Guercino rubato e sciatteria dei giornali


Come al solito, quando si parla di storia dell'arte sui giornali generalisti, assistiamo a errori e imprecisioni. Anche nel caso del Guercino rubato.

Che la Madonna con san Giovanni Evangelista e san Gregorio Taumaturgo del Guercino sia stata rubata, ormai lo sanno tutti: del resto, la storia dell’arte è solita far notizia sui media mainstream o quando c’è una vendita di milioni di euro in qualche asta, o quando vengono “scoperti” improbabili “capolavori”, oppure, come in questo caso, quando viene rubata un’opera d’arte di una certa rilevanza, specie se in modo rocambolesco come è successo a Modena.

Guercino, Madonna con san Giovanni Evangelista e san Gregorio Taumaturgo
Guercino, Madonna con san Giovanni Evangelista e san Gregorio Taumaturgo

C’è però una notizia nella notizia, ovvero la notizia per cui i giornali confermano la loro sciatteria quando parlano di storia dell’arte. Utilizzare i termini corretti? Figuriamoci. Informarsi in modo preciso prima di scrivere certe cose? Ma per favore. Utilizzare fonti che non siano Wikipedia? Non se ne parla nemmeno. Avere qualcuno in redazione che abbia un minimo di dimestichezza con una materia non facile come la storia dell’arte? Troppo faticoso e probabilmente troppo dispendioso. E il risultato è che si producono articoli con errori clamorosi.

Il primo: la data dell’opera. Pressoché tutti i quotidiani e tutti i siti web, e quando diciamo tutti intendiamo proprio la totalità di chi ha riportato la notizia, ha attribuito, al dipinto di Giovan Francesco Barbieri detto il Guercino, la data 1639. Ora nessuno pretende che i giornalisti vadano a recuperare il Libro dei Conti del Guercino per scoprire che il 25 giugno 1630, Paolo Antonio Barbieri, fratello dell’artista, annotava “Del Ser.no Sig.r Duca di Modena, si è ricevuto p. il Quadro d’Altare ne’ Padri Teatini, con la Madona, San Giovani, San Gregorio Taumaturgo che sono in tutto figure n: 3. dacordo in ducati 300 - e questo residovo, e Schudi 250”. Nessuno pretende che il giornalista medio della gazzetta locale o del quotidiano generalista vada a leggersi gli studi di Denis Mahon o altri esperti del settore. Ma sarebbe bastato che i giornalisti si fossero presi la briga di consultare un qualsiasi libro sull’artista dove è correttamente riportata la data 1629-1630. Sarebbe stato sufficiente, per esempio, il libretto su Guercino della collana Dossier d’Art scritto da Luigi Ficacci: costo dell’operazione, neanche 5 euro. Per i più parsimoniosi, anche zero euro: il tempo di trovare la libreria più vicina, dare una sbirciata al libretto di Ficacci, annotare la data giusta, e consegnare un articolo corretto alla redazione. Ma costa troppa fatica: allora anzi un’occhiata a Wikipedia che riporta la data 1639 e che a quanto pare è la fonte prediletta per pressoché tutti i quotidiani italiani (o almeno per il primo che ha dato la notizia, e che poi è stato ripreso da tutti gli altri). Per dovere di cronaca, l’unico giornale a riportare la data giusta è stato la Gazzetta di Modena che però ha corretto il tiro rispetto a un articolo uscito il giorno precedente: si vede che qualcuno glielo ha fatto notare.

Che dire poi dell’uso leggero di termini precisi e specifici? Per esempio: Il Fatto Quotidiano scrive che “Dalla chiesa di San Vincenzo in corso Canalgrande è sparita la Madonna con i santi Giovanni Evangelista e Gregorio Taumaturgo, olio su tela di 293x184,5 centimetri datato 1639”. Datato in storia dell’arte ha un significato ben preciso: significa che nel dipinto è esattamente riportata una certa data. Non sono noiose sottigliezze da studiosi: è il livello base della precisione in campo storico-artistico.

C’è, infine, la sempre odiosa tendenza a ritenere il valore economico dell’opera uno dei parametri fondamentali dell’opera. Se fosse per i media mainstream, gli apparati delle opere potrebbero essere riscritti così: "Guercino, Madonna con san Giovanni evangelista e san Giovanni Taumaturgo; 5-6 milioni di euro; olio su tela, cm 293 x 184,5 cm; 1629-1630; Modena, San Vincenzo". Non si capisce perché il lettore della gazzetta locale, così come del quotidiano a tiratura nazionale, dovrebbe essere interessato al valore economico di un’opera, tanto più in un caso come questo, con un dipinto palesemente invendibile: questo perché è un’opera delle più note e studiate del Guercino, e pertanto nessun collezionista, financo quello più privo di scrupoli, si prenderebbe il grossissimo rischio di acquistarla. Essendo quindi un’opera invendibile, non ha neppure senso sparare delle cifre. Quand’è che capiremo che il valore di un’opera sta nella sua storia, nel suo significato, nella sua importanza nel percorso di un artista, nella sua importanza per la comunità locale, nei valori che trasmette, e non in quanto potrebbe valere? La sensazione che si ha a leggere la notizia sui giornali è quella di una tristezza disarmante.

Se negli ultimi anni i giornali hanno perso migliaia di lettori, non è solo perché sul web le notizie si trovano gratis. Quindi, cari giornalisti dei tradizionali giornali generalisti, quando cercate di capire perché il pubblico che vi segue non è più né quantitativamente e né qualitativamente quello di un tempo, leggete questo post e fatevi delle domande.


Acquista il nostro libro Cronache dal mondo dell'arte 2020
Tutto il 2020 in un libro di 430 pagine con 60 fotografie a colori, in una selezione di 60 articoli scelti dalla redazione di Finestre sull'Arte.
CLICCA QUI
PER INFORMAZIONI

Federico Giannini

L'autore di questo articolo: Federico Giannini

Giornalista d'arte, nato a Massa nel 1986, laureato a Pisa nel 2010. Ho fondato Finestre sull'Arte con Ilaria Baratta. Oltre che su queste pagine, scrivo su Art e Dossier e su Left. Seguimi su Twitter:

Leggi il profilo completo


Commenta l'articolo che hai appena letto



Commenta come:      
Spunta questa casella se vuoi essere avvisato via mail di nuovi commenti



1. Anna Maria Panzera in data 15/08/2014, 13:02:11

Grazie... da storica dell'arte, si prova una certa stanchezza di fronte alle false risonanze



2. Andrea in data 17/08/2014, 11:15:06

io non mi meraviglio della presunta sciatteria dei giornalisti, anche se suppongo che in pochi sappiano come si lavora oggi in una redazione, la velocità di realizzazione dei pezzi, la mancanza di tempo per approfondire, gli organici praticamente dimezzati rispetto al passato. ma lasciamo stare, i giornalisti sono "cattivi" e tali rimangono. mi meraviglio di come, trovati gli errori, si preferisca scrivere un pezzo che leggeranno in quattro gatti (per giunta su un sito specialistico, quindi di gente che ne sa) piuttosto che segnalare gli errori alle redazioni stesse o correggere wikipedia che riporta l'errore (qualcuno l'ha fatto adesso, in effetti). no, più semplice stare in poltrona, lamentarsi della cialtroneria degli altri, (i giornalisti non sapranno come lavorano gli storici del'arte, ma gli storici dell'arte sapranno come lavorano i giornalisti?), salre sul piedistallo, scrivere il proprio pezzettino sul blogghino a gettare un po' di fango, e se l'errore persiste, chi se ne frega. tanto "io l'ho scritto che era sbagliato". gnegnegne. troppo facile criticare, più difficile collaborare. meditate, gente, meditate. ps: sulla cifra della valutazione del quadro, leggo in giro che la fonte è nientepopodimeno che vittorio sgarbi, che, piaccia o non piaccia, è uno storico dell'arte. andatelo a dire a lui di non sparare cifre ad minchiam



3. Federico Giannini in data 17/08/2014, 12:47:01

@Andrea quanto qualunquismo nel suo commento (a cominciare dalla chiosa finale con tanto di frase fatta, tratta da noto spot di nota birra). Tanto per cominciare, quello che lei chiama "blogghino" è un sito letto quotidianamente da quasi duemila persone, ha una pagina da 140.000 fan su Facebook e via dicendo. Secondo: la velocità di realizzazione dei pezzi non giustifica gli errori madornali, le imprecisioni e, in molti casi, la disinformazione. Terzo: segnalare l'errore non risolverebbe comunque il problema a monte, che non è il fatto di aver sbagliato una data, ma è il fatto che manca la volontà di approfondire e di documentarsi in modo preciso (e, ripeto, la velocità non è una scusa). È così strano, dunque, pretendere informazioni corrette? Ovvero pretendere che i giornalisti sappiano fare il loro mestiere e rispettino i loro lettori? Altrimenti, se un giornalista non è in grado di scrivere un pezzo di storia dell'arte, allora lo faccia scrivere a uno storico dell'arte.



4. Andrea in data 17/08/2014, 14:34:19

gentilissimo federico, scusi, ma trovo più qualunquista prendersela con la categoria dei giornalisti, sport tanto in voga in questi tempi. per carità, la categoria ha tante colpe, ma attaccarla per aver sbagliato di qualche anno la datazione di un'opera del guercino. dai, siamo seri. è un errore, giusto segnalarlo, ma da qui a farlo diventare simbolo di sciatteria ce ne passa. sul blogghino mi riferivo, in generale, a chi pesca l'errore e -appunto- invece di segnalarlo, si diverte di più a renderlo evidente a mo' di maestrino. meglio segnalare e rendere un servizio per tutti i lettori, piuttosto che alzare il ditino sul proprio spazio virtuale (sito, blog, giornale e chi ne ha più ne metta). pretendere l'informazione corretta è sacrosanto, quindi, a maggior ragione, è giusto segnalare per correggerla. e attenzione: io non giustifico i giornalisti che sbagliano, cerco di dare solo una spiegazione, e le due cose sono diverse. e non faccio di tutta l'erba un fascio. c'è cattiva informazione e c'è buona informazione, c'è informazione documentata e informazione all'acqua di rose. un po' come nell'arte e un po' come in tutti i campi, no? fare scrivere un pezzo d'arte agli storici dell'arte? e perché no? proponetevi agli editori, penso che i primi ad essere contenti saranno proprio i giornalisti, contenti di avere persone competenti con cui scrivere fianco a fianco. per finire la chiosa finale "meditate gente meditate" non era una frase fatta, ma semplicemente una citazione, che lei ha colto come penso abbiano colto i lettori un po' più avanti negli anni di questo sito. saluti



5. Federico Giannini in data 17/08/2014, 15:02:23

Purtroppo, caro Andrea, non è la prima volta che c'è superficialità sull'argomento "storia dell'arte" da parte dei quotidiani generalisti. Lo abbiamo visto tante volte: inutile ricordare, per esempio, la storia dei "cento disegni di Caravaggio" (linkata anche in questo post), presi per buoni e messi su tutte le prime pagine dei giornali senza prima interrogare gli esperti del settore. Credo che, dopo tanti errori, tanta superficialità, e spesso anche tanti attacchi diretti nei confronti degli esperti di settore (ricordiamo per esempio tutti gli articoli sulle soprintendenze), un minimo di risentimento verso la categoria "giornalisti" è "fisiologico". Non si tratta di generalizzare: sappiamo che ci sono anche esempi di giornalismo corretto e professionale, ma la tendenza è proprio quella della superficialità. Provi a cercare su Google, negli ultimi giorni, la parola "Guercino" con la data sbagliata e la parola "Guercino" con la data corretta: mi dica lei se il risultato che avrà davanti ai suoi occhi non si rivelerà come un interessante indice di superficialità. Noi saremmo anche i primi a volerci proporre a collaborare con gli editori per fare sana informazione sulla storia dell'arte, ma bisogna vedere se dall'altra parte c'è volontà. Spesso non otteniamo risposte neppure quando inviamo comunicati stampa... :-) Un saluto Federico Giannini



6. Luca in data 17/08/2014, 22:17:41

Concordo con Andrea: la velocità con cui i cronisti sono costretti a scrivere i pezzi non lascia spazio a grosse verifiche bibliografiche. Quanto all'opportunità di far scrivere certe notizie a specialisti della materia... beh, DATA ERRATA e STIMA DI MERCATO compaiono persino sull'edizione online de Il Giornale dell'Arte. E questo, sì, fa un po' pena.



Commenti dal post ufficiale su Facebook



Torna indietro



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma    

NEWSLETTER