Da Palladio al Veronese, il grande Rinascimento di Vicenza in mostra alla Basilica


Da Palladio al Veronese, da Bassano ad Alessandro Vittoria: l’irripetibile Cinquecento vicentino è in mostra con “La Fabbrica del Rinascimento” alla Basilica Palladiana di Vicenza.

È in programma dall’11 dicembre 2021 al 18 aprile 2022, alla Basilica Palladiana di Vicenza, la mostra La Fabbrica del Rinascimento. Processi creativi, mercato e produzione a Vicenza, a cura di Guido Beltramini (direttore del Centro Internazionale di Studi di Architettura Andrea Palladio), Davide Gasparotto (Senior Curator of Paintings del J. Paul Getty Museum di Los Angeles) e Mattia Vinco (ricercatore di Storia dell’arte moderna all’Università di Trento): si tratta di una mostra che ricostruisce le importanti vicende del Rinascimento vicentino, e in particolare trent’anni dell’eccezionale vita artistica di Vicenza, dal 1550 all’inaugurazione del Teatro Olimpico nel 1585, grazie al genio dell’architetto Andrea Palladio, ai pittori Paolo Veronese e Jacopo Bassano e al grande scultore Alessandro Vittoria. Per l’occasione tornano peraltro in città, dopo secoli, alcuni dei grandi capolavori di pittura, scultura e architettura del tempo, esposti lungo il percorso accanto a libri, arazzi, tessuti e oggetti preziosi. La mostra, inoltre, riflette per la prima volta sulle modalità di creazione, sui metodi e sul valore delle tre arti, intrecciando tra esse un dialogo serrato e rintracciando analogie e differenze compositive: l’obiettivo è quello di condurre il visitatore all’interno della fucina di creatività (la “fabbrica”, appunto) del Rinascimento.

Alla metà del Cinquecento Vicenza era fra le aree più dinamiche in Europa per la produzione e il commercio della seta, e conosceva una sorprendente trasformazione, diventando una capitale della cultura grazie al progetto della cosmopolita nobiltà cittadina, che investe e scommette sulla visione di un gruppo di giovani artisti: Palladio, Veronese, Vittoria e Bassano. A legarli è la passione per l’arte nuova nutrita dall’Antico, nata nella Roma di Michelangelo e Raffaello, quella che Vasari definirà la “maniera moderna”, la cui forza permetterà loro di scardinare i modelli tradizionali dominanti a Venezia, insieme alle suggestioni offerte da artisti quali Giulio Romano e Parmigianino.

La rassegna, che riunisce molti dei loro capolavori, oggi conservati nei più noti e importanti musei del mondo, ha lo scopo di indagare, anzitutto, i meccanismi di creazione e produzione che li hanno generati, ponendoli all’interno del loro contesto originario e in relazione alla loro committenza. Non mancheranno confronti tra i processi creativi propri a scultura, pittura e architettura con l’individuazione di rilevanti analogie, ad esempio, nel metodo di lavoro di Veronese e Palladio. Molte delle opere saranno, inoltre, accostate, spesso per la prima volta, ai loro modelli d’ispirazione, ai disegni e bozzetti che le hanno “prefigurate”, alle riproduzioni dello stesso soggetto realizzate dall’artista. Sarà possibile entrare nella bottega degli artisti e ammirare il quadro circondati dalle statue, dai gessi e dai disegni rappresentati nel dipinto stesso: è il caso dello splendido Ritratto di artista in bottega di Palma il Giovane, in prestito dalle collezioni Birmingham Museums Trust. In questa prospettiva s’inseriscono i due ritratti di Veronese di Livia Thiene e del marito Iseppo Porto accanto ai propri figli. Grazie alla disponibilità delle Gallerie degli Uffizi di Firenze e del Walters Art Museum di Baltimora, per la prima volta dopo cinquecento anni i due coniugi Porto sono riuniti, tornando “a casa” nella propria città, a poche centinaia di metri dal palazzo costruito per loro da Andrea Palladio. Accanto ad essi verrà esposto anche il disegno di Palladio per il palazzo, oggi conservato al Royal Institute of British Architects di Londra.

Ci saranno poi, per esempio, anche i due dipinti “gemelli” con l’Adorazione dei Magi di Jacopo Bassano, provenienti dalle collezioni Birmingham Museums Trust e dal Kunsthistorisches Museum di Vienna, che verranno per la prima volta posti l’uno di fianco all’altro. E poi, grazie alla collaborazione con un team di specialisti di storia economica, sarà possibile soffermarsi anche su un aspetto generalmente meno noto, legato al valore pecuniario di questi capolavori. Nel Cinquecento, infatti, la nascita del collezionismo e del mercato dell’arte modifica profondamente le modalità produttive delle botteghe. Una ricerca svolta per l’occasione permetterà di conoscere i prezzi delle opere esposte, paragonandoli agli oggetti della vita quotidiana di allora, con risposte che perlopiù contraddicono la nostra sensibilità attuale: uno dei dipinti più belli ed originali della pittura del Cinquecento, i Due cani da caccia di Jacopo Bassano, in arrivo dal Louvre di Parigi, ad esempio, valeva la metà di un paio di guanti “da signore” e mille volte meno dei cristalli incisi di Valerio Belli, in prestito dai Musei Vaticani.

La mostra è promossa dal Comune di Vicenza in collaborazione con il Centro Internazionale di Studi di Architettura Andrea Palladio e la Fondazione Teatro Comunale Città di Vicenza ed è organizzata da Marsilio Arte. Ai curatori Beltramini, Gasparotto e Vinco si affianca il comitato scientifico, composto da Linda Borean (Università di Udine), Howard Burns (professore emerito Scuola Normale Superiore, Pisa), Francesca Del Torre (Kunsthistorisches Museum, Vienna), Edoardo Demo (Università di Verona), Barbara Furlotti (Courtauld Institute, Londra), Germano Maifreda (Università di Milano), Xavier Salomon (The Frick Collection, New York). La rassegna è parte di un più ampio progetto culturale di valorizzazione della città di Vicenza, candidata a Capitale italiana della Cultura nel 2024, e di rilancio della Basilica Palladiana, destinata a ospitare esposizioni di rilevanza internazionale. Accompagna la mostra il catalogo edito da Marsilio.

Nell foto: Jacopo Bassano, Adorazione dei Magi (1555; olio su tela; Vienna, KunsthistorischesMuseum). Foto KHM-Museumsverband

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraLa Fabbrica del Rinascimento
CittàVicenza
SedeBasilica palladiana
DateDal 11/12/2021 al 18/04/2022
ArtistiAndrea Palladio, Paolo Veronese, Alessandro Vittoria, Jacopo Bassano, Palma il Giovane
CuratoriGuido Beltramini, Davide Gasparotto, Mattia Vinco
TemiRinascimento, Cinquecento, Vicenza

Da Palladio al Veronese, il grande Rinascimento di Vicenza in mostra alla Basilica
Da Palladio al Veronese, il grande Rinascimento di Vicenza in mostra alla Basilica


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER