Una Coppa del Mondo fatta di petrolio: la protesta di Andrei Molodkin contro i Mondiali in Qatar


L’artista Andrei Molodkin ha creato, per protestare contro i Mondiali di calcio che si tengono in Qatar, una singola opera: una riproduzione della Coppa del Mondo eseguita in petrolio del Qatar. L’opera si chiama “The dirtiest cup”, la coppa più sporca.

Una replica della Coppa del Mondo di calcio, quella che verrà assegnata ai vincitori dei Mondiali 2022 in Qatar, con una particolarità: si riempie di petrolio. È questa l’opera che l’artista russo Andrei Molodkin (leggi qui una nostra intervista), residente in Francia da vent’anni, ha immaginato per denunciare le scelte che hanno portato al paese asiatico come sede di questa edizione della Coppa del Mondo. L’opera si chiama The dirtiest cup (“La coppa più sporca”) ed è una fedele riproduzione del trofeo disegnato nel 1971 dallo scultore italiano Silvio Gazzaniga, fatta però di petrolio qatariota invece che d’oro, il tradizionale materiale con cui ogni quattro anni si realizza la coppa.

“La Coppa del Mondo”, ha dichiarato Molodkin, “è l’icona di una vittoria a vuoto. Perché l’unica vittoria che le petrocrazie capiscono è quella del sangue e del petrolio”, denuncia Molodkin. L’idea nasce dopo che l’artista ha accettato la sfida lanciata da Líbero, periodico sportivo spagnolo, di creare un’opera d’arte che denunciasse quello che la rivista chiama il “sequestro” della Coppa del Mondo da parte delle potenze petrolifere attraverso tangenti, come rivelato dall’FBI nel 2015 durante un’indagine che ha portato all’arresto della maggior parte dei 24 dirigenti della FIFA che hanno scelto la Russia e il Qatar come sedi dei Mondiali del 2018 e del 2022.

L’indagine, condotta dal procuratore generale degli Stati Uniti Loretta Lynch, ha dettagliato che il totale delle tangenti è stimato in 150 milioni di dollari. E questo è il prezzo simbolico che Molodkin ha messo sulla sua nuova opera e il prezzo di partenza quando andrà all’asta sulla piattaforma di arte online Apolitical. La scultura è la copertina del prossimo numero della rivista Líbero dedicata ai Mondiali 2022. La nuova edizione, disponibile in edicola e su revistalibero.com dal 14 novembre,

L’opera è stata creata nel laboratorio di Molodkin a Maubourget (Francia) dove Líbero ha filmato e fotografato il processo di produzione. L’opera è realizzata con metacrilato, cera e petrolio del Qatar, certificati dall’Institut Français du Pétrole con cui l’artista collabora.

Una Coppa del Mondo fatta di petrolio: la protesta di Andrei Molodkin contro i Mondiali in Qatar
Una Coppa del Mondo fatta di petrolio: la protesta di Andrei Molodkin contro i Mondiali in Qatar


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER