Il Whitney Museum si arricchisce di nuove testimonianze di Hopper


Donati al Whitney Museum di New York oltre 4000 testimonianze di Edward Hopper e della moglie.

Il Whitney Museum di New York si è arricchito di un’importante collezione proveniente dalla Sanborn Hopper Foundation.

Il museo, che già possedeva la più vasta collezione al mondo di opere realizzate da Edward Hopper, ha ricevuto in dono lettere, disegni, foto, taccuini e ricevute di galleristi per un totale di circa 4000 testimonianze appartenute a Hopper e alla moglie Josephine Nivison.

“Taccuini, foto, lettere, ricevute, gettano luce sulla vita quotidiana della coppia, le loro amicizie, gli aspetti finanziari della produzione da artista di lui e sulle sue riflessioni personali in materia di pittura” afferma Carol Troyen, responsabile per la pittura americana al Museum of Fine Arts di Boston.

Inoltre, in occasione del cinquantesimo anniversario della scomparsa dell’artista, saranno esposti, nella casa di Nyack dove Hopper è cresciuto, più di mille cimeli e disegni d’infanzia donati dalla Sanborn Hopper Foundation. 

Fonte: Ansa - Corriere della Sera

Immagine: Edward Hopper, Soir bleu (1914, olio su tela, 91,4 x 182,9 cm; New York, Whitney Museum)

Il Whitney Museum si arricchisce di nuove testimonianze di Hopper
Il Whitney Museum si arricchisce di nuove testimonianze di Hopper


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER