I disegni di Michelangelo per la Cappella Sistina in mostra in Georgia


Aperta la mostra sui disegni preparatori di Michelangelo per la Cappella Sistina a Tblisi, in Georgia. Durerà fino al 3 aprile.

Dal 2 Febbraio al 3 Aprile la Galleria Nazionale Dimitri Shevardnadze del Museo Nazionale Georgiano di Tblisi metterà in esposizione i disegni preparatori di Michelangelo Buonarroti per gli affreschi che avrebbe dipinto per la Cappella Sistina. Dopo il successo delle esposizioni dedicate a Botticelli e Caravaggio, ora tocca a Michelangelo essere protagonista dell museo della Georgia: una collezione di 200 schizzi, manoscritti, dipinti, sculture e reperti archeologici conservati nella Casa Buonarroti di Firenze, la cui presidente, Pina Ragionieri, ha selezionato personalmente quali reperti concedere alla Galleria.

Tra questi c’è anche lo “Studio di braccio per una figura della Volta Sistina”, che gli studiosi fanno risalire al 1509-1510 circa e che Michelangelo realizzò a matita nera, del quale Ragionieri ha commentato: "il tratto assai energico esaltato dall’uso plastico del chiaroscuro, ha spinto Luciano Berti a definire ’disegnar scolpendo’ la tecnica usata qui, come in altri fogli giovanili, da Michelangelo e a ritrovare in questo disegno una probabile memoria dell’antico Discobolo, ma soprattutto una mano potente che riprende un motivo sperimentato nel David, e ripetutamente presente nelle figure della Volta. Non a caso questo avambraccio destro steso in orizzontale ha determinato la critica ad avvicinarlo a personaggi diversi: il Frey, per esempio, lo riferisce al braccio del Dio Padre della Creazione di Adamo, mentre il Wilde e il Tolnay vi riconoscono un’immagine specularmente rovesciata del braccio sinistro di Noè ubriaco. Anche se il Thode pensò per questo foglio alla fase cronologicamente molto più avanzata del Giudizio finale, in esso si riconoscono ormai concordemente i caratteri salienti del segno e della spiritualità dell’artista ancor giovane, quando appunto scolpiva il David e affrontava l’impresa della Volta".

L’evento è organizzato dall’Ambasciata d’Italia e dal Museo Nazionale Georgiano in collaborazione con l’Associazione Culturale MetaMorfosi, per volere di numerose istituzioni: da parte italiana i Ministeri degli Esteri e della Cultura italiani e il programma “VivereALL’italiana”, mentre da parte georgiana il Ministero della Cultura e della Protezione dei Monumenti, il Ministero dell’Economia e dello Sviluppo Economico, l’Amministrazione Nazionale del Turismo, Check-in-Georgia, la Banca VTB.

“L’ormai consolidata collaborazione tra MetaMorfosi e Casa Buonarroti ha permesso alla nostra associazione di mettere a disposizione dell’Ambasciata Italiana a Tbilisi, per l’organizzazione di questa mostra, una selezione allo stesso tempo potente e raffinata di disegni di Michelangelo.” ha spiegato il direttore generale di MetaMorfosi Vittorio Faustini intervenuto alla presentazione della mostra alla quale ha partecipato anche l’ambasciatore italiano in Georgia Antonio Enrico Bartoli "In particolare Lo studio di braccio per la volta della Sistina realizzato da Michelangelo a matita nera, e lo studio di testa per il Diluvio, realizzato invece dal maestro a matita rossa, rappresentano due straordinari momenti di sintesi artistica del genio michelangiolesco che da soli valgono un’intera esposizione. MetaMorfosi, che ha già affiancato l’Ambasciata italiana nella realizzazione nella precedente esposizione dedicata a Botticelli, vuole confermare così il suo ruolo di ponte tra le culture del mondo, nel segno mai prescindibile del Rinascimento italiano".

I disegni di Michelangelo per la Cappella Sistina in mostra in Georgia
I disegni di Michelangelo per la Cappella Sistina in mostra in Georgia


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma    

NEWSLETTER