A Torino in mostra capolavori dalla Johannesburg Art Gallery, da Monet a Picasso


A Torino, presso Palazzo Barolo, sarà allestita dal 4 febbraio al 7 maggio 2023 la mostra "Da Monet a Picasso. Capolavori della Johannesburg Art Gallery", con più di sessanta opere dei grandi maestri della storia dell’arte. 

Dal 4 febbraio al 7 maggio 2023 Palazzo Barolo a Torino presenta la mostra Da Monet a Picasso. Capolavori della Johannesburg Art Gallery, a cura di Simona Bartolena, prodotta da Next Exhibition in collaborazione con VIDI e Ono Arte Contemporanea.

L’esposizione riunisce sessantatré opere originali di grandi maestri della storia dell’arte: Monet, Signac, Courbet, Degas, Cézanne, Sisley, Derain, Picasso, Matisse, Rossetti, Modigliani, Bacon, Warhol, Lichtenstein, Kentridge. Un viaggio nella storia dell’arte internazionale, ma anche nelle opere della Johannesburg Art Gallery.

“Una realtà davvero preziosa e tutta da scoprire”, afferma la curatrice Simona Bartolena, “consapevole del proprio passato, ma fermamente convinta della necessità di uno sguardo verso il futuro. Un museo importante e vitale, che ha preso vita da una passione, e che con passione e intelligenza prosegue ancora oggi il proprio cammino”.

La mostra intende riflettere proprio il percorso di crescita artistico-culturale della città di Johannesburg e in particolare della Johannesburg Art Gallery, fondata nei primi anni del Novecento dalla collezionista Dorothea Sarah Florence Alexandra Ortlepp Phillips, meglio nota come Lady Florence Phillips, con l’intento di trasformare un centro minerario, cresciuto intorno alla ricchezza dei suoi giacimenti, in una città improntata sui modelli delle capitali europee, con un museo che non fosse solo uno spazio nel quale raccogliere opere d’arte ed esporle, ma un luogo per la società civile, dove fare e promuovere cultura; un riferimento per tutti, non solo per gli appassionati d’arte. L’obiettivo di lungo termine era quello di preparare la strada per la crescita di una Scuola d’Arte Sudafricana, incentivando gli artisti locali per una crescita culturale di tutta la popolazione.

Per questo la mostra comincia con l’arte inglese dell’Ottocento e termina con una selezione di artisti sudafricani. Non è un caso dunque che si cominci con un omaggio a Lady Phillips, con un ritratto firmato da Antonio Mancini, che la ritrae all’età di 46 anni.

La prima sezione dell’esposizione è dedicata alla scena inglese dell’Ottocento, molto presente nella collezione del museo non solo per il legame strettissimo della società che ha dato vita alla Art Gallery con gli ambienti britannici, ma anche perché alcune donazioni hanno ulteriormente arricchito la collezione con opere vittoriane e preraffaellite.

La seconda sezione ripercorre invece la scena francese dell’Ottocento, dall’esperienza dei barbizonniers, ben rappresentata da un poetico paesaggio di Corot, al realismo di Courbet, presente in mostra con uno scorcio delle falesie di Étretat, per giungere, passando da Monet, Sisley e Degas, fino alle generazioni del postimpressionismo. Presenti nella sezione, oltre a personalità come Cézanne e Van Gogh, anche artisti come Signac, Le Sidaner, Vuillard, Bonnard e altri.

La terza sezione è occupata dal più recente nucleo novecentesco del museo, dove sono rappresentati i protagonisti della scena del primo Novecento: da Derain a Picasso, da Modigliani a Matisse, con un Rossetti. Il percorso prosegue poi nel secondo dopoguerra, con opere di importanti maestri della scena internazionale, tra cui spicca un ritratto di Francis Bacon e il trittico, omaggio a Beuys, di Andy Warhol.

Un’ulteriore sezione è dedicata alla scena sudafricana, l’arte del mondo di Lady Phillips, dove spiccano le tre opere di Kentridge . Le opere esposte sono firmate da artisti ben rappresentativi di un contesto che da sempre si dibatte tra culture diverse, diviso tra tradizioni locali e influenze europee.

“Da sempre l’arte rappresenta un mezzo per mettere persone diverse in comunicazione tra loro da un punto di vista culturale. Un ponte che si è mantenuto saldo attraverso relazioni cordiali tra le Nazioni. Un modo per costruire la conoscenza reciproca e offrire prospettive positive per la ricchezza e la varietà dei diversi popoli del mondo. Questa mostra non fa eccezione: è un modo per il Sudafrica, e in particolare per la città di Johannesburg, di mettersi in comunicazione con altre città del mondo attraverso questa prestigiosa collezione d’arte”, ha affermato Vuyisile Mshudulu, direttore Arti, Culture e Tradizioni Città di Johannesburg.

Per info: www.mostrajag.it

La mostra sarà aperta da martedì a venerdì dalle 10 alle 17.30; sabato e domenica dalle 10 alle 18.30. Chiuso il lunedì.

Immagine: Gustave Courbet, La scogliera a Étretat (1869; olio su tela) ©Johannesburg Art Gallery

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraDa Monet a Picasso. Capolavori della Johannesburg Art Gallery
CittàTorino
SedePalazzo Barolo
DateDal 04/02/2023 al 07/05/2023
ArtistiClaude Monet, Gustave Courbet, Edgar Degas, Paul Czanne, Alfred Sisley, William Kentridge, Dante Gabriel Rossetti
CuratoriSimona Bartolena
TemiNovecento, Impressionismo, Ottocento, Arte sudafricana

A Torino in mostra capolavori dalla Johannesburg Art Gallery, da Monet a Picasso
A Torino in mostra capolavori dalla Johannesburg Art Gallery, da Monet a Picasso


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



MAGAZINE
primo numero
NUMERO 1

SFOGLIA ONLINE

MAR-APR-MAG 2019
secondo numero
NUMERO 2

SFOGLIA ONLINE

GIU-LUG-AGO 2019
terzo numero
NUMERO 3

SFOGLIA ONLINE

SET-OTT-NOV 2019
quarto numero
NUMERO 4

SFOGLIA ONLINE

DIC-GEN-FEB 2019/2020