Francia, terminato il restauro dell'altare di Isenheim, capolavoro di Grünewald


In Francia è terminato il restauro dell’altare di Isenheim, capolavoro di Matthias Grünewald e Niklas di Hagenau. L’opera era comunque già tornata in sede, al Musée d’Unterlinden di Colmar, dove il pubblico ha potuto vedere in diretta le fasi conclusive dell’intervento.

A Colmar, in Francia, è terminato il restauro dell’Altare di Isenheim, il monumentale polittico realizzato tra il 1512 e il 1516 dal pittore Matthias Grünewald (Würzburg, 1480 circa – Halle, 1528) e dallo scultore Niklas di Haguenau (Niklas Zimmerlin; Hagenau, 1445/1460 – 1538), capolavoro della collezione del Musée Unterlinden di Colmar. L’opera ha subito un eccezionale intervento di restauro completo a partire dal 2018 (che ha riguardato tutto, dai pannelli dipinti e dalle sculture alle cornici e altro), con i visitatori che hanno potuto osservare il completamento del processo durante l’estate.

A seguito della relazione del 2003 sullo stato delle tavole dipinte e del convegno edicato alla tecnica di Grünewald nel 2006, è stato osservato che l’Altare di Isenheim soffriva di un forte accumulo di sporco, mentre i pannelli dipinti erano diventati notevolmente più scuri e più opachi a causa del numerosi strati di vernice ossidata, che minacciavano la coerenza dell’opera d’arte nel suo insieme. Nell’ambito di un piano generale di restauro delle opere del Musée Unterlinden, legato al suo ampliamento e restauro, la commissione regionale per il restauro ha approvato l’inizio del restauro dei pannelli dipinti della pala d’altare nel 2011. Nel 2013 il museo ha commissionato un nuovo studio al fine di redigere un capitolato per un completo restauro delle diverse componenti dell’altare: i pannelli dipinti e le relative cornici, le sculture e la cassone, la struttura lignea che le contiene, che risale al 1930.

Sotto l’egida del comitato scientifico composto da professionisti museali, restauratori e storici dell’arte provenienti da Francia, Germania e Svizzera, alla fine del 2017 sono state selezionate due squadre e nell’autunno 2018 è stato avviato il vasto programma di restauro in tre siti. Il team di restauratori di dipinti guidato da Anthony Pontabry si è occupato del restauro dei pannelli dipinti e delle cornici originali all’interno della cappella del Musée Unterlinden, osservata direttamente dal pubblico. Il ripristino dell’altare alla vista del pubblico è stata una decisione presa per volontà di trasparenza, e anche per non deludere i visitatori del museo che erano venuti ad ammirare l’opera.

Solo le cornici staccabili di alcune tavole (San Sebastiano, Sant’Antonio e la predella) sono state restaurate a Vesoul, presso il Laboratorio Regionale per il Restauro e la Conservazione delle Opere d’Arte. Le sculture, che necessitavano di uno spazio specifico per il lavoro da intraprendere, sono state restaurate nel laboratorio di restauro del legno policromo gestito dal Centro di Ricerca e Restauro dei Musées de France (C2RMF) di Parigi, dal team di restauro delle sculture guidato da Juliette Lévy .

A fine giugno 2022, dopo oltre quattro anni di restauro, oltre alle misure di conservazione e alla brillantezza dell’opera appena scoperta, il pubblico ha potuto ammirare per la prima volta l’originale coerenza tra i pannelli dipinti e le sculture, in particolare in termini di colori. L’analisi comparativa dei pigmenti utilizzati per le sculture e i pannelli ha dimostrato che il laboratorio di Grünewald ha effettivamente applicato il colore alle sculture create da Niklas di Haguenau. I pannelli dipinti restaurati rivelano la gamma cromatica della tavolozza dell’artista, la vividezza dei colori e la profondità di campo.

I visitatori che osserveranno con attenzione l’opera potranno scoprire nuovi sorprendenti dettagli precedentemente nascosti dalla vernice o dal ritocco: un cielo nero denso ora blu notte, striato di nuvole grigie e nere, nuovi contorni ai lunghi capelli sciolti di Maria Maddalena, una lacrima che si intravede sulla guancia della Vergine Maria, la sottigliezza ritrovata dei toni della carne delle sculture

Il Musée Unterlinden, dove si trova l’altare di Isenheim, aprì ufficialmente il 3 aprile 1853. Oltre al mosaico del III secolo scoperto a Bergheim nel 1848 e ai calchi in gesso di sculture antiche, il museo conserva ammirare opere d’arte come l’altare di Isenheim e la pala d’altare di Martin Schongauer. Oggi il Musée Unterlinden è un luogo della cultura che vanta una collezione permanente che copre quasi 7.000 anni di storia, dalla preistoria all’arte del XX secolo. Parallelamente a questo viaggio nel tempo all’interno delle sue collezioni che coprono le belle arti, la storia e la società, i visitatori possono anche scoprire le molteplici sfaccettature dell’architettura del museo, che sono state unificate e valorizzate dal progetto di ristrutturazione e ampliamento intrapreso dagli architetti Herzog & de Meuron , ultimato a fine 2015. Esplorando le sale dell’ex convento del XIII secolo, le antiche Terme Comunali inaugurate nel 1906 e gli spazi contemporanei costruiti nel 2015 accanto alle collezioni, i visitatori possono ammirare le tappe successive di oltre 150 anni di storia del museo. Le pareti e le opere d’arte testimoniano il dinamico lavoro della Société Schongauer, l’associazione di beneficenza che gestisce il Musée Unterlinden dal 1853.

Immagine: l’altare di Isenheim. Foto Le Reverbère, Mulhouse

Francia, terminato il restauro dell'altare di Isenheim, capolavoro di Grünewald
Francia, terminato il restauro dell'altare di Isenheim, capolavoro di Grünewald


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


Firenze, dopo decenni torna visitabile la Cappella di Palazzo Portinari Salviati
Firenze, dopo decenni torna visitabile la Cappella di Palazzo Portinari Salviati
Colpo del Metropolitan: acquistato un rarissimo tondo bronzeo rinascimentale di Cavalli
Colpo del Metropolitan: acquistato un rarissimo tondo bronzeo rinascimentale di Cavalli
Brescia, alla Pinacoteca Tosio Martinengo in prestito un importante dipinto di Lorenzo Lotto
Brescia, alla Pinacoteca Tosio Martinengo in prestito un importante dipinto di Lorenzo Lotto
Regno Unito, il governo impedisce l'esportazione di un rarissimo dipinto del Seicento
Regno Unito, il governo impedisce l'esportazione di un rarissimo dipinto del Seicento
Perugia, restaurati gli affreschi di Raffaello e Perugino nella Cappella di San Severo
Perugia, restaurati gli affreschi di Raffaello e Perugino nella Cappella di San Severo
Due dipinti attribuiti ad Artemisia Gentileschi risorgono dall'esplosione di Beirut del 2020
Due dipinti attribuiti ad Artemisia Gentileschi risorgono dall'esplosione di Beirut del 2020