Aprono a Firenze le prime due sale del Museo della Lingua Italiana


Mercoledì 6 luglio saranno inaugurate a Firenze, nel complesso di Santa Maria Novella, le prime due sale del MUNDI Museo della Lingua Italiana. 

Mercoledì 6 luglio a Firenze sarà inaugurata, presso l’ex monastero della Santissima Concezione, all’interno del complesso di Santa Maria Novella, alla presenza del ministro della Cultura Dario Franceschini e del sindaco Dario Nardella, una prima sezione del MUNDI Museo della Lingua Italiana. Si partirà quindi con l’inaugurazione di due sale che intendono condurre i visitatori alla scoperta dell’origine e dell’evoluzione dell’italiano, partendo da alcune iscrizioni provenienti dal Museo Nazionale Romano, dal Parco Archeologico di Pompei e dal Museo delle Civiltà, passando dalle prime testimonianze in volgare, come il Placito capuano, all’opera di Dante che fissa la lingua del “sì” fino al manuale culinario di Pellegrino Artusi.

L’allestimento, che arriverà a coprire oltre 2.000 metri quadrati di esposizione, intende spiegare il rapporto dell’italiano di oggi con i dialetti e le minoranze linguistiche e la diffusione della lingua di Dante in tutto il mondo, veicolata dall’emigrazione e da un immaginario di simpatia che la lingua aggrega.

Finanziato dal Ministero della Cultura, il progetto, presentato nel dicembre 2020 come il più grande complesso culturale d’Europa, è promosso dall’Accademia della Crusca, dall’Accademia dei Lincei, dall’Istituto della Enciclopedia Italiana Treccani, dall’ASLI (Associazione per la Storia della Lingua Italiana) e dalla Società Dante Alighieri.

Il progetto costituisce uno snodo fondamentale all’interno di un percorso avviato da tempo: nel 2003 venne organizzata dalla Società Dante Alighieri la grande mostra Dove il sì suona, inaugurata agli Uffizi dal Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi e replicata ancora oggi in diversi paesi del mondo. Il MUNDI vuole sottolineare il rapporto con il latino, ma nello stesso tempo rimanda all’italiano come lingua del mondo, ricordando come il patrimonio linguistico italiano sia considerato un bene culturale di interesse internazionale.

Il Comitato scientifico è coordinato da Luca Serianni e composto da Giuseppe Antonelli, Francesco Bruni, Michele Cortelazzo, Paolo D’Achille, Nicoletta Maraschio, Marco Mancini e Lucilla Pizzoli. 

Ph.Credit 

Aprono a Firenze le prime due sale del Museo della Lingua Italiana
Aprono a Firenze le prime due sale del Museo della Lingua Italiana


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Ecco com'era Firenze nel Rinascimento: gli Uffizi acquistano una rarissima veduta della città del 1557
Ecco com'era Firenze nel Rinascimento: gli Uffizi acquistano una rarissima veduta della città del 1557
Cambia l'articolo 9 della Costituzione: alla tutela patrimonio aggiunta quella dell'ambiente
Cambia l'articolo 9 della Costituzione: alla tutela patrimonio aggiunta quella dell'ambiente
Padova, nuova illuminazione per l'Oratorio di San Giorgio
Padova, nuova illuminazione per l'Oratorio di San Giorgio
Virginia Raggi: “Musei e siti archeologici dovrebbero essere gratuiti”
Virginia Raggi: “Musei e siti archeologici dovrebbero essere gratuiti”
Parigi lancia il video di presentazione delle Olimpiadi 2024. Si parte dai musei!
Parigi lancia il video di presentazione delle Olimpiadi 2024. Si parte dai musei!
Ricercatori USA fanno ballare il David di Michelangelo al ritmo di dance per studiare la creazione di video fotorealistici
Ricercatori USA fanno ballare il David di Michelangelo al ritmo di dance per studiare la creazione di video fotorealistici