Il Carlo V di Tiziano e bottega degli Uffizi esposto per un anno a Teglio


Il grande Ritratto dell’imperatore Carlo V attribuito a Tiziano e bottega conservato a Palazzo Pitti sarà esposto per un anno nel Salone d’Onore di Palazzo Besta di Teglio, nell’ambito del progetto “100 opere tornano a casa”. 

Nell’ambito del progetto 100 opere tornano a casa, arriva oggi, 5 aprile, a Palazzo Besta di Teglio (Sondrio), il grande Ritratto dell’imperatore Carlo V attribuito a Tiziano e alla sua bottega, dove sarà posto a confronto con il ritratto dello stesso imperatore affrescato nel Salone d’Onore del Palazzo.

“Sarà un confronto stimolante”, ha dichiarato la direttrice regionale Musei Lombardia, Emanuela Daffra. “Il Carlo V affrescato in Palazzo Besta è un imperatore pacificatore, la sua effigie non è in arme ma coronata da un serto di alloro, lo sguardo rivolto al cielo, sereno nella sua piena funzione regale. È la veste con la quale si propose in Lombardia, dopo avere sconfitto Francesco I di Francia, che pure ci guarda dalle pareti del Salone. Il Carlo V dipinto da Tiziano e da suoi allievi è invece un uomo cupo, più avanti negli anni, in assetto da battaglia, integralmente protetto da una armatura. Le due facce del potere insomma. Questa presenza inoltre, ci imporrà di mettere maggiormente a fuoco l’iconografia di questo ciclo, ancora sfuggente, perfetto esempio della cultura di una zona di frontiera in una età turbolenta”.

“Le Gallerie degli Uffizi sono liete di partecipare con un’opera così piena di significati al progetto di diffusione di arte sul territorio promosso dal Ministro della Cultura”, ha affermato il direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt. "Il museo possiede uno straordinario patrimonio di opere dei maggiori artisti di area veneta. Questo dipinto, in particolare, fu inviato, come testimonia anche Giorgio Vasari, personalmente da Tiziano a Cosimo I de’ Medici intorno al 1553: restò esposto in Palazzo Vecchio fino alla fine del Seicento, quando il Gran Principe Ferdinando lo fece spostare di là d’Arno, volendolo per il suo quartiere personale nella reggia di Palazzo Pitti".

La direttrice del Museo di Palazzo Besta Giuseppina Di Gangi ha previsto che il ritratto fiorentino sia allestito nel Salone d’Onore. La mostra, che sarà aperta al pubblico dal 6 aprile 2022, è articolata in un percorso scandito da pannelli che illustrano la figura dell’imperatore e che ne consentono l’inquadramento anche con gli altri personaggi: Ariosto, l’Aretino, Erasmo da Rotterdam e gli stessi padroni di casa, Azzo II Besta e la moglie Agnese Quadrio. Il dipinto rimarrà qui esposto per un anno.

Immagine: Tiziano Vecellio e bottega, Ritratto di Carlo V a figura intera armato (1550 circa; olio su tela, 196 x 100,5 cm; Firenze, Galleria Palatina)

Il Carlo V di Tiziano e bottega degli Uffizi esposto per un anno a Teglio
Il Carlo V di Tiziano e bottega degli Uffizi esposto per un anno a Teglio


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Venezia, imprenditori acquistano busto del doge Giovanni II Corner e lo donano alla Regione
Venezia, imprenditori acquistano busto del doge Giovanni II Corner e lo donano alla Regione
Colpo del Metropolitan: acquistato un rarissimo tondo bronzeo rinascimentale di Cavalli
Colpo del Metropolitan: acquistato un rarissimo tondo bronzeo rinascimentale di Cavalli
Siena, importanti ritrovamenti al Santa Maria della Scala: affreschi e una scala del Trecento
Siena, importanti ritrovamenti al Santa Maria della Scala: affreschi e una scala del Trecento
Milano, il doccione con la sirena del Duomo esposto alla sede di A2A
Milano, il doccione con la sirena del Duomo esposto alla sede di A2A
Firenze, restaurato il prezioso Globo celeste del XVII secolo del Museo Galileo
Firenze, restaurato il prezioso Globo celeste del XVII secolo del Museo Galileo
Due dipinti attribuiti ad Artemisia Gentileschi risorgono dall'esplosione di Beirut del 2020
Due dipinti attribuiti ad Artemisia Gentileschi risorgono dall'esplosione di Beirut del 2020