Firenze dedica una mostra alle tre Pietà di Michelangelo


Il Museo dell’Opera del Duomo di Firenze riunisce in mostra l’originale della Pietà Bandini e i calchi della Pietà Vaticana e della Pietà Rondanini dai Musei Vaticani, capolavori di Michelangelo Buonarroti.

Il Museo dell’Opera del Duomo di Firenze ospiterà, in occasione dell’incontro Mediterraneo frontiera di pace 2022, che vedrà riunirsi i vescovi e i sindaci del Mediterraneo nel capoluogo toscano e in cui interverrà anche Papa Francesco, la mostra Le tre Pietà di Michelangelo. Non vi si pensa quanto sangue costa, visitabile dal 24 febbraio all’1 agosto 2022.

L’esposizione intende mettere a confronto, nella sala della Tribuna di Michelangelo, l’originale della Pietà Bandini, recentemente restaurato, e i calchi della Pietà Vaticana e della Pietà Rondanini provenienti dai Musei Vaticani.

Curata dai direttori dei musei Barbara Jatta, Sergio Risaliti, Claudio Salsi, Timothy Verdon, la mostra coinvolge i Musei Vaticani, il Museo dell’Opera del Duomo, il Museo Novecento di Firenze, il Castello Sforzesco di Milano, l’Opera di Santa Maria del Fiore, il Comune di Firenze, il Comune di Milano e la Fabbrica di San Pietro.

Poste una accanto all’altra, le tre Pietà daranno al pubblico l’occasione di comprendere l’evoluzione dell’arte di Michelangelo nonché la sua maturazione spirituale, dalla prima giovinezza alla sua ultima stagione, quando ormai vecchio realizzò la Pietà oggi a Firenze e poi la Pietà Rondanini conservata a Milano.

Il percorso espositivo comprende oltre cinquant’anni della sua produzione, a partire dall’ambizione del giovane che scolpì il proprio nome sul petto della Madonna della versione vaticana fino all’immedesimazione personale dell’anziano artista, che in quella del Museo dell’Opera raffigura se stesso nelle sembianze di Nicodemo. Prossimo alla morte, Michelangelo meditava profondamente sulla Passione di Cristo, come fece capire in un disegno della Pietà donato alla marchesa di Pescara Vittoria Colonna, in cui scrisse la frase dantesca “Non vi si pensa quanto sangue costa” (Paradiso XXIX, 91). Da questa meditazione spirituale ne risultò la Pietà Rondanini.

Nel prossimo autunno poi i tre calchi in gesso delle Pietà originali saranno esposti a Milano nella Sala delle Cariatidi di Palazzo Reale in un nuovo allestimento appositamente progettato.

Immagine: Michelangelo Buonarroti, Pietà Vaticana (1498-1499) © Foto Mallio Falcioni, Fabbrica di San Pietro in Vaticano

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraLe tre Pietà di Michelangelo. Non vi si pensa quanto sangue costa
CittàFirenze
SedeMuseo dell’Opera del Duomo
DateDal 24/02/2022 al 01/08/2022
ArtistiMichelangelo Buonarroti
CuratoriSergio Risaliti, Claudio Salsi, Barbara Jatta, Timothy Verdon
TemiFirenze, Michelangelo Buonarroti

Firenze dedica una mostra alle tre Pietà di Michelangelo
Firenze dedica una mostra alle tre Pietà di Michelangelo


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


Piranesi oggi, visto dai fotografi contemporanei: la mostra alla Casa di Goethe a Roma
Piranesi oggi, visto dai fotografi contemporanei: la mostra alla Casa di Goethe a Roma
Creme, trucchi e profumi. Quali erano i canoni di bellezza a Pompei? Una mostra sul tema
Creme, trucchi e profumi. Quali erano i canoni di bellezza a Pompei? Una mostra sul tema
Gli autoritratti di Vivian Maier, alcuni inediti, protagonisti di una mostra a Trieste
Gli autoritratti di Vivian Maier, alcuni inediti, protagonisti di una mostra a Trieste
Bambole, non solo giochi per l'infanzia. Una mostra a Genova ne evidenzia il valore artistico e culturale
Bambole, non solo giochi per l'infanzia. Una mostra a Genova ne evidenzia il valore artistico e culturale
Una “scogliera luminosa”: a Matera, Mimmo Jodice rilegge André Chastel con i suoi scatti napoletani
Una “scogliera luminosa”: a Matera, Mimmo Jodice rilegge André Chastel con i suoi scatti napoletani
Quali erano le abitudini dei nobili del Sette-Ottocento: a Mantova esposti i preziosissimi argenti di Palazzo d'Arco
Quali erano le abitudini dei nobili del Sette-Ottocento: a Mantova esposti i preziosissimi argenti di Palazzo d'Arco