La luce del Barocco in mostra ad Ariccia: una rassegna con dipinti da collezioni romane


Fino al 10 gennaio, il Palazzo Chigi di Ariccia ospita una mostra sulla luce nell’arte barocca, con dipinti da collezioni pubbliche e private, alcuni dei quali inediti.

A Palazzo Chigi in Ariccia è in corso, fino al 10 gennaio 2021, la mostra Luce del Barocco. Dipinti da collezioni romane.

Realizzata dal Centro Europeo per il Turismo e la Cultura di Roma e in collaborazione con il Palazzo Chigi in Ariccia e lo stesso Comune di Ariccia, la mostra si concentra sul tema della luce in questo particolare momento che stiamo vivendo, vuole esprimere speranza e rinascita, dopo mesi di clausura e segregazione forzata. La luce ha da sempre un valore simbolico connesso alla nascita, al risveglio dopo la notte, alla resurrezione della natura dopo l’inverno e per il cattolicesimo ad un messaggio di speranza di vita eterna suscitato dalla sequela del messaggio di Cristo. Il Barocco quindi è stato ritenuto dagòo prgamozzatpro lo stile più adatto per veicolare un messaggio ottimistico di riscatto umano e sociale dopo la Pandemia.

Viene presentata in mostra una selezione di importanti dipinti di grandi artisti provenienti da collezioni private romane, in gran parte inediti o mai esposti al pubblico. La mostra inoltre vuole incentivare e promuovere il collezionismo, come agente culturale del rinnovamento della ricerca, motore economico del settore e tramite di arricchimento di collezioni pubbliche, ove spesso le raccolte private confluiscono per lasciti e donazioni.

Vengono esposte opere di Bernini e della sua cerchia, assieme a dipinti di Giovanni Baglione, Mattia Preti, Agostino Tassi, Gaspar Dughet, Sebastiano Conca, Pierre Subleyras e altri maestri del Seicento e Settecento, offrendo una larga panoramica sulla pittura romana per quasi due secoli.

La mostra è articolata in vari generi pittorici, tra ritratti, pittura di figura a soggetto sacro e profano, paesaggi, vedute e nature morte. Motivo conduttore: la Luce come motivo espressivo, formale e simbolico.

L’evento, attraverso pannelli didattici e il catalogo, offrirà anche una panoramica dell’azione dell’Acea nella valorizzazione del nostro patrimonio culturale. Infatti nel percorso espositivo saranno anche esposte immagini fotografiche dei più importanti siti storico-artistico, opere e monumenti archeologici di Roma collegati al tema della Mostra e che sono illuminati dalla Società.

Palazzo Chigi in Ariccia, ideato da Bernini per la famiglia del papa Alessandro VII, è stato ritenuto il luogo più adatto per ospitare tale mostra, essendo sede del Museo del Barocco romano e una della dimore barocche più importanti d’Italia.

Ariccia stessa, trasformata da Bernini in città ideale barocca, conserva molte opere legate a questo stile. La Chiesa Collegiata dell’Assunta, capolavoro della maturità del Bernini, ove Luce fisica e Luce divina formano un’unità in chiave simbolica, è una concreta espressione del valore salvifico della Grazia.

Per tutte le informazioni potete telefonare al numero +39 06 9990053, mandare una mail a info@palazzochigiariccia.it oppure visitare il sito ufficiale di Palazzo Chigi di Ariccia.

Nell’immagine: Giovanni Battista Benaschi, Morte di san Giuseppe (Inghilterra, Collezione privata)

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraLuce del Barocco. Dipinti da collezioni romane
CittàAriccia
SedePalazzo Chigi in Ariccia
DateDal 02/10/2020 al 10/01/2021
ArtistiGian Lorenzo Bernini, Giovanni Baglione, Mattia Preti, Agostino Tassi, Gaspar Dughet, Sebastiano Conca, Pierre Subleyras
TemiBarocco, Gian Lorenzo Bernini, Ariccia, Palazzo Chigi in Ariccia

La luce del Barocco in mostra ad Ariccia: una rassegna con dipinti da collezioni romane
La luce del Barocco in mostra ad Ariccia: una rassegna con dipinti da collezioni romane


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Come nasce un'opera in marmo? A Carrara una mostra sui “work in progress” dei laboratori artigianali
Come nasce un'opera in marmo? A Carrara una mostra sui “work in progress” dei laboratori artigianali
Per la prima volta in Italia, a Milano, gli scatti di Juno Calypso
Per la prima volta in Italia, a Milano, gli scatti di Juno Calypso
Le 15 mostre da non perdere nel 2020
Le 15 mostre da non perdere nel 2020
Anteprima: Tabula Picta alla Salamon Gallery di Milano
Anteprima: Tabula Picta alla Salamon Gallery di Milano
L'Autoritratto di Rembrandt torna alla Galleria Corsini per la prima volta dopo il 1799
L'Autoritratto di Rembrandt torna alla Galleria Corsini per la prima volta dopo il 1799
Roma, alla GNAM dopo “Time is out of joint” arriva... “Joint is out of time”
Roma, alla GNAM dopo “Time is out of joint” arriva... “Joint is out of time”