Uffizi, quasi 2 milioni di visitatori nel 2021. Tutti i numeri del museo


Gli Uffizi, nonostante la pandemia, hanno ricevuto nel 2021 ben 1,7 milioni di visitatori, +42% rispetto al 2020. Tutti i numeri del 2021 del museo di Firenze. 

Quasi due milioni di visitatori per gli Uffizi nel 2021: sono stati, nel dettaglio, 1.721.637 i visitatori che lo scorso anno si sono recati al museo di Firenze. Certo, siamo ben lontani dai 4.391.895 del 2019, ma non sono numeri scarsi se consideriamo il periodo e se consideriamo che anche nel 2021, a inizio anno, ci sono stati periodi di chiusura piuttosto prolungati. Rispetto al 2020, gli Uffizi vanno poi a segnare un 42,7% con incrementi che riguardano sia la Galleria delle Statue e delle Pitture nell’edificio vasariano (969.695 visitatori, +47,1% a confronto dei 659.043 del 2020), sia il Giardino di Boboli (512.633, +46,9% a confronto del 2020), sia Palazzo Pitti (239.309, +20,7% rispetto al 2020). Si conferma inoltre stabile il trend di ascesa del pubblico giovanile che visita il museo: gli under 25 nel 2021 sono stati 326.185, quasi centomila in più dell’anno prima, quando erano stati 229.250 (+42,3%).

Alle Gallerie tornano a salire anche gli introiti, dai 9.806.783 euro nel 2020 a 14.742.830 milioni di euro (+ 50,3%, erano invece 35.162.860 nel 2019: i numeri attuali sono paragonabili a quelli del 2014, quando gli Uffizi segnarono quota 16.082.365), con quelli da bigliettazione cresciuti del +58,9%, passando da 7.427.105 euro a 11.802.916. Dopo il primo anno segnato dalla pandemia, in cui il museo ha potuto generare solo il 35,2% delle sue risorse economiche, nel 2021 la percentuale è cresciuta al 63,8%, anche grazie al lavoro su nuove e diverse fonti di reddito al di fuori della bigliettazione (ad esempio la vendita di una serigrafia digitale del Tondo Doni certificata con la tecnologia NFT), che hanno contribuito per il 13% al bilancio del 2021.

Gli Uffizi oggi hanno diffuso tutti i numeri del 2021: 78 i restauri di opere, tra i quali anche quello del Ritratto di Dante di Andrea del Castagno (a cura dell’Opificio delle Pietre Dure) e quelli delle icone russe ora esposte in Palazzo Pitti. 79 gli interventi di recupero e progettazione architettonica, inclusi 13 progetti di allestimento di eventi e mostre (da segnalare l’apertura delle nuove Sale del Cinquecento al primo piano della Galleria Uffizi; il restauro, riallestimento e riapertura del Terrazzo delle Carte Geografiche sempre nella Galleria delle Statue e delle pitture dopo oltre 20 anni di chiusura; il Museo delle Icone russe al piano terra di Palazzo Pitti; la realizzazione di 8 nuovi bagni e il restauro e la riapertura al pubblico di 8 ulteriori bagni nel percorso museale; la nuova illuminazione con 423 faretti Led della Galleria d’Arte Moderna a Palazzo Pitti).

Quanto alle mostre, sono state 25 quelle organizzate nel 2021: 10 alle Gallerie, con un forte accento sull’arte contemporanea: dalla mostra monografica di Giuseppe Penone a Lo sfregio, che ha messo a confronto il famoso busto, realizzato da Gian Lorenzo Bernini, di Costanza Piccolomini Bonarelli (l’amante dell’artista, da lui fatta deturpare nel volto per gelosia) con le fotografie di Ilaria Sagaria sulle donne sfigurate con l’acido. Per la prima volta, le esposizioni delle Gallerie organizzate altrove sono state più numerose di quelle offerte nei propri spazi. Tra le 15 mostre off-site sono da segnalare grandi iniziative nazionali e internazionali (da Forlì a Nîmes a Hong Kong), ma soprattutto 10 trasferte che si inseriscono nell’iniziativa degli Uffizi Diffusi, di cui la metà all’interno del progetto “Terre degli Uffizi” organizzato insieme alla Fondazione CR Firenze (Uffizi diffusi ad Assisi, Portoferraio, Prato, Monsummano Terme, Ravenna; Terre degli Uffizi ad Anghiari, Castiglion Fiorentino, Montespertoli, Poppi, San Godenzo).

Ancora, sul fronte delle donazioni, il patrimonio artistico delle Gallerie si è arricchito grazie a 8 donazioni di opere (da segnalare, l’autoritratto del londinese Endless (2021), primo street artist a entrare nella collezione, e i tre dipinti donati dai Friends of the Uffizi Galleries: Il Conte Ugolino di Fra Arsenio Mascagni (1611), San Pietro liberato dal carcere di Lionello Spada (1620 circa), Campagna siciliana in un giorno di pioggia di Francesco Lojacono (1886 circa); 15 gli acquisti (da segnalare: il San Paolo di Pellegrino Tibaldi e Giovan Pietro Gnocchi, 1585).

Quanto alla comunicazione digitale, sono quasi un milione i follower degli Uffizi su tutte le piattaforme social: per l’esattezza, 962.987 (Instagram 681.556, 71% del totale; Facebook 126.674, 13%; Tik Tok 96.400, 10%; Twitter 58.357, 6%). A questi si aggiungono i 5.080 iscritti del canale Uffizi Tv su Youtube. Il profilo Instagram delle Gallerie è al primo posto tra i musei italiani più seguiti e cresce del 17,3% rispetto al 2020; gli utenti di Twitter aumentano del 24,7%, quelli di Facebook del 51,2%, circa cinque punti più di Tik Tok, che amplia il suo pubblico del 45,9% e pone gli Uffizi, oltre che in testa alla classifica dei musei italiani, al terzo posto tra quelli d’arte più seguiti al mondo, dopo il Prado di Madrid e il Rijksmuseum di Amsterdam. Sul sito web del museo, www.uffizi.it, nel 2021 si sono registrate 13.319.127 visualizzazioni, da un totale di 2.400.361 utenti. 7 sono state le nuove mostre virtuali pubblicate durante l’anno, 1.113.552 le visualizzazioni da esse raccolte.

48 è il numero delle conferenze organizzate nell’ambito della rassegna Dialoghi d’Arte e di cultura del mercoledi; 19 sono state le pubblicazioni di volumi (3.875 pagine totali, delle quali 1.066 in inglese), 3 i convegni (uno sul tema dell’esilio organizzato in occasione del Giorno della Memoria, uno sul tema dell’Art Bonus, co-organizzato con il Segretariato Regionale del Ministero della Cultura, un altro ancora dedicato al tema La fabbrica della copia tra Sette e Ottocento in collaborazione con gli atenei di Firenze, Pisa e Salerno). Gli Uffizi si sono anche distinti sul fronte delle attività didattiche e dell’accessibilità: sono state 34 le visite in presenza al museo, tra le quali 12 per le scolaresche e 22 per le famiglie con bambini; 989 le lezioni online, con 10.648 studenti coinvolti, suddivisi in 484 classi; 42 gli incontri online per bambini e famiglie, 564 i bimbi coinvolti. I tirocini svolti in collaborazione con le università e altri enti sono stati 110. Il 2021 è stato inoltre l’anno del lancio del nuovo progetto con il brand degli Uffizi pensato per raccogliere le iniziative dedicate ai visitatori più piccoli, Uffizi Kids. Quanto all’ambito degli eventi dedicati all’accessibilità ed alla mediazione culturale, sono stati 53, tra visite e lezioni online, per 992 partecipanti complessivi; è stato poi presentato il primo libro tattile delle Gallerie, dedicato alla Primavera di Sandro Botticelli; nella sezione video del sito web delle Gallerie degli Uffizi sono state aggiunte 20 nuove clip alla serie di video sul museo effettuate nella lingua dei segni e, in collaborazione con la Rai, sono state realizzate 92 descrizioni audio della mostra virtuale Dante Istoriato con i disegni di Federico Zuccari per la Divina Commedia.

“Questi numeri incoraggianti, eccezionali rispetto alla situazione generale”, commenta il direttore degli Uffizi, Eike Schmidt, “sono dovuti al lavoro incessante svolto anche nel periodo più nero delle chiusure: i restauri, sia quelli architettonici che delle opere, non si sono mai fermati, i nuovi allestimenti sono continuati e il personale delle Gallerie si è adoperato in ogni modo per raggiungere virtualmente il pubblico e fare entrare il museo nelle case. Insieme abbiamo potuto raggiungere i visitatori abituali e invogliare nuove categorie a scoprire il valore del museo e dell’arte”.

Uffizi, quasi 2 milioni di visitatori nel 2021. Tutti i numeri del museo
Uffizi, quasi 2 milioni di visitatori nel 2021. Tutti i numeri del museo


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Completata la ricostruzione della Ronda di notte: ecco come era la versione originale di Rembrandt
Completata la ricostruzione della Ronda di notte: ecco come era la versione originale di Rembrandt
Il MUSE lancia una sfida a suon di poesia a tema natura nella sua foresta sonora
Il MUSE lancia una sfida a suon di poesia a tema natura nella sua foresta sonora
Pisa, apre finalmente il grande Museo delle Navi Antiche agli arsenali medicei
Pisa, apre finalmente il grande Museo delle Navi Antiche agli arsenali medicei
Après le déluge, tra opere riemerse e misconosciute a Villa d'Este
Après le déluge, tra opere riemerse e misconosciute a Villa d'Este
Piacenza, Farnese Segreto: percorso inedito in ambienti solitamente non accessibili e opere dei depositi
Piacenza, Farnese Segreto: percorso inedito in ambienti solitamente non accessibili e opere dei depositi
La Valle dei Templi lancia ValleCard: ingressi gratuiti tutto l'anno per coppie e famiglie
La Valle dei Templi lancia ValleCard: ingressi gratuiti tutto l'anno per coppie e famiglie