Si conclude finalmente bellezza@governo.it: l'ennesimo strumento di marketing renziano


Termina finalmente la squallida iniziativa bellezza@governo.it, che ha mandato il patrimonio diffuso al televoto. Una riflessione sul tema.

Si è finalmente conclusa una delle più squallide iniziative partorite dalla mente dell’attuale presidente del consiglio: bellezza@governo.it. Ovvero, un indirizzo mail a cui mandare segnalazioni di progetti culturali da finanziare, oppure di luoghi della cultura che necessitano di restauro: quelli ritenuti più interessanti, o più bisognosi, si spartiranno i 150 milioni di euro che il Governo ha voluto destinare all’operazione. I progetti “vincitori” saranno selezionati, come leggiamo dalla pagina web dell’iniziativa, da una “commissione ad hoc”: tuttavia non è ancora dato sapere da chi tale commissione sia composta. I fondi saranno stanziati con un decreto che verrà emanato il 10 agosto.

Pare che gli italiani si siano dati da fare: al 31 maggio, sono arrivate all’indirizzo di cui sopra ben 139.759 mail, per un totale di 2.782 luoghi segnalati. Che sono stati riportati sopra una imbarazzante cartina geografica, in stile Google Maps (con i segnalini colorati per puntare le varie località), seppur non ingrandibile e non cliccabile. Un geniale capolavoro di inutilità, insomma. Tuttavia, al di là di questa nota di colore, la domanda che sorge spontanea a qualunque cittadino non ancora del tutto accecato dal marketing renziano suona più o meno così: ma è davvero questo il modello di cui abbiamo bisogno per gestire il nostro patrimonio culturale?

La spettacolare cartina non ingrandibile e non cliccabile sul sito dell'iniziativa
La spettacolare cartina non ingrandibile e non cliccabile sul sito dell’iniziativa

Ci sono diversi aspetti quanto meno discutibili in questa vicenda. Il primo: non si comprende che senso abbia questo bizzarro televoto che dovrebbe premiare certi luoghi piuttosto che altri. È, in sostanza, il modello Festival di Sanremo applicato alla gestione dei beni culturali pubblici. Un’idea atroce della quale non si capisce l’utilità: alla fine, i luoghi segnalati saranno comunque vagliati da una commissione (della quale, ripetiamo, al momento non conosciamo la composizione) a cui spetterà il compito di decidere a chi destinare i fondi. Il governo dunque pensa che i funzionari del Ministero dei Beni Culturali (perché vogliamo sperare che da tale dicastero provengano i membri della commissione) non sappiano quali siano i luoghi sui quali intervenire? Oppure si tratta semplicemente di un maldestro tentativo di far credere che l’indirizzo mail governativo sia un vero strumento di partecipazione? Si è fatto l’esempio dei Luoghi del cuore FAI, ai quali s’ispirerebbe l’iniziativa del governo. Ma i Luoghi del Cuore destinano i fondi ai progetti che ottengono il maggior numero di segnalazioni (o comunque un numero minimo di voti), quindi almeno in questo caso sono veramente i votanti che decidono. Si tratta però di un modello che non si può applicare alla gestione del patrimonio pubblico: lo Stato, i cui compiti nei confronti della tutela e della conservazione del patrimonio sono sanciti dalla Costituzione, dispone di appositi staff di tecnici che per professione si occupano dei beni culturali. In altre parole, non dev’essere il televoto a decidere: il Ministero ha già sia gli strumenti per intervenire, sia le persone dotate della capacità di distinguere quali sono le priorità. Il FAI invece è una fondazione privata, senza scopo di lucro, che persegue certi fini, e che non ha al suo interno le professionalità su cui può contare il Ministero: è, insomma, un’organizzazione che non è tenuta a conoscere quali siano le priorità, e pertanto elargisce contributi sulla base delle segnalazioni dei cittadini, lavorando comunque a contatto con gli enti che si occupano della tutela. Diciamo che nella migliore delle ipotesi, a volerla vedere in un certo modo, bellezza@governo.it non è altro che una sorta di istituzionalizzazione (dal sapore propagandistico) di quello che molti cittadini già fanno: segnalare alle Soprintendenze criticità che riguardano i beni culturali.

Appurata dunque la completa inutilità dell’indirizzo mail, e dunque dell’impianto stesso dell’iniziativa, sorge un ulteriore dubbio sulla serietà dell’operazione. Come detto all’inizio, alla mail bellezza@governo.it si potevano segnalare, oltre che edifici bisognosi di restauro, anche progetti culturali da finanziare. Insomma, se la segnalazione del cittadino appare poco sensata per i restauri (dato che, se ci sono fondi straordinari, i funzionari del ministero dovrebbero aver ben chiare le priorità), potrebbe invece non essere del tutto balzana per i “progetti culturali”. Non è tuttavia chiaro quali siano le caratteristiche che un progetto deve soddisfare per ricevere un contributo, perché non esiste alcun bando che indichi le specifiche. E se c’è, dev’essere ben nascosto, dato che nella pagina dedicata all’iniziativa, nelle due striminzitissime faq che comparivano fino a ieri (e che oggi, allo scadere dei termini, sono state rimosse in fretta e furia) non c’era alcun riferimento a bandi. Una delle due faq domandava espressamente “dov’è il bando”: dato che la risposta non veniva fornita, è lecito supporre che il bando, in realtà, non esista. Alla faccia della trasparenza! Insomma: non esistono bandi (o non sono facilmente reperibili), non ci sono elenchi di specifiche, non si sa da chi sarà composta la commissione che, se sarà unica, dovrà decidere su operazioni molto diverse, come restaurare una chiesa o, citiamo dall’esempio fornito dallo stesso Matteo Renzi nell’intervista in cui lanciava bellezza@governo.it, sostenere “il teatro che un gruppo di giovani sta mettendo in piedi”. Per comprendere come intervenire sulla chiesa (e se il contributo stanziato sarà sufficiente) serviranno restauratori, architetti, storici dell’arte, per comprendere come avviare l’impresa teatrale serviranno altre professionalità. La commissione sarà così inclusiva?

Le faq così come apparivano fino a ieri
Le faq così come apparivano fino a ieri

E ancora: come hanno fatto i dipendenti del governo a valutare in così poco tempo l’enorme mole di posta dichiarata sul sito? I luoghi segnalati venivano aggiornati giorno per giorno, e teniamo conto del fatto che solo il 31 maggio sono giunte ben 50.081 mail. Significa che, per aggiornare le segnalazioni, occorreva leggere 35 mail al minuto: dunque, nello spazio di soli due secondi, ipotizzando che gli incaricati della lettura della posta abbiano lavorato ventiquattro ore su ventiquattro, si è fatto necessario aprire la lettera, leggerla insieme a eventuali allegati (il governo ha posto un limite di 3 megabyte per i file acclusi alla mail: Renzi avrà voluto far risparmiare tempo in fase di download!), inserire (supponiamo) la segnalazione in un database con tutti i dati (o, almeno, col minimo sindacale: l’indirizzo da cui è provenuta), aggiornare il conteggio. Se davvero è stato possibile, in così poco tempo, leggere ogni singola mail e aggiornare con la massima accuratezza il conteggio in tempo reale, giorno per giorno, il governo dovrà davvero dirci come ciò sia avvenuto: sarebbe, detto senza ironia, un mirabile esempio di efficienza, velocità e precisione.

In sostanza: possiamo considerare bellezza@governo.it come l’ennesima operazione di marketing di questo governo. E per tutte le ragioni di cui sopra, noi di Finestre sull’Arte non abbiamo inviato alcuna segnalazione: non ne facciamo mistero. Anche perché, per concludere, enorme è la disparità tra i pochi progetti (trentatré in totale) che riceveranno l’85% del miliardo messo a disposizione per la cultura, e il resto del patrimonio diffuso (centinaia di siti: d’altronde, sono stati 2.782 i luoghi segnalati) che dovrà spartirsi ciò che rimane. Dunque, purtroppo, anche bellezza@governo.it sembra configurarsi come l’ennesimo strumento di propaganda di un governo la cui azione assomiglia sempre più a una massiccia campagna elettorale a favore dell’attuale maggioranza: peccato che a farne le spese siano, ancora una volta, i beni culturali, trattati come canzonette da far trionfare col televoto.


Acquista il nostro libro Cronache dal mondo dell'arte 2020
Tutto il 2020 in un libro di 430 pagine con 60 fotografie a colori, in una selezione di 60 articoli scelti dalla redazione di Finestre sull'Arte.
CLICCA QUI
PER INFORMAZIONI

Federico Giannini

L'autore di questo articolo: Federico Giannini

Giornalista d'arte, nato a Massa nel 1986, laureato a Pisa nel 2010. Ho fondato Finestre sull'Arte con Ilaria Baratta. Oltre che su queste pagine, scrivo su Art e Dossier e su Left. Seguimi su Twitter:

Leggi il profilo completo


Ministro Franceschini, faccia qualcosa veramente di sinistra!
Ministro Franceschini, faccia qualcosa veramente di sinistra!
Riforma dei beni culturali, capitolo 2: la “visione olistica” del MiBACT. Contro il suo stesso Governo
Riforma dei beni culturali, capitolo 2: la “visione olistica” del MiBACT. Contro il suo stesso Governo
Renzi, Franceschini e Madia: rottamatori di beni culturali? Verso lo smantellamento delle soprintendenze
Renzi, Franceschini e Madia: rottamatori di beni culturali? Verso lo smantellamento delle soprintendenze


Commenta l'articolo che hai appena letto



Commenta come:      
Spunta questa casella se vuoi essere avvisato via mail di nuovi commenti



1. giovanni in data 03/06/2016, 00:01:48

il fatto che chi ama davvero l'arte italiana, e la vuole vedere difesa dal governo discuta dell'aria fritta della "bellezza.it" è già una vittoria del marketing renziano, che è FONDATO sul creare bolle di propaganda piene d'aria dietro alle quali la gente si perde anzichè concentrarsi sui problemi che il governo non ha nessuna intenzione di risolvere, nzi, al contrario, ci sono più che validi motivi per ritenere che li si voglia aggravare al punto tale in cui si costringano i cittadini a dire "ok, la tutela dell'arte, la scuola, la sanità, le forze dell'ordine pubbliche fnano così schifo (e lo fanno PERCHE' SCIENTEMENTE RIDOTTE IN CONDIZIONE DI NON OPERARE, ed è questo il crimine supremo!) che privatizzare tutto sarà per forza meglio". Ecco perchè ritengo opportuno non sprecare nemmeno una virgola dietro alle tattiche diversive quotidiane del governo.
Oggi lanciano "bellezza@governo.it"?
SIgnor Ministro, come la mettiamo coi soli 20 bibliotecari PER TUTTA L'ITALIA nel nuovo concorso per esperti culturali e con le ovvie dimissioni di tutti i massimi consulenti del governo in materia?
Oggi starnazzano dei lavoratori del Colosseo che fanno una sacrosanta e legittima assemblea sindacale come di sabotatori?
SIgnor Ministro, facciamo finta che abbia ragione, tra 10 anni quei "sabotatori" saranno tutti in pensione, è pronto il concorso per sostituirli?
Ecc.ecc.
Bisogna tenerli inchiodati alla realtà, non permettere di cambiare discorso nemmeno per un secondo, altrimenti la vinceranno sempre loro, anche quando avranno distrutto il paese!



2. Finestre sull'Arte in data 03/06/2016, 08:29:50

Caro giovanni, quello che dici ha molto senso. Però noi riteniamo che sia anche necessario aprire gli occhi ai tanti che purtroppo accolgono in modo positivo queste iniziative che non sono altro che fumo negli occhi. Dai commenti sembra che non ci siamo riusciti bene questa volta, per questo crediamo che occorra insistere...



3. Stefano Novaria in data 05/06/2016, 20:23:20

Non sara' un'idea straordinaria, ma perche' definirla squallida ?
Voi non siete di parte... Siete contro a prescindere...



4. Costanza Costanzi in data 09/06/2016, 22:40:34

Ebbene sì, da addetta ai lavori penso che i tecnici del Ministero non sempre conoscano benissimo il territorio e i beni maggiormente bisognosi di tutela!!! Credo che i cittadini che vivono a contatto con i luoghi possano veramente svolgere un utile ruolo di 'suggeritori' e di fiancheggiatori. Del resto, non è questo l'esempio di democrazia diretta dei 5stelle, cui da qualche tempo sembrate ispirarvi? Credo infine che una rete telematica del Ministero, se efficiente come dovrebbe essere, non dovrebbe avere difficoltà a classificare Il cosiddetto 'televoto' dei cittadini, come voi snobisticamente lo avete definito



5. Goofy in data 15/06/2016, 08:47:42

Questa iniziativa potrebbe essere interessante se non fossimo in Italia, paese che ha una storia infinita di corruzione, collusioni mafiose e quant' altro. Un territorio come quello italiano, che è cosparso di beni da salvare e ristrutturare, dovrebbe avere, per prima cosa una mappa dettagliata ed aggiornata di tali beni e non dovrebbe ricorrere al televoto per raggiungere tale scopo. Pompei è uno dei siti archeologici più visitati al mondo, se non il più visitato al mondo, sta cadendo a pezzi, rubano di tutto ed è in questo stato da sempre, quanti soldi si sono presi la mafia, la camorra e via discorrendo? Questo genere di iniziative non fa altro che giustificare altre elargizioni...
Ci vogliono bandi pubblici, estremamente chiari, quindi niente politichese, trasparenti fino all' eccesso e offerte altrettanto pubbliche e trasparenti, visibili a tutti i cittadini... Allora forse il NOSTRO patrimonio culturale avrà probabilità di essere salvato.
Questo è illudere il cittadino di essere coinvolto. Non sono un berlusconiano, anzi, ma cosa avrebbero detto le anime candide se la stessa cosa l' avesse fatta lui??? Meditate gente, meditate...



6. moni in data 04/08/2016, 13:35:51

Gentile Federico Diamanti Giannini,
sono un architetto che ha segnalato CASA ZAMPINI/PANNAGGI ad Esanatoglia (MC) già il 9 maggio 2016.
In quel momento, e fino a venerdì scorso, sulla pagina web "governo.it" si leggeva:
"Per recuperare i luoghi culturali dimenticati il Governo mette a disposizione 150 milioni di euro. Fino al 31 maggio tutti i cittadini potranno segnalare all'indirizzo di posta elettronica bellezza@governo.it un luogo pubblico da recuperare, ristrutturare o reinventare per il bene della collettività o un progetto culturale da finanziare."

con particolare riferimento al concetto di "pubblico" , io, come tanti altri miei colleghi, abbiamo omesso di segnalare monumenti di proprietà privata.

Questa mattina nella stessa pagina si legge:
"Il Governo ha messo a disposizione 150 milioni di euro per recuperare i luoghi culturali da recuperare, ristrutturare o reinventare per il bene della collettività o un progetto culturale da finanziare.
Una commissione ad hoc stabilirà a quali progetti assegnare le risorse. Il relativo decreto di stanziamento sarà emanato il 10 agosto 2016."

Sinceramente lo trovo quantomeno scorretto.



7. Maurizio in data 07/09/2016, 18:21:46

Ad oggi 7/9/2016 non si trovano informazioni sulla commissione che il 10 agosto si sarebbe dovuta riunire, idem dicasi per l'annunciato decreto. Qualcuno ne ha notizia???



8. Daniela Giordano in data 25/01/2017, 06:25:53

iniziativa mirata a dare al cittadino l'illusione che il suo parere conti qualcosa.
Neanche io ho votato



9. marco pasian in data 29/01/2018, 08:49:30

Pare che alla fine questi soldi stiano per arrivare ad alcune amministrazioni locali.
Non si sa nulla del DPCM del 19 giugno 2017 che ha istituito la commissione, ne quale sia stato il criterio di selezione o merito di un progetto rispetto ad altri e come si sia stabilito l'importo per ogni singolo progetto.
Ma soprattutto, visto che era stato chiesto ai cittadini di segnalare un 'luogo' da recuperare, che fine hanno fatto tutte le 140.000 indicazioni? Così, per rispetto di chi ha espresso una preferenza e aldilà di tutte le giustificabili critiche che emergono in questo percorso.



Commenti dal post ufficiale su Facebook



Torna indietro



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma    

NEWSLETTER