Alle Gallerie d'Italia di Napoli una mostra di 200 opere restaurate da Intesa Sanpaolo


Dal 21 maggio al 25 settembre 2022 le Gallerie d’Italia a Napoli ospitano l’esposizione conclusiva della XIX edizione di Restituzioni, con oltre duecento opere restaurate dal programma biennale di Intesa Sanpaolo. 

Dal 21 maggio al 25 settembre 2022 le Gallerie d’Italia a Napoli presentano l’esposizione conclusiva della XIX edizione di Restituzioni, programma biennale di salvaguardia e valorizzazione del patrimonio artistico nazionale curato e promosso da Intesa Sanpaolo. La mostra, che inaugurerà la nuova sede espositiva napoletana delle Gallerie d’Italia, presenta il risultato dei restauri di ottantasette nuclei di opere per un totale di oltre duecento manufatti, selezionati dall’Istituto bancario insieme a cinquantaquattro enti di tutela e appartenenti a ottanta enti proprietari, tra musei pubblici e diocesani, chiese e luoghi di culto e siti archeologici. La curatela scientifica è di Carlo Bertelli, Giorgio Bonsanti e, da questa edizione, Carla Di Francesco.

Per la prima volta la XIX edizione coinvolge tutte le regioni italiane, testimoniando così la sua dimensione nazionale; Restituzioni si estende però anche a una realtà europea e a una extraeuropea. A rappresentare l’Europa quest’anno sarà la Francia, con un capolavoro di Vittore Carpaccio dal Museo Jacquemart-André di Parigi. Il Brasile darà invece un respiro mondiale al progetto, nell’importante tentativo di salvare un affresco pompeiano gravemente danneggiato dall’incendio che, nel 2018, ha devastato il Museu Nacional di Rio de Janeiro.

Quest’edizione di Restituzioni coprirà un arco cronologico di ventisei secoli, spaziando dall’antichità al contemporaneo. Tra le opere oggetto di restauro, un gruppo di specchi bronzei di VI-V secolo dal Museo Archeologico Nazionale di Locri; il Kouros di Rhegion dal Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria; il Larario di legno ormai carbonizzato da Ercolano; i tre mosaici pavimentali paleocristiani dalle grandi terme di Aquileia; il Polittico di Giusto de’ Menabuoi dal Battistero di Padova; le grandi ante-reliquiario in argento degli anni Settanta del XV secolo dal Museo Diocesano di Andria; il San Girolamo penitente e La visita dei tre angeli ad Abramo di Antonello da Messina della Pinacoteca Civica di Reggio Calabria; il Trittico di San Lorenzo di Giovanni Bellini e bottega dalle Gallerie dell’Accademia di Venezia; la Trasfigurazione di Giovanni Bellini dal Museo di Capodimonte, da cui giunge anche la Madonna con Bambino e i santi Elisabetta e Giovannino di Agnolo Bronzino; il Polittico di Sant’Anna di Capodistria di Cima da Conegliano dal Museo di Palazzo Ducale di Mantova; il cartone preparatorio di Giulio Romano, La battaglia di Costantino contro Massenzio al Ponte Milvio, dalla Pinacoteca Ambrosiana di Milano; gli Arazzi con episodi della guerra di Troia del Museo dell’Università di Bologna; la Pala detta di San Domenico di Romanino dalla Pinacoteca Tosio-Martinengo di Brescia; il baldacchino con la Vergine e il Bambino da Predazzo; le Croci processionali dal Museo dell’arte Sacra della Marsica a Celano; i dipinti di Santa Cecilia e Santa Apollonia da Tolve; il Sole di Pellizza da Volpedo dalla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma; il dipinto Dinamismo di un corpo umano di Umberto Boccioni proveniente dal Museo del Novecento di Milano; la Campana di Luigi Mainolfi dalla Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Torino. Non mancano oggetti particolari come i codici cartaceo-membranacei del XV secolo della Divina Commedia dalla Biblioteca dell’Università di Bologna; il Messale del vescovo François de Prez, un manoscritto del 1464-1470 circa proveniente dalla Cattedrale di Aosta; il velo funebre del Cardinal Branda Castiglioni dal Museo della Collegiata di Castiglione Olona; la Camicia Talismanica in lino di fattura ottomana del XVII secolo dal Museo delle Civiltà di Roma; il mantello indossato da Napoleone per l’incoronazione a Re d’Italia, insieme alla corona, al bastone del comando, allo scettro e alla mano di giustizia, tutti provenienti dalla Pinacoteca di Brera di Milano. Il Presepio storico della parrocchiale di Santa Caterina di Cardè dal Palazzo dei Vescovi di Saluzzo si affiancherà al Presepe di Francesco Londonio del Museo Diocesano di Milano.

Rientra in questa edizione di Restituzioni anche il restauro della Cena di san Gregorio Magno, promosso dal Comune di Vicenza e dalla Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Verona, Rovigo e Vicenza, sostenuto da Intesa Sanpaolo in occasione dei trent’anni del programma Restituzioni. Il monumentale dipinto su tela di Paolo Veronese, voluto per il Santuario di Monte Berico a Vicenza e inamovibile dalla sede per cui venne creato per ragioni conservative, sarà raccontato in mostra attraverso i video che consentiranno al visitatore di seguire le fasi salienti del restauro di un’ampia selezione di opere.

Il catalogo generale con le schede storico-artistiche e le relazioni di restauro di ciascuna opera, pubblicato online e scaricabile gratuitamente dal sito www.restituzioni.com, è affiancato da un’agevole e divulgativa guida cartacea alla mostra.

Per maggiori info è possibile visitare il sito www.restituzioni.com

Immagine: Direzione Regionale Musei del Friuli Venezia Giulia - Museo Archeologico Nazionale di Aquileia. © Marco Santi - Gruppo Mosaicisti Ravenna

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraRestituzioni
CittàNapoli
SedeGallerie d'Italia
DateDal 21/05/2022 al 25/09/2022
CuratoriCarlo Bertelli, Giorgio Bonsanti, Carla Di Francesco
TemiNapoli, restauro

Alle Gallerie d'Italia di Napoli una mostra di 200 opere restaurate da Intesa Sanpaolo
Alle Gallerie d'Italia di Napoli una mostra di 200 opere restaurate da Intesa Sanpaolo


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Chernobyl: le fotografie che testimoniano la catastrofe in mostra a Bologna
Chernobyl: le fotografie che testimoniano la catastrofe in mostra a Bologna
In Puglia una mostra su Giovanni Boldini con opere in arrivo da Ferrara
In Puglia una mostra su Giovanni Boldini con opere in arrivo da Ferrara
Al Mart di Rovereto una grande mostra su Botticelli e sulla sua eredità oggi
Al Mart di Rovereto una grande mostra su Botticelli e sulla sua eredità oggi
Biomega Multiverso, la nuova personale site specific di Cosimo Veneziano
Biomega Multiverso, la nuova personale site specific di Cosimo Veneziano
Le più belle opere in vetro di artiste internazionali in mostra a Murano
Le più belle opere in vetro di artiste internazionali in mostra a Murano
Due appuntamenti per vedere le ceramiche di Bertozzi & Casoni. Con omaggio ad Arcimboldo
Due appuntamenti per vedere le ceramiche di Bertozzi & Casoni. Con omaggio ad Arcimboldo