In Italia, i ladri amano l'arte più di politici e media?


Teniamo alta l'attenzione sulla rapina del Museo di Castelvecchio a Verona: ci aspettiamo dalle istituzioni risposte sulla sicurezza del nostro patrimonio.

Con questo articolo, dal titolo volutamente provocatorio, vorrei tornare a parlare della rapina al Museo di Castelvecchio di Verona, anche alla luce degli ultimi sviluppi della vicenda: riteniamo sia doveroso continuare a focalizzare la nostra attenzione su uno dei più sconvolgenti eventi che abbia interessato il patrimonio storico-artistico italiano negli ultimi anni perché, con il furto delle diciassette opere d’arte del museo, è come se si fosse volatilizzata una parte della nostra stessa identità culturale. La vicenda, a nostro modo di vedere, non riguarda soltanto Verona: riguarda tutti noi, perché alcune delle opere trafugate sono tra le più importanti della storia dell’arte e costituiscono altissime testimonianze delle evoluzioni che l’arte ha conosciuto nel corso del tempo. Averle perse equivale ad aver perso un brano della nostra memoria collettiva. Senza contare tutti i ricordi (compresi i nostri) che chiunque abbia visto le opere dal vivo serbava nel profondo della propria intimità: è un po’ come se tale intimità fosse stata violata.

Sono emersi, nelle ultime ore, certi aspetti oltremodo inquietanti. Abbiamo scoperto che i malviventi hanno avuto a loro disposizione addirittura un’ora e un quarto di tempo per condurre a termine la rapina, e abbiamo scoperto che il Museo era dotato di un sistema d’allarme che, all’attivazione, avrebbe dovuto lanciare una segnalazione visiva alla centrale operativa di Securitalia, la ditta incaricata della vigilanza, ma nonostante ciò nessuno sembrerebbe essersi accorto della mancata entrata in funzione dell’allarme. Non solo, dunque, il Museo era costretto a contare sull’operato di un’unica guardia giurata che vigilava su tutto il vasto edificio, ma nessuno dalla centrale operativa parrebbe essersi allarmato. Le indagini faranno ovviamente luce su quanto accaduto giovedì sera: certo è che tutti noi abbiamo bisogno di veloci risposte sulle condizioni di sicurezza del nostro patrimonio artistico.

Alcune delle opere rubate al Museo di Castelvecchio
Alcune delle opere rubate al Museo di Castelvecchio. Elenco completo con immagini a questo link

Quello che però temiamo è che, da parte di chi dovrebbe tenere alta l’attenzione, la collaborazione sia ben poca. La notizia, già nelle ore vicine al momento della rapina, è stata relegata agli ultimi minuti dei telegiornali nazionali, e nei giorni seguenti gli sviluppi sono stati immediatamente declassati a notizia di cronaca locale: ormai, per informarsi sulla piega che stanno prendendo gli eventi occorre aprire i quotidiani di Verona e dintorni, oppure rivolgersi alle riviste di settore. È ovvio che siamo tutti preoccupati per gli allarmanti eventi che in questo periodo si stanno verificando in Italia e in tutta Europa, ma tacere su un così colossale furto d’opere d’arte (uno dei più gravi mai avvenuti in Italia) lascia intendere che il nostro paese sia poco interessato alla cultura. Si investono ingenti somme pubbliche in banali mostre di cassetta, si annunciano grandi eventi di dubbia utilità, ma una delle più gravi offese degli ultimi decenni condotta contro il nostro patrimonio non trova un’adeguata copertura mediatica. E senza copertura, non può scaturire un dibattito sulla sicurezza del patrimonio che non sia limitato ai soliti nomi: la nostra cultura è un patrimonio di tutta la nazione, e le sue condizioni di sicurezza dovrebbero diventare tema d’interesse nazionale. Allo stesso modo, facendo passare la rapina del Museo di Castelvecchio come una marginale notizia locale, si rischia di far perdere di vista il valore più alto delle opere d’arte, che non devono essere considerate alla stregua di celebrities di cui parlare solo in occasione di altisonanti e ben sponsorizzati eventi, oppure merce in grado di far notizia solo quando infrange un qualche record economico a seguito di una vendita. Le opere d’arte sono testimonianza del nostro passato e guida per il nostro futuro: ed è chiaro che se non riconosciamo alle opere d’arte questo immenso valore, ben più alto di quello derivante da qualsiasi stima economica, non avremo neppure la percezione del pesantissimo oltraggio che la nostra cultura ha subito giovedì sera a Verona.

Spiace inoltre dover constatare la lontananza delle istituzioni e della politica: nel momento in cui pubblico questo articolo, il ministro Dario Franceschini, a due giorni di distanza dall’inizio della vicenda, non ha ancora espresso alcuna dichiarazione, foss’anche costituita da semplici parole di vicinanza alle persone coinvolte negli attimi più concitati della rapina. Perché ricordiamo che una cassiera e una guardia giurata sono state costrette sotto minaccia a far strada ai delinquenti, e possiamo solo immaginare il trauma da loro subito. È vero che il Museo di Castelvecchio è un museo civico, e quindi non è gestito dal Ministero: ma questa non è certo una scusa valida per non rilasciare dichiarazioni. Intanto perché le Soprintendenze, che sono istituti statali, pur non occupandosi della sicurezza, affidata al Comune, hanno comunque competenza sulla vita delle opere (dichiarazioni d’interesse culturale, restauri, prestiti, trasferimenti e spostamenti). E poi perché il ministro dei Beni Culturali è il più alto rappresentante della cultura nel nostro paese: non può pertanto non sentirsi toccato dalla vicenda. E il suo silenzio è quanto mai grave e imbarazzante. Ricordiamo inoltre che il Museo di Castelvecchio è conosciuto anche per le numerose iniziative d’alto valore che si sono sempre tenute entro le sue mura: magari non facevano notizia come certe mostre di grido, ma a un ministro dovrebbe star più a cuore la qualità di un evento rispetto al clamore da quest’ultimo suscitato. O almeno, per noi e per chi ama davvero l’arte, le cose stanno così.

Adesso tutti noi nutriamo la speranza di riveder le opere tornare al loro posto. Nel frattempo, ci aspettiamo una dichiarazione da parte del ministro, e attendiamo di ricevere rassicurazioni sulle condizioni del nostro patrimonio. Non possiamo più permetterci di celebrare la bellezza a parole e poi, nei fatti, consentire che quella bellezza tanto decantata venga violentata nel peggiore dei modi: serve dunque un’inversione di tendenza, occorre riconoscere il vero valore della cultura, servono investimenti seri e produttivi, è necessario che la cultura torni ad assumere ruoli centrali nei dibattiti. Perché non vorremmo certo arrivare a pensare davvero che l’arte sia amata più dai ladri che dai politici e dai media.


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE

Federico Giannini

L'autore di questo articolo: Federico Giannini

Giornalista d'arte, nato a Massa nel 1986, laureato a Pisa nel 2010. Ho fondato Finestre sull'Arte con Ilaria Baratta. Oltre che su queste pagine, scrivo su Art e Dossier e su Left. Seguimi su Twitter:

Leggi il profilo completo


La rapina del Museo di Castelvecchio: una ferita che non sarà facile rimarginare
La rapina del Museo di Castelvecchio: una ferita che non sarà facile rimarginare


Commenta l'articolo che hai appena letto



Commenta come:      
Spunta questa casella se vuoi essere avvisato via mail di nuovi commenti



1. Cris in data 29/11/2015, 17:29:24

Il lavoro oculato e pieno d'entusiasmo è sempre premiato!



2. danilo bruno in data 29/11/2015, 21:13:47

Io credo che il problema sia ben piu' ampio:
sul fatto specifico posso dire che una richiesta di dimissioni del sindaco Tosi,che festeggiava e premiava la direttrice del museo al ristorante di fronte al museo, sarebbe stata opportuna non tanto per il furto in se ma per le deplorevoli condizioni di sicurezza in cui il museo era stato lasciato (praticamente,a quanto hanno scritto i giornali,potevamo andare al museo e uscire dalla porta principale con un quadro senza che nessuno se ne accorgesse);
piu'in generale non accetto l'indicazione "politico"= menefreghista poiche' faccio politica da oltre 40 anni e sono contemporaneamente curatore dei musei civici del comune di Spotorno (SV) nonche' del centro studi Camillo Sbarbaro.Non voglio mischiare ovviamente le due cose ma voglio precisare che esiste una forza politica molto piccola ma che vuole proteggere il patrimonio storico e artistico della nazione:la federazione dei Verdi.Noi siamo infatti convinti che il patrimonio storico e artistico della nazione debba far parte della nostra identità nazionale come se fosse la "pelle",di cui la nazione è rivestita.Crediamo infatti che ,come ad esempio a Taranto,la battaglia per l'ambiente e per il risanamento delle zone dall'inquinamento passi anche attraverso la valorizzazione della cultura della nazione.Faccio solo un esempio:cosa sarebbe oggi Taranto se al posto della terribile acciaieria inquinante e foriera della morte di numerose persone vi fosse il piu' grande parco archeologico d'Europa?
Danilo Bruno-consigliere federale dei Verdi



Commenti dal post ufficiale su Facebook



Torna indietro



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER