Roma, Bruno Munari e Gianni Rodari, maestri del Novecento, dialogano al Palazzo delle Esposizioni


Il Palazzo delle Esposizioni di Roma ha aperto le porte alla mostra Tra Munari e Rodari, un’iniziativa proposta dal Comitato promotore per le celebrazioni dell’Anno Rodariano istituito da Biblioteche di Roma: si tratta di una mostra che, dal 16 giugno al 24 ottobre 2020, intende far dialogare due grandi personalità italiane del Novecento, l’artista Bruno Munari (Milano, 1907 - 1998) e lo scrittore Gianni Rodari (Omegna, 1920 - Roma, 1980).

Il progetto, in collaborazione con Corraini Edizioni, con cui Bruno Munari ha sempre lavorato stabilmente nel corso degli anni, vuole essere un omaggio ai due artisti e celebrare il loro incontro, umano e intellettuale. Non un formale tributo ma un dono a due maestri nei rispettivi campi: un percorso che si dipana attraverso dieci pannelli che raccontano con poesia e immediatezza i punti di contatto tra i due artisti, un binomio fantastico da cui è sprigionato il piacere dell’invenzione, della fantasia della creatività che fa di Rodari e Munari personaggi unici del panorama artistico del Novecento italiano.

“Bruno Munari e Gianni Rodari”, scrive Paolo Fallai, presidente delle Biblioteche di Roma, nel catalogo della mostra, “sono due scorpioni. E non perché sono nati a poche ore (e tredici anni) di distanza, il 24 e il 23 ottobre, o per misteriose ragioni legate all’astronomia e alle arti divinatorie. Ma perché hanno punto le nostre supponenti certezze, lasciando ferite non rimarginabili. Hanno liberato le immagini e le parole, che con tanta fatica, la nostra tradizione culturale voleva inscatolare e ridurre a schemi rigidi e rassicuranti. Ci hanno insegnato che l’inutilità è indispensabile: quella che ‘non produce beni di consumo materiale’ e non fa ‘aumentare il capitale’. Hanno rivalutato lettere e segni, senza pensare al loro valore algebrico. Prendendo in giro in modo lieve e solenne le nostre grevi e solenni convinzioni”.

Bruno Munari è stato uno dei massimi protagonisti dell’arte, del design e della grafica del Novecento. Ha sempre dedicato la propria attività creativa alla sperimentazione, con un’attenzione particolare al mondo dei bambini e dei loro giochi. Le sue creazioni nei campi della pittura, scultura, design, fotografia e didattica ne attraversano le diverse poetiche seguendo il filo della sua personalissima originalità.

Gianni Rodari è stato maestro, giornalista, pedagogista e scrittore, a partire dagli anni Cinquanta ha iniziato a pubblicare le sue opere per bambine e bambini, che hanno ottenuto fin da subito un enorme successo di pubblico e di critica. I suoi libri, tradotti in molte lingue, hanno meritato nel 1970, il prestigioso premio “Hans Christian Andersen”, considerato il “Nobel” della letteratura per l’infanzia. La sua Grammatica della fantasia, è diventata fin da subito un punto di riferimento per quanti si occupano di educazione alla lettura e di letteratura per ragazzi.

Per tutte le informazioni potete visitare il sito ufficiale del Palazzo delle Esposizioni.

Roma, Bruno Munari e Gianni Rodari, maestri del Novecento, dialogano al Palazzo delle Esposizioni
Roma, Bruno Munari e Gianni Rodari, maestri del Novecento, dialogano al Palazzo delle Esposizioni


Acquista il nostro libro Cronache dal mondo dell'arte 2020
Tutto il 2020 in un libro di 430 pagine con 60 fotografie a colori, in una selezione di 60 articoli scelti dalla redazione di Finestre sull'Arte.
CLICCA QUI
PER INFORMAZIONI



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma    

NEWSLETTER