Torino: un nuovo allestimento alla Galleria Sabauda


La Galleria Sabauda di Torino si dota di un nuovo allestimento per circa cinquanta opera comprese tra la fine del Trecento e la metà del Cinquecento.

Con il progetto “Un’altra armonia. Maestri del Rinascimento in Piemonte”, a cura di Annamaria Bava, la Galleria Sabauda di Torino propone un nuovo allestimento per circa cinquanta opere databili tra la fine del Trecento e la metà del Cinquecento.
L’obiettivo di questo riallestimento è di porre l’attenzione del visitatore sul patrimonio culturale del territorio piemontese, ammirando le tavole e polittici a fondo oro di artisti come Martino Spanzotti, Defendente Ferrari, Macrino d’Alba, Pietro Grammorseo, Gaudenzio Ferrari e Gerolamo Giovenone.

Il nuovo allestimento occupa 380 mq al piano terra dell’edificio, nell’ala sud verso Palazzo Reale ed è diviso in 9 sezioni: 1) Eleganza gotica; 2) Sugli altari del Piemonte: la forma del polittico; 3) Giovanni Martino Spanzotti; 4) La seduzione di Roma: Macrino d’Alba; 5) Lo sguardo oltre le Alpi: Defendente Ferrari; 6) Gli eccentrici; 7) Una voce del Rinascimento: Gaudenzio Ferrari; 8) L’organizzazione della bottega; 9) Il Manierismo.

Enrica Pagella, direttrice dei Musei Reali, spiega: "Ci è parso necessario  aprire una nuova sede espositiva al piano terra, dove abbiamo costruito nuovi nuclei dedicati alle mostre temporanee. I Musei Reali di Torino - ha detto ancora la direttrice - hanno superato la prima fase, sono state riaperte porte, riallacciati rapporti. C’è ancora molto da fare, ma stiamo lavorando per rendere i nostri Musei più accessibili, innovativi e inclusivi, per giocare alla pari con i grandi Musei internazionali, certi di avere il pubblico dalla nostra parte”.

Il 2017 si è rivelato un anno particolarmente florido per il Museo torinese, con il 20,5% di visitatori in più rispetto al 2016.
Il nuovo allestimento sarà visitabile dal 16 Dicembre 2017 al 31 Dicembre 2018 dal Martedì alla Domenica (Lunedì è il giorno di chiusura) dalle 9 alle 19 (i giorni 24 e 31 Dicembre sarà aperto dalle 9.00 alle 14.00, mentre i giorni 25 Dicembre e 1 Gennaio sarà chiuso). Il prezzo del biglietto è di 12 € per quello intero e 6 € per quello ridotto (ragazzi dai 18 ai 25 anni), mentre per i minori di 18 anni l’ingresso è gratuito. Per qualsiasi informazione potete telefonare al numero +39 011 5211106, visitare il sito www.museireali.beniculturali.it, oppure mandare una mail a mr-to@beniculturali.it.

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraUn’altra armonia. Maestri del Rinascimento in Piemonte
CittàTorino
SedeGalleria Sabauda
DateDal 30/11/-0001 al 30/11/-0001
ArtistiDefendente Ferrari, Martino Spanzotti, Macrino d’Alba, Pietro Grammorseo, Gaudenzio Ferrari, Gerolamo Giovenone
CuratoriAnnamaria Bava
TemiQuattrocento, Cinquecento, Trecento

Torino: un nuovo allestimento alla Galleria Sabauda
Torino: un nuovo allestimento alla Galleria Sabauda


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


I colori della luce di Bruno Munari in mostra alla Fondazione Plart di Napoli
I colori della luce di Bruno Munari in mostra alla Fondazione Plart di Napoli
La street art dei London Police arriva in mostra a Roma
La street art dei London Police arriva in mostra a Roma
Bologna, i 50 anni di Sturmtruppen raccontati in una mostra
Bologna, i 50 anni di Sturmtruppen raccontati in una mostra
Angelo Morbelli. Il poema della vecchiaia: ricomposto dopo oltre un secolo l'intero ciclo pittorico
Angelo Morbelli. Il poema della vecchiaia: ricomposto dopo oltre un secolo l'intero ciclo pittorico
Al Vittoriano una personale di Julien Friedler: “Behind the world”
Al Vittoriano una personale di Julien Friedler: “Behind the world”
Josef Albers e l'arte precolombiana: la nuova mostra della Peggy Guggenheim Collection
Josef Albers e l'arte precolombiana: la nuova mostra della Peggy Guggenheim Collection