Bologna, si chiude l'anno del decennale di CUBO. In mostra opere di Klimt, Sironi, Basilé e tanti altri


Crossing. Da Klimt a Basilé, da Sironi a Bauermeister è la mostra che chiude l’anno del decennale di CUBO, Museo d’Impresa del Gruppo Unipol. In esposizione una selezione del suo patrimonio artistico insieme ad alcune recenti acquisizioni. 

Dal 12 ottobre 2023 al 18 gennaio 2024, nelle due sedi bolognesi di Torre Unipol e di Porta Europa, si terrà la mostra che conclude gli appuntamenti per i dieci anni di attività di CUBO, il Museo d’Impresa del Gruppo Unipol.

Crossing. Da Klimt a Basilé, da Sironi a Bauermeister, questo il titolo dell’esposizione a cura di Ilaria Bignotti, presenterà una selezione del suo patrimonio artistico insieme ad alcune recenti acquisizioni. Saranno riuniti ventidue lavori di artisti moderni e contemporanei, tra cui Klimt, Basilé, Sironi, Bauermeister, con l’obiettivo di rileggere il patrimonio del Museo in maniera non storicistica, evidenziando i valori che le opere condividono con la sua identità, la sua mission e i suoi messaggi fondamentali. L’itinerario di visita si concentrerà sul contenuto delle opere, articolandosi per nuclei di senso, superando confini di genere e focalizzandosi principalmente sui temi trattati. Il percorso espositivo, organizzato per temi, prende il via dalla Torre Unipol. Qui si troveranno tre sezioni: Sperimentazione (con le opere di Mary Bauermeister, Francesca Pasquali, Scuola Napoletana, Alessandro Lupi), Empatia (Gaetano Previati e Luigi Conconi, Silvia Margaria, Angelo Marinell, Filippo De Pisis, Quayola), Confronti (Mario Sironi, Giovan Battista Langetti).

In Porta Europa, il percorso si dividerà in quattro sezioni: Protezione (Anna Di Prospero, Tommaso Fiscaletti), Condivisione (Jacop Ferdinand Voet, Vania Comoretti, Matilde Piazzi), Mutamento (Giacomo Costa, Ettore Frani), Visione (Gustav Klimt, Matteo Basilé, Tania Brassesco e Lazlo Passi Norberto, Ignazio Stern).

Tematiche e dialoghi in mostra ben esemplificati dall’opera Positions di Mary Bauermeister del 2015, formata da una miriade di sassi dipinti a creare un mandala di pietra dove ogni elemento assume la sua posizione, il suo senso nell’insieme organico che viene posta in dialogo con un’iconica Straws di Francesca Pasquali, realizzata nel 2020 e composta da centinaia di cannucce colorate, disposte in una maglia plastico-cinetica, così come solo il legno, tecnicamente parlando, associa il Cristo deposto di un autore sconosciuto del XVIII secolo e il Centaurus di Alessandro Lupi, due sculture dalla grammatica completamente opposta. Connessioni che proseguono, superando stili e medium, associando dipinti del XVII secolo (Ritratto Femminile di Jacob Ferdinand Voet) con scatti fotografici del 2013 (Ritratto di Louise di Matilde Piazzi) attorno al tema del ritratto e dell’individualità; le fotografie contemporanee di Marinelli e Margaria con l’olio su tela del 1887 firmato Gaetano Previati e Luigi Conconi sul tema della natura, lo stesso su cui Paesaggio di Filippo de Pisis dialoga con PP 3D-Scan T011.A12 di Quayola, diverse ma analoghe rappresentazioni dell’albero e della sua forza generativa. Allo stesso modo il mistero della Visione è lo stesso sia nella notte di Matteo Basilè (Landing Francesca (dittico)) che nella Figura di donna seduta di Klimt, quanto nel quadro religioso di Ignazio Stern e nella stampa fotografica di Tania Brassesco & Lazio Passi Norberto (Fairy Book).Di rimandi diretti e laterali si compongono anche i Confronti tra Giovanni Battista Langetti e Mario Sironi (Figure).

“Dieci anni di CUBO è un modo per tirare le fila di un percorso, è un modo per lanciare nuove sfide”, ha affermato la curatrice. “È un modo per disegnare una mappa, o meglio un atlante, di forme che sono approdate e anche salpate dai porti operosi del Museo; è un momento per porre ben saldi, sulla carta e negli spazi espositivi, le pietre miliari e i crocevia dei linguaggi artistici che CUBO ha accolto e contaminato con amorevole cura e protezione”.

Ingresso libero.

Immagine: Anna Di Prospero, Autoritratto con mia sorella (2018; stampa fotografica, 67 x 100 cm). Credit Anna Di Prospero

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraCrossing. Da Klimt a Basilé, da Sironi a Bauermeister
CittàBologna
SedeCUBO
DateDal 12/10/2023 al 18/01/2024
ArtistiGaetano Previati, Mario Sironi, Gustav Klimt, Luigi Conconi, Anna di Prospero, Mary Bauermeister
CuratoriIlaria Bignotti
TemiNovecento, Ottocento, Arte contemporanea

Bologna, si chiude l'anno del decennale di CUBO. In mostra opere di Klimt, Sironi, Basilé e tanti altri
Bologna, si chiude l'anno del decennale di CUBO. In mostra opere di Klimt, Sironi, Basilé e tanti altri


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Il tempo nell'arte barocca è in mostra a Roma, a Palazzo Barberini
Il tempo nell'arte barocca è in mostra a Roma, a Palazzo Barberini
Alla Fondazione Banco di Napoli in mostra gli abiti-scultura di Roberto Capucci
Alla Fondazione Banco di Napoli in mostra gli abiti-scultura di Roberto Capucci
Viareggio dedica una mostra a Jean Michel Folon, l'artista belga affascinato dal tema del viaggio
Viareggio dedica una mostra a Jean Michel Folon, l'artista belga affascinato dal tema del viaggio
Roma, da Gagosian apre una mostra su Richard Artschwager, protagonista del '900
Roma, da Gagosian apre una mostra su Richard Artschwager, protagonista del '900
Al Castello Estense di Ferrara riunite per la prima volta le 700 copertine originali di Linus
Al Castello Estense di Ferrara riunite per la prima volta le 700 copertine originali di Linus
Nel 2022 una mostra su Surrealismo e magia alla Collezione Peggy Guggenheim
Nel 2022 una mostra su Surrealismo e magia alla Collezione Peggy Guggenheim



MAGAZINE
primo numero
NUMERO 1

SFOGLIA ONLINE

MAR-APR-MAG 2019
secondo numero
NUMERO 2

SFOGLIA ONLINE

GIU-LUG-AGO 2019
terzo numero
NUMERO 3

SFOGLIA ONLINE

SET-OTT-NOV 2019
quarto numero
NUMERO 4

SFOGLIA ONLINE

DIC-GEN-FEB 2019/2020