A Genova, tele jeans diventano opere contemporanee di artisti internazionali


Nell’ambito di Autunno BLU a Villa Croce, fino al 17 gennaio 2021 è in corso la mostra ArteJeans: storia di un mito nelle trame dell’arte contemporanea. 

Il Museo d’Arte Contemporanea di Villa Croce a Genova accoglie fino al 17 gennaio 2021, l’esposizione ArteJeans: storia di un mito nelle trame dell’arte contemporanea, in collaborazione con l’Associazione ArteJeans, nell’ambito della mostra plurima Autunno BLU a Villa Croce. Dal Blu di Genova di ArteJeans all’infinito di Yves Klein.

Saranno presentate in anteprima assoluta ventiquattro opere di artisti di fama internazionale donate alle Collezioni Civiche di Genova. Le opere degli artisti coinvolti (Alberto Biasi, Henrick Blomqvist, Enzo Cacciola, Pierluigi Calignano, Roberto Coda Zabetta, Maurizio Donzelli, Ettore Favini, Goldschmied & Chiari, Riccardo Guarneri, Emilio Isgrò, Ugo La Pietra, Marco Lodola e Giovanne Fra, Carolina Mazzolari, Ugo Nespolo, Giovanni Ozzola, Gioni David Parra, Francesca Pasquali, Pino Pinelli, Fabrizio Plessi, Gianni Politi, Laura Renna, Marta Spagnoli, Serena Vestrucci, Gianfranco Zappettini) sono state accuratamente selezionate dal comitato critico composto da Ilaria Bignotti, Luciano Caprile e Laura Garbarino.

Per la prima volta saranno quindi esposti al pubblico questi lavori in cinque spazi della sede museale genovese: un grande dono per Genova per guardare al futuro attraverso l’arte contemporanea.

Gli artisti hanno liberamente interpretato una tela jeans di 200 x 180 cm, offerta dal partner della manifestazione Candiani, trasformandola in opere d’arte.

“Un viaggio simbolico nel tempo e nella storia del jeans, nelle forme e nelle geografie culturali dell’arte italiana” ha scritto Ilaria Bignotti nel catalogo della mostra. “Le opere di questi artisti sono piccoli grandi ponti verso e da Genova all’Italia e al mondo [...] opere d’arte pensate unicamente per la volontà di contribuire alla nascita, a Genova, di una nuova realtà nelle arti visive contemporanee, aperta a tutti e capace di riscattare, ancora una volta, la comunità e la collettività dal silenzio e dall’assenza, dalla solitudine e dall’isolamento... raccontando anche fisicamente lo sforzo della città di ripartire, rinascere, ricostruire”.

ArteJeans nasce da un’idea di Ursula Casamonti e Francesca Centurione Scotto, come associazione per supportare, mediante la creazione di un’inusuale e rara collezione di opere in jeans, l’atteso evento di GenovaJeans, ideato da Manuela Arata, che celebrerà nella primavera 2021 il telo di Genova (jeans in inglese) come materiale con il quale la città si è vestita fin dal Medioevo, identificando Genova stessa. Il blue jeans, infatti, deve il suo nome a Genova, che dal XV secolo produceva un robusto fustagno tinto con l’indaco, particolarmente apprezzato in Inghilterra per l’ottimo rapporto qualità/prezzo. Ed è ancora oggi l’indumento più diffuso al mondo. 

 Per info: www.visitgenoa.it/evento/autunno-blu-villa-croce

Orari: Giovedì e venerdì dalle 15 alle 19, sabato e domenica dalle 11 alle 19.

Immagine: Alberto Biasi, Quel Blu Genova che veste il mondo (2020; intaglio e rilievi su tela jeans Candiani Denim, 120 x 120 x 7 cm)

A Genova, tele jeans diventano opere contemporanee di artisti internazionali
A Genova, tele jeans diventano opere contemporanee di artisti internazionali


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma