Museo Nazionale di Rio, recuperati frammenti di uno dei più preziosi reperti, lo scheletro di Luzia


Dal Museo Nazionale di Rio devastato dall’incendio di settembre sono stati recuperati diversi frammenti dello scheletro di Luzia, uno dei pezzi più preziosi della raccolta.

Si temeva che fosse andato perso nell’incendio che ha distrutto il Museo Nazionale di Rio de Janeiro agli inizi di settembre, ma in realtà lo scheletro di Luzia, ovvero lo scheletro umano più antico di tutta l’America Latina, forse potrà essere ricomposto: se non in tutte le parti in cui era noto, almeno in gran parte. La buona notizia è arrivata nelle scorse ore dal Brasile: i tecnici al lavoro tra le macerie del museo hanno infatti ritrovato diversi frammenti di Luzia (si stima che almeno l’80% dello scheletro è già stato identificato), e tra questi anche il cranio dello straordinario fossile. Le speranze di chi pensava di ritrovarlo erano dunque ben riposte.

Luzia era considerata uno dei principali reperti della vastissima collezione del Museo Nazionale di Rio, che prima dell’incendio era costituita da venti milioni di pezzi. “Il cranio”, ha dichiarato fiducioso Alexander Kellner, direttore del museo, al quotidiano Globo, “è stato ritrovato in frammenti. Ma abbiamo già recuperato praticamente tutto il cranio, l’80% dei frammenti è già stato identificato e possiamo aumentare questo numero”.

Nell’immagine: il cranio di Luzia

Museo Nazionale di Rio, recuperati frammenti di uno dei più preziosi reperti, lo scheletro di Luzia
Museo Nazionale di Rio, recuperati frammenti di uno dei più preziosi reperti, lo scheletro di Luzia


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER