L'arte secondo Matteo Renzi: le sette "migliori" trovate renziane in cinque anni di mandato


Tutte le trovate di Matteo Renzi nell'ambito della storia dell'arte in cinque anni di mandato del sindaco di Firenze

Ormai è diventato una presenza fissa, non passa un giorno che non veda almeno una comparsata di Matteo Renzi in televisione o sui giornali, tanto che quando non sento notizie su di lui o non vedo il suo gaudente faccione al telegiornale, mi viene quasi da preoccuparmi... magari gli è successo qualcosa, magari non si sente bene, è impossibile che un giorno trascorra senza che il sindaco di Firenze delizi gli italiani con qualche sua perla, qualche sua analisi politica, o qualche sua trovata. Noi che amiamo l’arte sappiamo che anche Renzi è un grande amante dell’arte: difatti, per tutta la durata del suo mandato ha fatto di tutto per tenerci occupati con le sue meravigliose trovate. Che noia sarebbe stata, senza Renzi. Provate a dirlo anche a Tomaso Montanari, Renzi gli ha fornito davvero un sacco di materiale. E siccome il suo mandato scadrà tra pochi mesi, potevamo noi di Finestre sull’Arte non ripercorrere tutta la cronologia delle sue sette migliori trovate artistiche, anno per anno?

2009
Renzi è sindaco da neanche quattro mesi ma si mette subito all’opera. Per cosa? Fin da subito per quella che è stata la sua più grande impresa artistica da quando è sindaco di Firenze, vale a dire la ricerca del Leonardo perduto sotto gli affreschi di Giorgio Vasari in Palazzo Vecchio. Un articolo uscito sul New York Times a ottobre1 ci fa sapere quanto il neosindaco sia entusiasta del progetto (a dire il vero iniziato già sotto il mandato di Leonardo Domenici), e di lì a breve Renzi, vestendo i panni di Indiana Jones, sarà il più acceso sostenitore della ricerca, che come tutti sappiamo si risolverà con un niente di fatto.

2010
È sempre Rinascimento ma questa volta il protagonista non è più Leonardo da Vinci bensì Michelangelo Buonarroti con la sua opera più famosa in tutto il mondo ossia il David: in piena estate (evidentemente annoiato sotto l’ombrellone), Renzi, rivisitando in modo molto pittoresco la storia d’Italia e le norme del diritto, vorrebbe che la scultura michelangiolesca diventasse di proprietà del Comune di Firenze2, che secondo il sindaco sarebbe il legittimo proprietario. Indovinate come si è conclusa la vicenda? Con un altro prevedibilissimo niente di fatto, ma il brutto è che all’epoca ci fu anche chi prese sul serio la trovata renziana.

2011
È ancora piena estate, il protagonista è ancora Michelangelo, ma questa volta non più nelle vesti di scultore bensì di architetto: Renzi esce con un’altra magnifica trovata, ovvero quella di costruire la facciata della Basilica di San Lorenzo secondo l’originale progetto michelangiolesco3. Anche in questo caso i pareri di pressoché tutti coloro che presero nuovamente sul serio Matteo Renzi furono del tutto contrari, per cui il progetto faraonico (o meglio... fanfaraonico) della costruzione dell’incompiuta facciata, rimase nulla più che una fantasia dell’instancabile sindaco di Firenze. Il 2011 è anche l’anno in cui si intensifica la discussione sulla ricerca del Leonardo perduto.

2012
A febbraio Renzi esce con una proposta brillante ma soprattutto innovativa e tesa al futuro: ripavimentare Piazza della Signoria in cotto4, così come lo fu dalla fine del Trecento fino all’Ottocento. Anche in questo caso, la trovata renziana ebbe vita brevissima: giusto il tempo di essere subissata di critiche (della serie: con tutti i problemi che ci sono a Firenze, perché buttare via soldi per una ripavimentazione inutile?). E sempre il 2012 è il teatro della quinta trovata della rassegna, quella di trasformare “gli Uffizi in una macchina da soldi”, proposito lanciato da Renzi all’inaugurazione del festival “Florens 2012”: “i soldi agli Uffizi non vanno dati, i soldi dagli Uffizi vanno presi: gli Uffizi sono una macchina da soldi, se la facciamo gestire nel modo giusto, se lo Stato decide finalmente di dare a chi la gestisce tutti gli strumenti”5. Ma, che peccato, gli Uffizi sono ancora di proprietà statale, e anche se lì le iniziative discutibili non sono certo mancate (per esempio la sfilata - la prima in assoluto agli Uffizi - di Stefano Ricci6), Renzi dovrà rinunciare per un po’ alle mire sul museo più visitato di Firenze.

2013
Il 2013 è l’anno dell’affitto dei beni pubblici ai cosiddetti “VIP”: si comincia alla grande in gennaio, con la Ermanno Scervino che organizza un evento in Palazzo Vecchio7. Come si evince dalle foto nei link, il Salone dei Cinquecento viene trasformato in set per un fashion show con tanto di immancabile passerella, e la sala dei gigli ospita invece una cena. Cena durante la quale, secondo Style.it, “la parola chiave era solo una: eleganza”8, benché a giudicare dalla foto di Eva Riccobono e Asia Argento di fronte alla Cappella di Eleonora di Toledo, si direbbe davvero tutt’altro, forse che la parola chiave era quella diametralmente opposta. Si termina quindi con la settima e ultima trovata, probabilmente quella più odiosa: l’affitto di Ponte vecchio alla Ferrari9 per una cena “esclusiva”, ma “esclusiva” nel vero senso della parola, perché per ben sei ore il ponte è stato chiuso per tutti (cittadini, turisti e in generale chiunque fosse capitato da quelle parti e non avesse avuto l’invito per il party), creando non pochi disagi e suscitando non poche polemiche.

Il 2013 quindi è stato probabilmente l’anno più inquietante perché Renzi, smessi i panni del “ricercatore di misteri” e del “lanciatore di grandiosi progetti”, ha indossato quelli del “venditore di beni pubblici al miglior offerente”, escludendo i cittadini dalla fruizione del bene che dovrebbe essere di tutti, ma che in realtà si è rivelato essere a disposizione del più danaroso. Con almeno tre aggravanti: la prima, si lancia il nefasto e vergognoso messaggio che se hai i soldi, non importa chi sei, puoi fare ciò che vuoi di un bene che appartiene a tutti. La seconda: che Renzi, in relazione all’affitto di Ponte vecchio, ha dichiarato “lo abbiamo fatto, lo rifarei, lo rifaremo”10, quindi dovremo aspettarci, purtroppo, altre iniziative del genere. E non pago di questa affermazione, Renzi ha aggiunto “anche perché è un’iniziativa che ha portato un milione di euro di indotto”. Non si capisce ben come abbia fatto il sindaco di Firenze a calcolare questo “milione di euro di indotto”: ricorda un po’ il “milione di posti di lavoro” à la Berlusconi (e Renzi si sta configurando, fatte le debite proporzioni, quasi come il suo erede spirituale). La terza aggravante: anche volendo lasciare da parte l’etica e l’educazione e pensando solo alla cassa, sembra che dei fantomatici centoventimila euro sborsati dai ferraristi a beneficio del Comune di Firenze, non ci sia traccia11. Sia chiaro: questo punto è ancora tutto da dimostrare. Ma nel caso in cui le accuse si rivelino fondate, non solo un bene pubblico sarebbe stato trasformato in un privé in barba a ogni etica e a questo punto anche a ogni ritorno economico, ma addirittura, per giustificare l’operazione, sarebbero stati tirati in ballo dei bambini disabili, e la cosa sarebbe di una meschinità mostruosa, speriamo che almeno questo non possa essere vero.

In un futuro più o meno prossimo, Matteo Renzi potrebbe diventare Presidente del Consiglio: dovremmo iniziare a preoccuparci?


Note

1. John Tierney, A High-Tech Hunt for Lost Art, da New York Times, 5 ottobre 2009.

2. Marco Gasperetti, Scontro Stato-comune di Firenze sulla proprietà del David di Michelangelo, da Corriere della Sera, 14 agosto 2010.

3. San Lorenzo con la facciata di Michelangelo. Renzi: “Referendum?”, da La Nazione, 25 luglio 2011.

4. L’idea del sindaco Renzi: “Piazza della Signoria pavimentata in cotto”, da La Nazione, 27 febbraio 2012.

5. Grandi Uffizi, progetto fermo. Renzi attacca il governo: “I soldi vanno presi”, da Firenze Today, 3 novembre 2012.

6. Laura Antonini, Uffizi, galleria di moda. Per Ricci, da Corriere della Sera, 15 maggio 2012.

7. Pitti, la sfilata di Ermanno Scervino: lo stilista ha abbracciato la sua città e su Twitter dice: “Mi sento onorato”, da La Nazione, 10 gennaio 2013.

8. Valentina Bozzetti, Ermanno Scervino, glamour party a Firenze, da Style.it, 11 gennaio 2013.

9. Affittato il Ponte Vecchio per una cena: è polemica, da Corriere Fiorentino, 1 luglio 2013.

10. Festa della Ferrari a Ponte Vecchio: Renzi: “La rifarei, ha portato un milione di euro di indotto”, da La Nazione, 1 luglio 2013.

11. Renzi, dall’affitto di Ponte Vecchio incassati solo 2500 euro, da International Business Times, 9 luglio 2013.


Finestre sull'arte
Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90€

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Federico Giannini

L'autore di questo articolo: Federico Giannini

Giornalista d'arte, nato a Massa nel 1986, laureato a Pisa nel 2010. Ho fondato Finestre sull'Arte con Ilaria Baratta. Oltre che su queste pagine, scrivo su Art e Dossier e su Left.

Leggi il profilo completo


Renzi, Franceschini e Madia: rottamatori di beni culturali? Verso lo smantellamento delle soprintendenze
Renzi, Franceschini e Madia: rottamatori di beni culturali? Verso lo smantellamento delle soprintendenze
Storia dell'arte nella “buona scuola” di Renzi? Speranze appese a un filo sottile. E riforma slittata
Storia dell'arte nella “buona scuola” di Renzi? Speranze appese a un filo sottile. E riforma slittata
Vince Matteo Renzi, perde la cultura
Vince Matteo Renzi, perde la cultura


Commenta l'articolo che hai appena letto



Commenta come:      
Spunta questa casella se vuoi essere avvisato via mail di nuovi commenti



1. Lollo Panzavecchia in data 21/07/2013, 23:33:14

Se hai i soldi, non importa chi sei, puoi fare ciò che vuoi di un bene che appartiene a tutti.



2. Oriana Orsi in data 22/07/2013, 07:36:14

Come quasi tutti gli amministratori locali, il Renzie ritiene che i beni culturali siano beni commerciali o commerciabili. Non è scandaloso il principio in sè (lavoro in un museo che organizza per un modico e calmierato pagamento compleanni per bambini, matrimoni, sfilate, ecc... ma che reinveste quel poco che guadagna in attività come mostre, conferenze, didattica...) ma immaginare somme da capogiro riservate per ovvi motivi, solo a chi può permettersele. Il peggio, secondo me, è inventarsi occasioni che dovrebbero essere scientifiche, tipo il tentativo di ritrovare Leonardo in palazzo Vecchio, e che invece sono solo (mi si passi il termine) puttanate per apparire sui giornali. Renzie, in questo, mi sembra imbattibile. Bah...



3. Alberto Masu in data 02/09/2013, 15:28:31

senza dimenticare la sua grande passione, il Maggio Fiorentino, che Renzie vorrebbe veder chiuso... Ah, che amante della cultura



4. Giovanna Polloni in data 02/09/2013, 23:02:57

io ho regalato -a cosa serve michelangelo- del buon montanari a molte persone e a qualche amministratore locale. hai visto mai......?



5. Antonio Longo in data 09/12/2013, 11:16:06

Mah... Di tutte le trovate di Renzi, che, ci tengo a precisarlo, non mi piace e che non sono certo andato al seggio per votarlo (perché non piace neanche il resto del Pd), l'unica che mi è parsa una scempiata è quella dell'affitto esclusivo di Ponte Vecchio, incredibilmente sottratto al pubblico per molte ore. Quanto al resto, tutte cose più o meno discutibili e alcune pure un po' stravaganti, ma niente di così scandaloso. Non credo proprio che gli altrie sponenti del pd abbiano una sensibilità al bello e all'arte superiore alla sua. Basti vedere come è ridotto l'Agro romano dopo anni e anni di giunte di centrosinistra, che non si è particolarmente distinto per la salvaguardia di quel contesto...



6. Franca Felicini in data 03/01/2014, 00:08:43

penso che lui comunque è diventato sindaco di Firenze e voi rosicate molto perchè siete i ministeriali dei beni culturali e vorreste non fare proprio nulla per essere i soli sacerdoti di tali opere d'arte.....Renzi ha ragione da vendere sulla gestione dei beni culturali presenti nei comuni, con le politiche del ministero sono pieni i depositi ma gli storici, gli archeologi, i restauratori e le guide......sono senza lavoro mentre in Europa con un sasso antico ci fanno i tour operator e incassano bei soldini.......i vostri rilievi e commenti sono acidi .......prendetevi un alka seltzer



7. NaB in data 05/12/2016, 00:07:59

E presidente poi lo è diventato, tanti altri scempi.. ma stanotte è comunque caduto. Speriamo in animi più sensibili.







Torna indietro



Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma