Un'altra biblioteca rischia la chiusura: la biblioteca dell'Accademia dei Concordi di Rovigo


Non solo la biblioteca del Warburg Institute, di cui abbiamo parlato qualche giorno fa. Anche quella dell'Accademia dei Concordi di Rovigo rischia di chiudere.

Qualche giorno fa vi avevamo parlato della biblioteca del Warburg Institute di Londra, che rischia di essere dispersa a causa di un contenzioso con l’Università di Londra. Oggi torniamo sull’argomento biblioteche perché ce n’è un’altra, molto più vicina a noi, che rischia la chiusura: è la biblioteca dell’Accademia dei Concordi di Rovigo.

L’Accademia dei Concordi è un’istituzione importantissima, e antica: fu fondata nel 1580 da un nobile veneto, Gaspare Campo, che volle creare nel suo palazzo un circolo di intellettuali, artisti e letterati. Da allora la storia dell’Accademia (che prende il nome dalla concordia che avrebbe dovuto contraddistinguere l’operato e le visioni dei suoi soci) è andata avanti ininterrottamente fino ai giorni nostri. E nel corso dei secoli, l’Accademia si è dotata di una imponente biblioteca che oggi è costituita da più di 250.000 volumi, tra cui anche preziosi manoscritti e codici miniati, come la Bibbia Istoriata Padovana, che risale al Trecento. Il rischio ora è che questo immenso patrimonio, che appartiene a tutti ed è liberamente consultabile (anche perché la biblioteca dell’Accademia ha la funzione di biblioteca civica), non riesca a trovare i fondi che possano continuare a garantirne la fruizione.

L'Accademia dei Concordi di Rovigo
L’Accademia dei Concordi di Rovigo
Foto tratta da Accademia dei Concordi - La cultura non può morire

In un articolo uscito il 26 giugno su Rovigo Oggi, Enrico Zerbinati, presidente dell’Accademia, spiega che in base all’accordo che nel 1836 ha sancito il rapporto di collaborazione tra Accademia e Comune di Rovigo, quest’ultimo deve farsi carico di metà delle spese “che l’Accademia affronta per assicurare il servizio di pubblica biblioteca, patrimonio di conoscenza annualmente condiviso da circa 50.000 utenti”. Pare che tuttavia, dei 300.000 euro che il Comune dovrebbe garantire, per il 2013 ne sia stata corrisposta circa la metà, mentre per il 2014 il Comune non avrebbe ancora corrisposto alcunché. Le conseguenze? Per far fronte ai debiti accumulati, la biblioteca potrebbe chiudere i battenti.

Come apprendiamo da un altro articolo su Rovigo Oggi, uscito il 28 giugno, il comune vorrebbe ridiscutere i termini dell’accordo con l’Accademia. Ma nel frattempo, il consiglio direttivo dell’Accademia ha già deliberato la chiusura della biblioteca a partire dal 7 luglio, finché il Comune non corrisponderà quanto dovuto (ed è probabile che il 7 luglio partirà anche il decreto ingiuntivo nei confronti del Comune). L’alternativa è la chiusura definitiva di una delle biblioteche più importanti del Veneto, con tutto quello che ne conseguirà: l’impossibilità, da parte del pubblico, di accedere a un patrimonio librario eccezionale, l’impossibilità per gli studiosi di condurre le loro ricerche sui libri dell’Accademia, la chiusura di uno spazio di aggregazione e socializzazione (la biblioteca ha anche un’attivissima sezione dedicata ai ragazzi), la perdita di un luogo dove si fa e si vive la cultura, e ovviamente anche la perdita di posti di lavoro.

Già nel 2012 l’Accademia aveva rischiato la chiusura, sempre per gli stessi motivi. L’allarme era poi rientrato, ma la situazione è sempre rimasta molto precaria: e il nuovo rischio chiusura lo dimostra.

La cultura subisce quindi l’ennesimo affronto. I rodigini nel frattempo si stanno già mobilitando: è stata creata una pagina Facebook, Accademia dei Concordi - La cultura non può morire, che raccoglie discussioni e coordina eventuali manifestazioni a sostegno della biblioteca: si sta già parlando di organizzare qualcosa (flash mob o dibattiti) per il 7 luglio, data a partire dalla quale, come detto sopra, la biblioteca chiuderà i battenti se il Comune non corrisponderà il dovuto. E la chiusura della biblioteca a causa della mancanza del contributo del Comune, non potrà che voler significare il fallimento della politica del Comune di Rovigo. Perché la politica ha il dovere di promuovere la cultura. Far giungere una biblioteca alla chiusura significa perdere parte dell’identità di una città, significa togliere spazi ai cittadini, significa fare un ulteriore passo avanti verso l’imbarbarimento, significa far perdere ulteriormente affezione nei confronti della politica, che facendo chiudere la biblioteca compirà una scelta decisamente autolesionistica. E non bisogna poi dimenticare la gravità che costituisce la chiusura di un’istituzione che da secoli contraddistingue la città di Rovigo. Sono tutti danni causati dall’insensibilità verso la cultura. Un’insensibilità che rischia di privare Rovigo della sua biblioteca.

Federico Giannini - Ilaria Baratta


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE

Gli autori di questo articolo: Federico Giannini e Ilaria Baratta

Gli articoli firmati Finestre sull'Arte sono scritti a quattro mani da Federico Giannini e Ilaria Baratta. Insieme abbiamo fondato Finestre sull'Arte nel 2009. Clicca qui per scoprire chi siamo


Quando le biblioteche (soprattutto quelle universitarie) distruggono i libri
Quando le biblioteche (soprattutto quelle universitarie) distruggono i libri
La biblioteca del Warburg Institute di Londra rischia la dispersione
La biblioteca del Warburg Institute di Londra rischia la dispersione
Appello per la Biblioteca di Giuliano Briganti presso il complesso museale di Santa Maria della Scala, Siena
Appello per la Biblioteca di Giuliano Briganti presso il complesso museale di Santa Maria della Scala, Siena


Commenta l'articolo che hai appena letto



Commenta come:      
Spunta questa casella se vuoi essere avvisato via mail di nuovi commenti



1. Rodigino in data 07/07/2014, 19:52:10

La biblioteca era frequentata e amata, è "solo" un problema economico. Ma non è giusto spegnere un'istituzione così impotante e il flash mob che hanno appena fatto i Rodigini in Piazza V.Emanuele è una precisa dimostrazione della volontà di tutti. Anche perchè gli sprechi di soldi in altri settori ci sono stati, e parecchi. Lasciate perdere i lavori fatti male e da incompetenti (la porcheria del parcheggio del supermercato di Viale della Pace-Viale Costituzione è un chiaro esempio delle incompetenze urbanistiche) e salvate qualcosa che è importante per la cultura e per l'immagine.



2. Federico Giannini in data 08/07/2014, 00:41:41

@Rodigino grazie del tuo intervento! Ci fa piacere avere commenti da chi sta vivendo sul posto la vicenda...



Commenti dal post ufficiale su Facebook



Torna indietro



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER