Lavorare gratis nei musei per tenerli aperti? Lettera aperta di una studentessa al sindaco di Roma


Se i musei rischiano di chiudere, è lecito lavorare gratis pur di tenerli aperti? Ce lo domandiamo dopo aver letto la lettera aperta della studentessa Valentina Bortolotti al sindaco di Roma.

Si è discusso moltissimo, in questi giorni, sulla protesta dei lavoratori di Zétema, la società che gestisce i musei comunali di Roma. Il Comune di Roma infatti ha previsto numerosi tagli per Zétema, e a risentirne saranno ovviamente i musei, la qualità dei servizi offerti, e il numero dei posti di lavoro.

Sull’argomento abbiamo ricevuto una lettera aperta al sindaco Ignazio Marino da parte di una studentessa romana, Valentina Bortolotti. È giusto che i lavoratori protestino per i loro diritti, ma d’altra parte il rischio è quello di tenere i musei chiusi (e se ci saranno i tagli, il rischio potrebbe ripetersi nel tempo). Valentina si domanda quindi se non fosse il caso di mantenere i musei aperti gratuitamente avvalendosi di personale giovane che deve fare esperienza. Un punto di vista sicuramente forte, che in moltissimi non condivideranno, ma su cui c’è da discutere. Ecco cosa scrive Valentina al sindaco di Roma:

“Egregio sindaco,

mi chiamo Valentina Bortolotti e sono una studentessa di storia dell’arte presso la facoltà di Romatre. Premetto che amo l’arte, tutta. Dall’età villanoviana ai giorni nostri, dai resti delle antefisse fino ai quadri più celebri. Mi piace... no anzi la AMO, perché è il simbolo di un’attività intellettuale mai cessata, nemmeno quando i persiani invasero la Grecia o quando i barbari invasero le regioni italiane. Nemmeno durante le guerre l’uomo smette di creare, di fare arte. Si tratta dell’estrinsecazione della civiltà, della vivacità d’intelletto. È per questo che leggere articoli dove si spiega che per motivi economici, da aprile, molti musei potrebbero essere chiusi mi fa piangere il cuore. Perché a causa della crisi, ci troviamo di fronte a una decadenza alla quale dobbiamo reagire. Io voglio reagire quindi, e per questo sono qui, col cuore in mano, a scriverle che sarei disposta a lavorare GRATIS pur di mantenere anche un solo museo aperto. Per me sarebbe un sogno poter fare esperienza in un museo, vivere a contatto con la mia passione. E come me ce ne sono tanti, di giovani che lo farebbero. Vorrei chiederle quindi se fosse possibile poter fare questo, poter prestare un servizio al pubblico in cambio di un’esperienza che porterò con me per sempre. Spero che prenderà in considerazione questa richiesta che le permetterà di investire risorse umane anziché economiche.

Cordialmente,

Valentina Bortolotti”

Roma, Palazzo Senatorio


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE

Gli autori di questo articolo: Federico Giannini e Ilaria Baratta

Gli articoli firmati Finestre sull'Arte sono scritti a quattro mani da Federico Giannini e Ilaria Baratta. Insieme abbiamo fondato Finestre sull'Arte nel 2009. Clicca qui per scoprire chi siamo


I limiti della manifestazione dell'11 gennaio: la parte propositiva, forse, è da migliorare.
I limiti della manifestazione dell'11 gennaio: la parte propositiva, forse, è da migliorare.
Il Battistero di Firenze diventa pubblicità di una multinazionale francese. Ma chi ha pagato?
Il Battistero di Firenze diventa pubblicità di una multinazionale francese. Ma chi ha pagato?
Secondo Montanari, la riforma del MiBACT non sarebbe renziana. Ne siamo proprio sicuri?
Secondo Montanari, la riforma del MiBACT non sarebbe renziana. Ne siamo proprio sicuri?
A Roma, archeologi e storici dell'arte devono forse trovarsi un altro lavoro?
A Roma, archeologi e storici dell'arte devono forse trovarsi un altro lavoro?
Se l'Università di Foggia sopprime il corso di laurea magistrale in archeologia
Se l'Università di Foggia sopprime il corso di laurea magistrale in archeologia
Treviso: un museo stravolto e più di un milione di euro per le esigenze di una mostra di Goldin
Treviso: un museo stravolto e più di un milione di euro per le esigenze di una mostra di Goldin


Commenta l'articolo che hai appena letto



Commenta come:      
Spunta questa casella se vuoi essere avvisato via mail di nuovi commenti





Torna indietro