Una mostra epistolare tra fotografia, teatro e scrittura


 Il nuovo progetto della Other Size Gallery di Milano è una mostra “per corrispondenza” tra fotografia, scrittura e teatro.

Dal 21 dicembre 2020 all’1 febbraio 2021 la Other Size Gallery by Workness di Milano propone il suo nuovo progetto “per corrispondenza”, in cui la fotografia si intreccia alla scrittura e al teatro.

Ezio Ferreri. Le stanze, questo il titolo dell’iniziativa, a cura di Giusi Affronti e con la direzione artistica di Eleonora Caracciolo, intende raccontare la fotografia attraverso la parola, scritta e interpretata.

Sono coinvolti sette autori di spicco del panorama italiano (Marco Balzano, Gioacchino Lonobile, Tommaso Melilli, Laura Pugno, Nadia Terranova, Michele Turazzi e Gianni Valentino) e sette attori (Daniela Airoldi Bianchi, Elisa Canfora, Valeria Sara Costantin, Sacha Oliviero, Marco Pezza, Dario Villa e il direttore artistico del Teatro Officina Massimo de Vita).

Sette scatti del fotografo Ezio Ferreri sono stati consegnati alla penna e alla fantasia degli autori e saranno ispirazione per sette racconti epistolari. Con il coordinamento di Enzo Biscardi, i testi prodotti sono stati poi affidati all’interpretazione degli attori e registrati in micro podcast. Ogni fotografia, insieme alla lettera d’autore e al podcast, sarà diffusa attraverso una newsletter con cadenza settimanale per sette settimane. Per riceverla è possibile scrivere a othersizegallery@workness.it. Il pubblico è invitato a rispondere ai racconti epistolari ricevuti con una propria lettera da inviare via mail o in formato cartaceo alla galleria, in Via Andrea Maffei 1, 20135, Milano.

Un progetto che intende essere allo stesso tempo monografico e plurale, attraverso differenti strumenti e linguaggi (fotografico, letterario e teatrale) e che offre al pubblico un’esperienza alternativa alla mostra tradizionale.

La serie inedita di Ezio Ferreri Le Stanze si compone di immagini d’interni di appartamenti un tempo vissuti e animati, oggi invece disabitati, dove rimangono le tracce, a volte visibili, altre evanescenti, di chi vi ha trascorso la propria esistenza.

La casa è al centro del lavoro di Ferreri così come lo è stata per tutti noi nel corso di quest’anno a causa delle misure di contenimento: tra le mura domestiche, lavoriamo, coltiviamo relazioni, trascorriamo il tempo libero. Gli arredi, gli oggetti e le suppellettili scandiscono la nostra quotidianità.

“Ognuna delle sette fotografie conserva una storia come tante” spiega la curatrice “che si fa indagine universale. Prima attrice, la casa, è protagonista in carne, ossa e sagome di vecchie cornici sbiadite sui muri; è spazio nostalgico, spoglie vivide, però spiate come un corpo su un tavolo operatorio; è forma e misura di tutte le cose, dove tutto è memoria”.

L’iniziativa diventa “terreno di incontro tra diverse arti in un momento storico in cui la cultura sembra essere messa al bando”. 

Ph.Credit Ezio Ferreri

 

 

Una mostra epistolare tra fotografia, teatro e scrittura
Una mostra epistolare tra fotografia, teatro e scrittura


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma