Museo del Novecento, digitalizzati in gigapixel capolavori di Boccioni, Klee, Modigliani e Kandinskij


Digitalizzati con tecnologia gigapixel alcuni dei capolavori del Museo del Novecento di Milano, grazie ad Haltadefinizione. Tra questi, Elasticità di Umberto Boccioni, Ritratto di Paul Guillaume di Amedeo Modigliani e Composizione di Vasilij Kandinskij.

Il Museo del Novecento di Milano ha selezionato alcuni dei suoi capolavori per digitalizzarli con tecnologia gigapixel, grazie ad Haltadefinizione, tech company di Franco Cosimo Panini editore, in collaborazione con il partner Memooria. Dopo il Quarto Stato di Pellizza da Volpedo, è la volta infatti di capolavori esposti nelle sale recentemente rinnovate, così da monitorarne lo stato di conservazione.

“L’acquisizione di opere d’arte con tecnologia gigapixel consente di raccogliere informazioni utili al monitoraggio in maniera totalmente non invasiva e non dannosa per l’originale”, afferma Luca Ponzio, fondatore di Haltadefinizione, “e allo stesso tempo consente di contribuire alla fruizione e alla valorizzazione delle opere stesse”.

Le nuove opere digitalizzate sono Elasticità (1912), Corpo umano (Dinamismo, 1913) e Dinamismo di un corpo umano (1913) di Umberto Boccioni, il Ritratto di Paul Guillaume di Amedeo Modigliani (1916), Wald Bau di Paul Klee (1919) e Composizione di Vasilij Kandinskij (1916).

I capolavori acquisiti con tecnologia gigapixel saranno visibili al pubblico sul sito del Museo del Novecento e di Haltadefinizione per scoprire i dettagli più minuti delle pitture futuriste. L’innovativa tecnica fotografica permette di ottenere un’immagine digitale di grande formato e in alta risoluzione (minimo 800 ppi) estremamente nitida e accurata. L’elevata precisione consente di riprodurre fedelmente un’opera d’arte, sia nelle proporzioni che nella cromia, e di osservarla dettagliatamente fino ai minimi dettagli. Si rivela quindi uno strumento importante per il monitoraggio e la conservazione dei beni culturali: peculiarità come micro-sollevamenti, cretti o pattern di degrado nella pellicola pittorica, che sarebbero invisibili o non identificabili a occhio nudo, possono essere documentati e studiati attraverso un’approfondita ispezione digitale della superficie dell’opera.

Immagine: Umberto Boccioni, Elasticità (1912; olio su tela; Milano, Museo del Novecento)

Museo del Novecento, digitalizzati in gigapixel capolavori di Boccioni, Klee, Modigliani e Kandinskij
Museo del Novecento, digitalizzati in gigapixel capolavori di Boccioni, Klee, Modigliani e Kandinskij


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Nasce a Omegna il Museo Gianni Rodari, interamente dedicato al grande scrittore dell'infanzia
Nasce a Omegna il Museo Gianni Rodari, interamente dedicato al grande scrittore dell'infanzia
Le iniziative inedite dedicate ai bambini del Museo e del Parco di Miramare
Le iniziative inedite dedicate ai bambini del Museo e del Parco di Miramare
Galleria dell'Accademia e Università di Firenze presentano progetto di tutela del museo con tecnologie avanzate
Galleria dell'Accademia e Università di Firenze presentano progetto di tutela del museo con tecnologie avanzate
Firenze, a Palazzo Pitti apre il nuovo Museo delle Icone Russe
Firenze, a Palazzo Pitti apre il nuovo Museo delle Icone Russe
Un viaggio nella scultura del Medioevo e del Rinascimento: il Museo del Bargello di Firenze
Un viaggio nella scultura del Medioevo e del Rinascimento: il Museo del Bargello di Firenze
MAR Ravenna: Facebook sospende per un mese il profilo del museo per nudo artistico
MAR Ravenna: Facebook sospende per un mese il profilo del museo per nudo artistico