A Firenze nasce un nuovo spazio per l'arte moderna e contemporanea: apre la collezione Casamonti


A partire dal marzo 2018, Firenze avrà un nuovo luogo dedicato all’arte moderna e contemporanea. Al piano nobile di Palazzo Bartolini Salimbeni, situato in uno degli angoli più belli di Firenze, tra piazza Santa Trinita e via Tornabuoni, aprirà infatti al pubblico la Collezione Roberto Casamonti. Si tratta di una selezione delle opere che Roberto Casamonti, fondatore e direttore della galleria Tornabuoni Arte, con sedi a Firenze, Milano, Forte dei Marmi, Parigi, Londra e Crans Montana, ha raccolto durante la sua lunga attività nel mondo dell’arte e che costituisce il nucleo principale della sua raccolta. Si tratta di una delle collezioni d’arte moderna e contemporanea più importanti d’Italia e, commenta il curatore scientifico della collezione, Bruno Corà, “la scelta di offrire questa collezione a fiorentini e turisti esprime come un autentico gesto mecenatizio l’atto di riconoscenza di un cultore appassionato d’arte per la città che lo ha seguito nel corso della sua attività professionale e della sua stessa vita”.

Per gestire la raccolta è stata creata appositamente un’associazione culturale, che consentirà al pubblico di visitare gratuitamente la collezione (la cui direzione è stata affidata alla storica dell’arte Sonia Zampini): sarà sufficiente una prenotazione. La raccolta si divide in due sezioni fondamentali: la prima che include opere degli artisti di fine Ottocento e dei primi del Novecento, mentre la seconda ospita opere che vanno dal 1960 ai giorni nostri. Nella prima sezione si potranno ammirare opere di italiani come Giovanni Fattori, Giovanni Boldini, Giacomo Balla, Lorenzo Viani, Mario Sironi, Gino Severini, Giorgio Morandi, Giorgio De Chirico, Alberto Savinio, Luigi Prampolini, Felice Casorati, Osvaldo Licini, e di artisti internazionali come Pablo Picasso, Fernand Léger, Paul Klee, Marc Chagall, Max Ernst, Chaim Soutin, Vasilij Kandinskij e non solo. Per quanto riguarda il secondo nucleo, il pubblico avrà l’opportunità di vedere opere di Hans Hartung, Jean Fautrier, Marino Marini, Sebastian Matta, Wilfredo Lam, Piero Dorazio, Carla Accardi, Afro, Emilio Vedova, Giuseppe Capogrossi, Alberto Burri, Yves Klein, Lucio Fontana, Enrico Castellani, Piero Manzoni e molti altri.

“La nascita dell’Associazione”, commenta Roberto Casamonti, “sancisce il punto di arrivo di una lunga storia che attraversa e caratterizza la mia famiglia, raccontandosi ogni giorno per mezzo del linguaggio vivo dell’arte. Ho pensato di voler condividere con la città di Firenze, alla quale sono da sempre affettivamente legato, la mia collezione per poter fare in modo che i valori di cui l’arte è portatrice possano essere condizioni non esclusive ma pubblicamente condivise. Sono fortemente convinto del potenziale educativo dell’arte, in grado di strutturare ed educare il pensiero, l’animo e la consistenza del nostro vivere”.

Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito www.collezionecasamonti.com.

Nell’immagine: Giorgio De Chirico, Ettore e Andromaca (1950; olio su tela, 90 x 70 cm)

A Firenze nasce un nuovo spazio per l'arte moderna e contemporanea: apre la collezione Casamonti
A Firenze nasce un nuovo spazio per l'arte moderna e contemporanea: apre la collezione Casamonti

Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER







Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Toscana    

Strumenti utili