisso) interamente decorate con affreschi di un interessante esponente del tardo manierismo a Roma, Niccolò Martinelli detto il Trometta (Pesaro, 1535 circa - Roma, 1611). Martinelli, che si formò nel solco della pittura zuccaresca, decorò le due cappelle rispettivamente con le storie di san Francesco e con le storie della Passione, eseguite tra il 1591 e il 1595. Si tratta, anche in questo caso, di pitture pacate e sobrie, che risentono dell’influsso del classicismo che costituiva il gusto predominante del tempo, declinato in questi cicli anche con un certo senso della monumentalità.

Niccolò Martinelli detto il Trometta, Storie della Passione (particolare, 1591-1595)
Niccolò Martinelli detto il Trometta, Storie della Passione (particolare, 1591-1595)


Niccolò Martinelli detto il Trometta, Storie di san Francesco (particolare, 1591-1595)
Niccolò Martinelli detto il Trometta, Storie di san Francesco (particolare, 1591-1595)


La cappella di San Francesco
La cappella di San Francesco

Ci si avvia dunque verso l’uscita. Tuttavia, prima di varcare la porta, che è sormontata da un grande organo ottocentesco donato dall’Università dei Molinari, ci siamo ricordati di un piccolo particolare che avevamo letto in una delle tante pagine web dedicate alla chiesa (infatti, fortunatamente, Santa Maria dell’Orto sta conoscendo una sorta di riscoperta da parte degli appassionati d’arte): il più bizzarro regalo donato alla chiesa dalle corporazioni non sarebbe una delle opere di cui abbiamo parlato finora. Sì, perché nel Seicento, l’Università dei Pollaroli avrebbe regalato alla confraternita un curioso tacchino di legno. Lo abbiamo cercato per tutta la chiesa, ma senza alcun risultato: considerate che abbiamo trascorso circa un’ora all’interno dell’edificio di culto. Incuriositi da questa insolita scultura, abbiamo chiesto a uno dei custodi: pare che il ligneo pennuto sia celato nei locali della sacrestia, e che si possa vedere solo con una visita prenotata su appuntamento. Il prossimo obiettivo da raggiungere, dunque, quando si tornerà nel magico e caratteristico quartiere di Trastevere, sarà quello di riuscire a vedere il leggendario tacchino gelosamente custodito in Santa Maria dell’Orto!

L'organo dell'Università dei Molinari
L’organo dell’Università dei Molinari


Finestre sull'arte
Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90€

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Gli autori di questo articolo: Federico Giannini e Ilaria Baratta

Gli articoli firmati Finestre sull'Arte sono scritti a quattro mani da Federico Giannini e Ilaria Baratta. Insieme abbiamo fondato Finestre sull'Arte nel 2009. Clicca qui per scoprire chi siamo


6 opere di Caravaggio da vedere in 3 chiese di Roma
6 opere di Caravaggio da vedere in 3 chiese di Roma
Il Cigoli e la sua Immacolata Concezione con la luna di Galileo nella basilica di Santa Maria Maggiore
Il Cigoli e la sua Immacolata Concezione con la luna di Galileo nella basilica di Santa Maria Maggiore
Genova, San Pietro in Banchi: una chiesa costruita sopra (e grazie) alle botteghe!
Genova, San Pietro in Banchi: una chiesa costruita sopra (e grazie) alle botteghe!


Commenta l'articolo che hai appena letto



Commenta come:      
Spunta questa casella se vuoi essere avvisato via mail di nuovi commenti



1. Maria Bonifazi Geramb in data 05/06/2016, 16:49:50

Grazie! In verità anche io non ci sono stata, ma è davvero molto interessante. Grazie ancora



2. tak in data 17/05/2017, 18:18:07

Se ti piace la pittura del Seicento e se ti sogni di notte Caravaggio, se vuoi vedere i dipinti del Baglione, o vai lì o se no, dove? Siete grandi come sempre. Grazie per quella cultura che in Italia stanno facendo sparire pian piano. Io lo so. Ero dei Beni Culturali. Grazie ancora. Claudio.



3. Valeria Macchia in data 10/09/2017, 08:39:35

Molto interessante ed esaustivo. Purtroppo la chiesa è quasi sempre chiusa. Però mi sembra che la domenica mattina si celebri la messa. Dopo la celebrazione eucaristica la chiesa si può visitare



Commenti dal post ufficiale su Facebook



Torna indietro



Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma