L'incuria e dello scarso rispetto per la cultura fanno vittime


L'incuria ha fatto una vittima. Quand'è che inizieremo ad avere più rispetto per la cultura e per noi stessi?

Prima o poi doveva succedere: l’incuria e lo scarso rispetto per la cultura hanno mietuto una vittima, e per di più una vittima giovane, Salvatore Giordano che, appena quattordicenne, è stato ucciso da un crollo di un pezzo di cornicione della Galleria Umberto I di Napoli. È di oggi la notizia dell’invio di 45 avvisi di garanzia per omicidio colposo e crollo. Tra i destinatari, si apprende dai quotidiani, funzionari dell’ufficio tecnico del Comune di Napoli e proprietari di locali che avevano sede nella zona della galleria dove è avvenuto il crollo.

Spiace vedere che in pochi, nel mondo della cultura, hanno parlato dell’accaduto: eppure si tratta di un accaduto che riguarda proprio la cultura. Perché c’è un bene culturale, la Galleria Umberto I di Napoli, risalente a fine Ottocento, che è stato in pratica abbandonato a se stesso. Già nei mesi scorsi si erano staccati calcinacci, e non era neppure la prima volta. Perché allora nessuno ha fatto niente? Perché non si è messa in sicurezza l’area? Sarebbe bastato transennarla a dovere, evitando che le persone transitassero sotto i punti a rischio: perché se quello di domenica scorsa non era il primo episodio, significa che si sapeva dei pericoli che la Galleria corre. Qualche transenna in più avrebbe probabilmente salvato la vita di un ragazzo di quattordici anni. Anche nel caso in cui non ci fossero stati i fondi per fare le dovute riparazioni, sarebbe bastato mettere l’area in sicurezza evitando il passaggio: non ci voleva tanto.

Ora, ovviamente, ci auguriamo che i colpevoli vengano individuati al più presto e che paghino il dovuto alla giustizia. Ma il punto, tuttavia, non è questo. L’episodio è sintomatico dello stato di incuria in cui versa gran parte del patrimonio culturale (e del patrimonio edilizio) del paese: non solo di Napoli, perché certe situazioni sono diffusissime. Per non andare troppo lontano da dove abitiamo noi di Finestre sull’Arte, basterebbe vedere lo stato in cui è ridotto il Politeama di Carrara, che si trova nel cuore della città: chiuso da anni con l’area attorno transennata, perché anni di abusi edilizi perpetrati al suo interno lo hanno portato al rischio di crollo (e già diversi crolli al suo interno si sono verificati). E chissà quante situazioni simili a quelle di Napoli e di Carrara ci sono in giro per l’Italia.

È proprio da episodi come questi che si evince un concetto: l’Italia non ha bisogno delle cosiddette grandi opere perché la grande opera più urgente al momento in Italia è la messa in sicurezza del territorio. È un’utopia? Bene: e allora è forse meglio assistere ai crolli che si susseguono giorno dopo giorno?


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Gli autori di questo articolo: Federico Giannini e Ilaria Baratta

Gli articoli firmati Finestre sull'Arte sono scritti a quattro mani da Federico Giannini e Ilaria Baratta. Insieme abbiamo fondato Finestre sull'Arte nel 2009. Clicca qui per scoprire chi siamo


Vince Matteo Renzi, perde la cultura
Vince Matteo Renzi, perde la cultura
Gentile professor Montanari, il vero problema di Eataly non è la banalizzazione del Rinascimento
Gentile professor Montanari, il vero problema di Eataly non è la banalizzazione del Rinascimento
Un giro in piazza Verdi alla Spezia per capire il senso dell'arte a scuola
Un giro in piazza Verdi alla Spezia per capire il senso dell'arte a scuola
Finestre sull'Arte e Mo(n)stre insieme per Palazzo Del Medico a Carrara
Finestre sull'Arte e Mo(n)stre insieme per Palazzo Del Medico a Carrara
La riforma del MiBACT: tutt'altro che rivoluzionaria. Poche idee buone, tanti dubbi
La riforma del MiBACT: tutt'altro che rivoluzionaria. Poche idee buone, tanti dubbi
Una vittima dell’incapacità politica: la città di Penne in Abruzzo e i suoi beni culturali
Una vittima dell’incapacità politica: la città di Penne in Abruzzo e i suoi beni culturali


Commenta l'articolo che hai appena letto



Commenta come:      
Spunta questa casella se vuoi essere avvisato via mail di nuovi commenti





Torna indietro