Matteo Renzi si dimette. Ecco cosa è successo ai beni culturali negli ultimi tre anni


5 dicembre 2016, ore 00:25: Matteo Renzi annuncia le dimissioni dalla presidenza del consiglio. Ecco un riassunto del suo rapporto con l'arte.

Circa un’ora fa Matteo Renzi ha dato l’annuncio ufficiale: presenterà le dimissioni, quindi a breve non sarà più presidente del consiglio. Noi di Finestre sull’Arte lo abbiamo seguito fin dagli albori della sua carriera politica, e abbiamo iniziato a scriverne dall’epoca in cui ricopriva il ruolo di sindaco di Firenze. Il suo rapporto con la cultura è stato molto intenso. Sebbene in un senso che noi non abbiamo mai inteso come positivo. Ha sempre avuto in odio le soprintendenze, non ha mai fatto mistero di considerare i musei come macchine da soldi, ha sempre visto la cultura più come modo per produrre reddito che come modo per sviluppare pensiero critico. Dal 2013, anno in cui abbiamo iniziato a scrivere di lui, ripercorriamo, con alcuni articoli significativi che gli abbiamo dedicato, il suo rapporto con l’arte e la cultura.

Renzi e Merkel davanti al David di Michelangelo
Matteo Renzi e Angela Merkel ai piedi del David di Michelangelo. Fotogramma tratto da Fanpage.it

2013

2014

2015

2016


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE

Gli autori di questo articolo: Federico Giannini e Ilaria Baratta

Gli articoli firmati Finestre sull'Arte sono scritti a quattro mani da Federico Giannini e Ilaria Baratta. Insieme abbiamo fondato Finestre sull'Arte nel 2009. Clicca qui per scoprire chi siamo


Commenta l'articolo che hai appena letto



Commenta come:      
Spunta questa casella se vuoi essere avvisato via mail di nuovi commenti



1. Rag in data 05/12/2016, 07:55:53

Tutto giusto. Altri governi prima fatto di peggio. Secondo voi chi potrà veramente salvaguardare e valorizzare il nostro patrimonio artistico ?



2. Stefano Novaria in data 14/12/2016, 18:06:31

Il NO ha vinto. Adesso che avete finito di festeggiare, cercate di non esagerare. Chi e' il vostro ministro dei beni culturari ideale? Grillo?




Commenti dal post ufficiale su Facebook



Torna indietro



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER