Il MiBACT cerca lavoratori a titolo gratuito: indegno, offensivo e pericoloso


Il MiBACT cerca lavoratori gratis per eventi culturali nell'ambito delle notti al museo: questo è indegno, offensivo e pericoloso. Ecco perché.

Nella celebre scena finale del film Fantozzi va in pensione, del 1988, il ragioniere più famoso d’Italia, pensionato ma preda della nostalgia di quando lavorava e desideroso di riprendere la sua ormai vecchia routine quotidiana, stringe un patto con il Mega-Direttore, duca conte Francesco Maria Barambani: Fantozzi viene reintegrato nella Mega-Ditta, in cambio però della sua pensione. Incredulo, Fantozzi domanda al Mega-Direttore se dovrà pagare per lavorare: la risposta del Mega-Direttore è affermativa, ma nonostante ciò, pur di tornare al suo passato, Fantozzi accetta l’assurda richiesta.

Fantozzi va in pensione

Ebbene, nel 2014, a ventisei anni di distanza, quella che sembrava una classica iperbole fantozziana, che mai avrebbe avuto luogo, è diventata una triste realtà: e non stiamo parlando di piccole aziende di provincia che, magari, spacciano per formazione lavori malpagati o nient’affatto retribuiti, facendo quindi ricadere gli oneri di ciò che comporta il lavoro (mezzi di trasporto, pranzi e quant’altro) sui malcapitati neoassunti di turno. Stiamo parlando di una istituzione dello Stato, ovvero il Ministero per i Beni Culturali e del Turismo. Lo scorso 7 luglio, il MiBACT ha fatto uscire sulla propria pagina Facebook un post in cui si rendeva noto al pubblico l’“Avviso pubblico per la presentazione di proposte per realizzare eventi culturali in occasione della manifestazione Notti al Museo”. Il link contenuto nel post è stato rimosso, ma il bando del MiBACT si può ancora trovare in rete, per esempio a questo link.

Riassumendo: il MiBACT cerca “persone fisiche e giuridiche che intendano realizzare eventi culturali a titolo gratuito in favore del Ministero, ad esclusione di organizzazioni partitiche o politiche”. Il tutto da tenersi ogni venerdì del mese, in coincidenza con le aperture serali dei musei stabilite dal Decreto Cultura di Franceschini. Quindi, in sostanza, il Ministero cerca lavoratori che prestino il proprio lavoro gratis per organizzare eventi (che riguardino per esempio, come leggiamo dal bando, questi ambiti: “musica, teatro, danza, letteratura”) ai musei nei giorni di apertura serale. Ma non solo: i lavoratori devono dichiarare “di essere in possesso di adeguata polizza assicurativa di responsabilità civile per danni a persone e cose” e di impegnarsi a “osservare tutte le norme che disciplinano la realizzazione di eventi, attività culturali, spettacoli da svolgersi in luogo pubblico e/o aperto al pubblico”. Che tradotto significa: i lavoratori, oltre a lavorare gratis, devono anche pagarsi da soli assicurazione e SIAE. Quindi, come nel film di Fantozzi, devono pagare per lavorare.

A dire il vero, il Ministero ci aveva provato anche lo scorso anno, in occasione dell’evento Una notte al museo, con un bando del tutto simile sul quale, però, la discussione fu breve e coinvolse poche persone, anche perché il bando aveva una durata inferiore (dodici giorni). Adesso invece l’indignazione interessa una larga parte della rete e viene soprattutto dalla base. E noi non possiamo che unirci a questa indignazione. Riteniamo infatti che la proposta del Ministero sia indegna, offensiva e pericolosa.

È indegna perché lo Stato dovrebbe essere il primo a riconoscere la dignità dei lavoratori, sancita dalla Costituzione: l’articolo 36 dice infatti che “il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e alla qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un’esistenza libera e dignitosa”. È quindi indegno per una istituzione dello Stato, ovvero un suo Ministero, disattendere a un altissimo principio costituzionale.

È offensiva perché i lavoratori della cultura vengono considerati degli hobbisti che possono permettersi di prestare a titolo gratuito la loro opera. Ma, dal momento che lavorano, hanno il sacrosantissimo diritto di veder riconosciuta la loro professionalità che, nella maggior parte dei casi, è maturata a seguito di impegnativi percorsi di studio e di grossi sacrifici per ottenere una specializzazione: far lavorare gratuitamente persone così qualificate, equivale a insultare loro, le loro famiglie che hanno fatto sacrifici per far sì che ottenessero titoli e professionalità, i loro insegnanti che hanno fatto in modo che riuscissero a raggiungere i loro obiettivi, e la cultura tutta, perché se si vuol far lavorare in modo gratuito i lavoratori della cultura, significa che gli estensori di questo bando non hanno così a cuore le sorti della cultura stessa.

È pericolosa perché crea un precedente e perché offre ai privati, che già in molti casi sguazzano in situazioni al limite della legalità e della non osservanza dei diritti dei lavoratori, una clamorosissima giustificazione: “se lo Stato non paga chi lavora per lui, allora perché io, privato, non posso fare altrettanto”?

Ci auguriamo pertanto che questo bando vada deserto e che l’indignazione continui a circolare fino a costringere il Ministero a ritirare il bando. E a chi sta pensando di partecipare, diciamo che lavorare gratis non danneggia solo se stessi, ma reca un grave danno anche agli altri. Per i motivi di cui sopra.


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE

Federico Giannini

L'autore di questo articolo: Federico Giannini

Giornalista d'arte, nato a Massa nel 1986, laureato a Pisa nel 2010. Ho fondato Finestre sull'Arte con Ilaria Baratta. Oltre che su queste pagine, scrivo su Art e Dossier e su Left. Seguimi su Twitter:

Leggi il profilo completo


A Roma, archeologi e storici dell'arte devono forse trovarsi un altro lavoro?
A Roma, archeologi e storici dell'arte devono forse trovarsi un altro lavoro?
Secondo Montanari, la riforma del MiBACT non sarebbe renziana. Ne siamo proprio sicuri?
Secondo Montanari, la riforma del MiBACT non sarebbe renziana. Ne siamo proprio sicuri?
Vince Matteo Renzi, perde la cultura
Vince Matteo Renzi, perde la cultura


Commenta l'articolo che hai appena letto



Commenta come:      
Spunta questa casella se vuoi essere avvisato via mail di nuovi commenti



1. Stefania M. in data 29/07/2014, 22:56:53

Se si vivesse in un Paese normale sarebbe accettabile anche un volontariato in campo culturale ( al museo della ceramica a Faenza c'era una sorvegliante in una sala che prestava servizio a titolo gratuito)



2. giorgio piccolin in data 30/07/2014, 10:20:57

Con simili burattini al governo capaci di leggi assurde , che strangolano i contribuenti con tasse ormai al di sopra della possibilità ,laddove già il volontariato fa meta del lavoro che spetta allo stato ,tutto è possibile in questo sfacelo di paese se poi detto da un personaggio ambiguo e scervellato come il ministro dei beni colturali !



3. Enrico Fontanelli in data 30/07/2014, 18:20:42

Ogni commento non è sufficientemente appropriato per definire queste oscenità.



4. jac in data 31/07/2014, 15:00:42

Io offro performance di arte urinaria e meteorica, gratis. Suggerisco ai signori del Mibact di distendersi, a titolo gratuito, su un'autostrada a loro scelta



5. Maurizio Marzano in data 31/07/2014, 18:36:26

Per gli esperti di marketing tutto ciò che è gratuito non vale nulla. Non è facile, ma bisogna cedere a questi ricatti.



6. Marco in data 31/07/2014, 21:11:00

@Carmela Canonico: E' semplice. Magari c'è qualcuno che ha voglia di condividere con altri quello che ha fatto, e non vede questa prestazione di servizio come un lavoro, ma come uno spazio quasi gratis (al prezzo dell'assicurazione e della SIAE) in cui praticare o mettere in mostra un hobby. E' una vetrina pubblicitaria a basso prezzo, non è un posto di lavoro. Trattarlo come tale genera il paradosso evidenziato dall'articolo. @Lara Boscarato: No, significa che loro non possono partecipare.



7. Emanuela Angius in data 03/08/2014, 10:33:43

In esclusiva mondiale solo nella repubblica delle banane: lavoro gratis per tutti!!!



8. Francesca Tirocchi in data 07/08/2014, 10:50:55

Non ci trovo nulla di male a lavorare gratis, se vuoi farlo, se vuoi condividere...tante persone lo fanno mettendo a disposizione degli altri il proprio sapere, la propria arte, la propria forza...si chiama volontariato. Piuttosto spesso si vedono persone che, pagate, dovrebbero svolgere il proprio lavoro con senso del dovere e non lo fanno perché purtroppo non c'è nessuno che si prende la responsabilità di licenziarli. Questo è uno dei grandi problemi che subiscono gli italiani.



9. Antonio Maiocchi in data 08/08/2014, 09:14:57

la costituzione : Art. 3 Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese. ___é osceno lavorare gratis e anche lavorare in continuazione con turni assurdi alla faccia di chi potrebbe essere assunto.



10. bernina in data 09/08/2014, 16:47:07

MA MAL MIBAC LAVORANO TUTTI GRATIS, NO?



11. Uomo Visibile in data 27/01/2015, 18:52:28

http://youtu.be/0xLDDYvYNNk



Commenti dal post ufficiale su Facebook



Torna indietro



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma    

NEWSLETTER