Natale e Capodanno 2017-2018 per mostre e musei: ecco chi rimane aperto


Un elenco di mostre e musei aperti per le festività natalizie, a Natale e Capodanno 2017-2018: ecco chi rimane aperto nelle principali città italiane.

Sono diversi i musei e le mostre che terranno le porte aperte al pubblico durante le festività natalizie. Ecco alcune proposte per una vacanza all’insegna dell’arte.

A Roma i Musei Vaticani chiudono il 25, il 26 dicembre, il 1° e il 6 gennaio, mentre il 24 e il 31 rimangono aperti fino alle 15:30. Chiusi anche i musei statali e i musei civici, mentre sono invece tutti aperti il 31 dicembre. Chi è in città ma vuole comunque passare una giornata all’insegna dell’arte può recarsi alle Scuderie del Quirinale (mostra su Picasso), con aperture il 25 dicembre (dalle 16 alle 20) e il 1° gennaio (dalle 16 alle 20), oppure al Palazzo delle Esposizioni (aperto il 25 dicembre e il 1° gennaio, sempre dalle 16 alle 20). Aperto anche il Vittoriano (sia il 25 che il 1° dalle 15:30 alle 20:30) dove si può visitare la mostra su Monet e quella sui 100 anni di fotografia della Leica. Apertura anche per il Chiostro del Bramante con la mostra Enjoy, a Natale dalle 16 alle 21 e a Capodanno dalle 10 alle 21. Anche le mostre del Guido Reni District sono aperte sia a Natale (dalle 15 alle 18) che a Capodanno (dalle 10 alle 18).

A Milano è aperto Palazzo Reale con le sue mostre, da Dentro Caravaggio (qui la nostra recensione) alla monografica su Toulouse-Lautrec, e porte aperte anche a Palazzo Marino con la sua tradizionale “ostensione” natalizia. Aperti diversi musei civici come il Pac (Padiglione di Arte Contemporanea), il Museo del Novecento, il Mudec. Aperto anche il Museo della Permanente dove è in corso la mostra su Utagawa Kuniyoshi.

A Firenze tutti i musei statali e i musei civici rimarranno chiusi (peraltro quest’anno il Natale e il Capodanno cadono di lunedì, giorno di abituale chiusura al pubblico). Gli amanti dell’arte possono però rifarsi con la mostra sul Cinquecento fiorentino a Palazzo Strozzi (qui la nostra recensione), che è aperta, e porte aperte anche a Palazzo Medici Riccardi nonché allo spettacolo multimediale multimediale Monet Experience, visitabile dalle 10 del mattino fino alle 19.30, con ultimo ingresso in biglietteria alle 18.30 per tutte le festività, alla vigilia di Natale, il 31 Dicembre, Capodanno e Epifania (il giorno di Natale, invece, l’orario d’ingresso è posticipato alle ore 14, così come anche l’orario di chiusura è stato fissato per le 20.15, con ultimo ingresso alla biglietteria in 19). Aperture regolari invece per la vigilia di Capodanno e per Santo Stefano, anche se con orari modificati. Il 1° gennaio rimangono chiusi tutti i musei statali, mentre sono aperti alcuni dei musei civici (Palazzo Vecchio dalle 10 alle 17, Museo del Novecento dalle 14 alle 18, Cenacolo di Ognissanti e Cenacolo di San Salvi dalle 11 alle 17, Museo Archeologico Nazionale dalle 11:30 alle 16:30). Se siete a Firenze il 6 gennaio inoltre non perdete il tradizionale Corteo dei Magi (quel giorno i musei saranno aperti).

Chi ha in programma una vacanza a Venezia può recarsi nei musei civici che osserveranno giornate di apertura straordinaria, ovvero a Palazzo Ducale, al Museo Correr, a Ca’ Pesaro, al Museo del Vetro, al Museo del Settecento Veneziano di Ca’ Rezzonico, al Centro Culturale Candiani di Mestre: tutti aperti sia il 25 dicembre sia il 1° gennaio.

Per chi si reca invece a Torino, la scelta verte sul Museo Nazionale del Cinema o sulla Pinacoteca Albertina, aperti il 25 dicembre. Aprono invece soltanto il 1° gennaio il Museo Egizio, la Galleria d’Arte Moderna, il Museo del Risorgimento. La Reggia di Venaria Reale chiude a Natale ma è aperta per Capodanno, con apertura dalle 11 alle 17. Apertura invece sia a Natale che a Capodanno per la mostra su Miró a Palazzo Chiablese.

A Genova il 25 dicembre rimane aperto solo il Galata Museo del Mare (dalle 10 alle 19:30), mentre il 1° gennaio tutti i musei civici e statali saranno chiusi. È però possibile visitare la mostra su Domenico Piola a Palazzo Nicolosio Lomellino (chiusa il 25 ma aperta a Capodanno, dalle 15 alle 18: qui la nostra recensione). A Capodanno aperture straordinarie anche per i Palazzi dei Rolli (informazioni sul sito ufficiale comunale Visit Genoa).

Anche a Napoli sono molti i musei che aprono i battenti durante le festività. Il Maschio Angioino con la mostra su Ligabue apre il 25 dicembre con orario 10-14, il Palazzo delle Arti apre il 25 dalle 9:30 alle 14:30 e il 1° gennaio dalle 9:30 alle 19:30. Apertura anche per Castel dell’Ovo (orario 9-14 durante i giorni festivi) e per il Complesso Monumentale di San Domenico Maggiore (9:30-13:30 e 15:30-20:30). Chiuso invece sia a Natale sia a Capodanno il Museo Nazionale di Capodimonte. La Reggia di Venaria Reale chiude a Natale ma è aperta per Capodanno, con apertura dalle 11 alle 17.

A Palermo si segnala l’apertura della Galleria d’Arte Moderna, che apre le porte sia il 25 dicembre che il 1° gennaio.

Infine, tra gli eventi in giro per l’Italia si segnalano le aperture per la mostra sulla Via Emilia a Reggio Emilia (Palazzo dei Musei, orari ridotti), “Mutina splendidissima” a Modena (al Foro Boario, con orario 16-20), la mostra su Carlo Bononi al Palazzo dei Diamanti di Ferrara (con apertura straordinaria fino alle 23:30 il 31 dicembre, qui la nostra recensione), la mostra su Ambrogio Lorenzetti a Siena (Santa Maria della Scala), durante le festività aperta tutti i giorni tranne che a Natale (qui la nostra recensione).

Natale e Capodanno 2017-2018 per mostre e musei: ecco chi rimane aperto
Natale e Capodanno 2017-2018 per mostre e musei: ecco chi rimane aperto


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER